Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 17 luglio 2016

Il Rigatone, cace e ove...in camicia per #girodeiprimi


Quinta tappa di un contest pieno di sprint come quello indetto da La Melagrana per Pasta di Canossa: #girodeiprimi.
Una sorta di giro d'Italia tra i vari formati di pasta proposti da Pasta di Canossa.
Questa tappa toccherà l'Abruzzo e le sue tradizioni.

Questa volta purtroppo ho incontrato un intoppo. Avevo giù scelto la ricetta da eseguire, durante un fine settimana nella Casetta Gialla ho provveduto ad eseguirla, fotografarla.
Cace e ove. In pratica una salsa cremosa eseguita mantecando il tuorlo d'uovo e il formaggio che avvolge la pasta.
Una specie di punto d'incontro tra una carbonara (senza guanciale) ed una cacio e pepe.
Mancava solo il post e la settimana incalzante ha ritardato la sua pubblicazione.
Risultato: la bravissima Nonna Sole ha avuto la mia stessa idea e l'ha pubblicata prima.

Adesso? Che faccio?? Il tempo di pensare ad un'altra idea/alternativa non lo avevo e poi, per giunta, il piatto è particolarmente piaciuto al Martirio.

Stavo per gettare la spugna quando mi è venuto in mente che potevo "variare" l'utilizzo degli ingredienti. Invece di creare una crema con il tuorlo dell'uovo ed il pecorino, ho pensato di aggiungere un uovo in camicia che, rompendosi sopra la pasta, potesse avvolgere e condire una pasta inizialmente creata come cacio e pepe.


Un paio di "prove tecniche" per ottenere un buon uovo in camicia e ho la possibilità di partecipare  con questa idea in zona Cesarini,  al Contest #girodeiprimi di Pasta di Canossa e la Melagrana.


RIGATONI CACE E OVE IN CAMICIA.






Grattugiate finemente il pecorino, versatelo in una ciotola e aggiungete il pepe macinato al momento.



Portate a  bollore una pentola con abbondante acqua salata e gettate la pasta. Tenete da parte 1 tazza di acqua di cottura con la quale stemperate il formaggio ed il pepe creando una specie di salsina. Una volta scolata la pasta, mantecatela con questa salsina, tenete coperta e procedete con la cottura delle uova in camicia.



In un pentolino a parte fate bollire 1/2 litro d'acqua (la profondità dell'acqua dovrebbe essere superiore a 10 cm) con 2 cucchiai di aceto.



Sgusciate le uova in singole ciotoline o tazze (1 uovo per ogni ciotola). Quando l'acqua comincerà a fremere, con un cucchiaio create un vortice e versate l'uovo delicatamente nell'acqua. Fate cuocere per 3 minuti e adagiatelo delicatamente sulla porzione di pasta preparata per ogni commensale cospargendolo con un poco di pepe.


Rompere delicatamente l'involucro morbido dell'uovo in camicia farà colare il tuorlo caldo sopra i rigatoni, mantecandoli ulteriormente.







1 commento:

  1. Bella ricetta veloce e che mi piace sicuramente!!!!

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.