Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

sabato 17 settembre 2016

Spaghettoni del RAIS per #girodeiprimi




Penultima e settima tappa del contest #girodeiprimi di Pasta di Canossa.
Un giro d'Italia con tante ricette diverse per otto regioni e otto formati di pasta.
Questa volta tocca agli spaghettoni un formato che, personalmente, ho molto apprezzato.
Questa tappa ci porta in Sicilia una terra ricca di tantissimi ingredienti tipici.
Sicilia: Isola nel Mediterraneo. 
Sicilia e la sua pesca. 
Sicilia e mi viene in mente l'immagine delle tonnare, con gli uomini tesi sulle reti, mentre il RAIS, colui che coordinava la mattanza, dava ordini e guidava uomini e mezzi verso il punto più pescoso e dava il ritmo alla pesca.
Quindi un trancio di tonno rosso e freschissimo finisce nella borsa della spesa e pensando ad un peschereccio, alla cambusa scarna ed all'esigenza dei pescatori di consumare un piatto veloce ma gratificante, che mi è venuto in mente di abbinare i "cucunci" o frutti di cappero sotto sale, i pomodori essiccati al sole della terraferma, messi sott'olio da madri e mogli, all'aroma del sesamo che spesso troviamo nei dolci siciliani ma che si sposa benissimo anche con una carne come quella del tonno. 
In ultimo ho pensato che, essendo un piatto di pesce, ovviamente di spolverare gli spaghettoni con del formaggio non se ne parla, ma dell'aggiunta di un po' di scorza di limone grattugiata da quella freschezza al piatto che conquista.
Ed infatti ha conquistato subito Arc, il mio esigentissimo studente al ritorno da uno dei primi giorni di scuola.
Tanto conquistato che mie li ha richiesti di nuovo "con più condimento ancora" per la prossima settimana.


Quindi con questa ricetta partecipo  al Contest #girodeiprimi di Pasta di Canossa e la Melagrana.


SPAGHETTONI DEL RAIS





Tagliate il trancio di spada tonno a listarelle, tritare i frutti di cappero (o cucunci) grossolanamente tenendone da parte qualcuno per la decorazione e 5 pomodori secchi a julienne. Con una grattugia sottile o con un riga-limoni, ricavate delle striscioline di scorza profumata e 
           tenetele da parte. Spremete il limone.

Mettete a scaldare una pentola con abbondante acqua salata e, al bollore, gettare gli spaghettoni. 



Fate scaldare l'olio EVO in una padella con l'aglio. Appena comincerà a sfrigolare (ed a sentirsi il profumo dell'aglio), togliete la fesa dall'olio ed aggiungete il trito di fiori di cappero ed il tonno.



Fate saltare a fuoco vivace sino a che cominceranno a sbianchire, sfumate con il succo di limone, aggiungete i pomodori e il sesamo continuando a cuocere il tonno.
Spegnete e tenete in caldo.




Scolate gli spaghettoni al dente e saltateli nella padella assieme al sugo aggiungendo, se necessario, un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta.




Impiattate e finite con un ciuffetto di scorzette grattugiate. Guarnite il piatto con un pomodoro secco ed un paio di frutti di capperi.




12 commenti:

  1. Sei sempre in prima linea, brava quasi quasimi propongo come aiuto chef😂😂😂😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buenos dias Chef!!!
      Un così bel complimento da parte tua mi farà camminare 2 spanne più in alto per tutto il giorno.
      A presto.
      Nora
      PS - Se vuoi vengo a farti da aiuto. Come lavo i piatti io...

      Elimina
  2. Riporti l'estate in questa domenica di pioggia autunnale! Sei davvero bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pioggia anche a Milano ma con l'arcobaleno.
      Sei sempre troppo buona!
      Bacioni
      Nora

      Elimina
  3. Ciao Nora il sugo mi convince così tanto che è già in programmma; però ho/ha un crisi di indentità: negli ingredienti si legge tonno (forse varrebbe la pena di aggiungere "fresco" per quelli che saltano direttamente alla ricetta senza sapersi gustare il racconto), ma nel primo capoverso della descrizione si legge "spada". Il che mi arrangerebbe pure perché ce l'ho in frigo e lo farei già stasera, ma forse non era quella l'intenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie (come sempre) per le tue preziosissime correzioni (sono una stordita, non dovrei scrivere quando faccio le ore piccole...) Ho controllato negli ingredienti e i 300 g erano già indicati come tonno fresco me ho corretto lo "spada" che si era infilato in mezzo di suo.
      Sono contentissima che lo provi, a noi è piaciuto tantissimo ed è un piatto anche "sprint".
      A presto amica mia!
      Nora

      Elimina
    2. Tra l'altro penso non venga male nemmeno con lo spada ma (forse) potrebbe risultare un po' più stopposo e potresti ovviare aggiungendo un po' di acqua di cottura quando lo "salti" nel condimento con gli spaghetti.
      Baci

      Elimina
    3. Be' allora ci proverò con lo spada sfruttando la tua astuzia, perché ho il frigo pieno del suddetto pesce (e di pomodori secchi per l'insalata di Fabiana); poi farò anche la versione con il tonno. Grazie a te.

      Elimina
  4. Stasera cena col rais al tonno. Ottimi! Gustosi senz'essere eccessivi, profumati e di sostanza. Non li ho ancora fatti con lo spada ma hai ragione vengono meglio col tonno direi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissima ti siano piaciuti! Il tonno rende decisamente bene.
      Nora

      Elimina
    2. Assolutamente sì, il connubio delle consistenze è perfetto.

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.