Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 25 giugno 2012

LE SCALOPPINE ALLA KING… OVVERO LE SCALOPPINE DEL RE E DI MARCELLO




Sono nata e vissuta a Milano, che adoro nonostante il caos che la percorre, lo smog e la gente sempre frettolosa e distante. La vivo tutti i giorni in mezzo a questa moltitudine colorata di gente che si sposta senza nemmeno guardarsi attorno, soffocata nel cemento e nei crucci di tutti i giorni.
Lavoro nella parte periferica ed industriale di Milano, in un palazzo di vetro affacciato su un viale spoglio percorso da auto e mezzi di ogni tipo e sempre intasato, a qualsiasi ora del giorno. Capannoni industriali e magazzini si allargano nelle vie limitrofe rendendo il paesaggio monotono e piatto.
A volte, inaspettati, si aprono scorci che ci ricordano che il mare di cemento che ci circonda ha spazi a volte piccoli dove la terra prende aria e ci fa regali inattesi. E’ stato uno di questi  rari doni che mi ha fatto sorridere alcuni giorni fa. Tra questo dedalo di vie assolate, in una pausa pranzo per una città fondente, mentre mi trascinavo affondando i tacchi nell’asfalto liquido, ho notato una costruzione incuneata tra i capannoni. Dal muro di cinta che difende la privacy delle famiglie che vi abitano, facevano capolino le fronde curiose di un gelso.
Il verde scuro delle sue foglie fitte,  dava refrigerio ad una folta colonia di passeri che, nascosti alla vista dei passanti, facevano un chiasso indiavolato mentre, probabilmente, si litigavano le more mature che l’albero generoso portava sui rami.
Questo albero generoso mi ha ricordato alcune gite in campagna quando, con i cugini *campagnoli* si mangiavano le more dei gelsi, dolci e profumate che ti lasciavano i semini tra i denti che *cantavano*.
Quei giorni sono tanto lontani ma tanto vivi nella mia mente, che mi ritrovo a ridere, con la mano a coprire la bocca, come allora, con le more e i loro semini.
Da questo scenario di cemento che mi vede recitar la mia giornata durante tutta la settimana, fuggo nel fine settima rifugiandomi in una piccola frazione montana in provincia di Biella. Il verde che si allarga prepotente intorno alla vecchia cascina che ci ospita, la fa da padrone e ridà ossigeno anche ai pensieri.
La frazione è piccolissima. Poche anime ci abitano come residenti e un piccolo numero di *invasori* cittadini ha trovato un luogo di pausa alla frenesia. Tra questi c’è una coppia di amici, pensionati da pochi anni, che ci hanno fatto subito sentire *di casa*: Marcello e Attilia.
Marcello conosce tutto e tutti. Ti sa dare l’indirizzo del miglior carrozziere in zona o del miglior ristorante, senza nemmeno consultare le pagine gialle. Ama la buona cucina e cucina lui in modo egregio per la sua bellissima moglie Attilia.
Anni di frequentazione mi hanno fatto parlare con lui della nostra sfida di MT Challenge sulle scaloppine.
Mi ha subito segato le gambe con una ricetta da urlo, assaggiata una volta sola e … amata subito. Pare che sia la scaloppina *sabauda* più amata da tutta la stirpe Reale. Marcello è anche un gran affabulatore e ti incanta con i suoi racconti ma, questa volta, voglio credergli senza riserve.
Provatela! E’ buona buona buona… è stata eseguita seguendo le regole dettate da MenùTuristico e da Elisa dei  Sapori di Elisa che ci ha lanciato il guanto della sfida… RACCOLTOOOOOO!!!

SCALOPPINE ALLA KING…. LE SCALOPPINE DI MARCELLO

Ingredienti (per 3 persone)
3 fette sottili di vitello (300gr circa)
2/3 cucchiai di farina
3 cucchiai di burro chiarificato
6 cucchiai di panna
3 pugni di funghi secchi
2 bicchieri di brodo di verdura con dado casalingo (1 per i funghi e 1 come      
   fondo di cucina per le scaloppine)
1 bicchiere di vino per deglassare (io di Grignolino… piemunteissss)
Sale, pepe.



Accompagnamento:
1 patata lessata con la buccia in acqua salata tagliata a fette alte,
1 pizzico di prezzemolo

Battere le fettine di fesa tra due fogli di pellicola fino a renderle sottili.
Tagliare le fette in due se troppo grosse. Infarinare le scaloppine e farle sigillare in padella con 2 cucchiai di burro chiarificato.
Mettere a rinvenire i funghi con il brodo di verdura. Quando rinvenuti, tagliarli finemente a coltello (o con la mezzaluna) e NON buttare il brodo in cui sono rinvenuti.
Togliere le scaloppine dalla padella e tenerle in caldo. Deglassare con il vino rosso il fondo. Addensare con un cucchiaio di burro (se troppo liquido). Aggiungere i funghi tritati, il brodo in cui sono rinvenuti e far ritirare la salsa per 5/10 minuti.
Aggiungere la panna e, se troppo densa, allungare la salsa con il restante brodo.
Aggiustare di sale e pepe (assaggiate: il brodo insaporisce abbastanza!)
Aggiungere le scaloppine e farle rinvenire nel sughetto per 5 minuti. Spegnere la fiamma e coprire.
Servire con delle fette di patate lessate in acqua salate, private della buccia, e cosparse di un pizzico di prezzemolo tritato. 


Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge di Giugno, attenendomi alle istruzioni di Elisa ... e due...





21 commenti:

  1. Ancora scaloppi???....ti ammiro!
    Io ho ceduto al caldo e al freezer! ;)

    Però questa sscaloppina la assaggerei volentieri!

    buona settimana

    loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le scaloppine proposte sono un po' da primi freddi... ma sono così buone che valeva la pena di rifarle.
      Quindi: condizionatore a palla e Martirio che le rivuole!!!
      Nora

      Elimina
  2. Anche io ho ceduto sopraffatta dal caldo ma tu sei mitica! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo Giulia, 5 lettere (non 6): M A T T A!!
      Ma mi tocca rifarle perchè il Martirio era in visibilio!
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  3. ci credo. qualsiasi storia ci sia dietro, ci-credo-ci-credo-ci-credo... perchè questa me la rivendo ai primi freddi, con belle rosine di contorno :-)
    ps ma solo i miei vicini, si chiamano sempre Rosa e olindo????
    ciao, bella, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, su Marcello si potrebbe scrivere un romanzo. E' il personaggio più *personaggio* di tutta la frazione dove ho la casetta gialla.
      Stay tuned e leggerai altre avventure (e se non mi ha buggerato, mi ha promesso di farmi consultare un vecchissimo libro di cucina con le ricette sabaude.... sperem!)
      Buona settimanaaaaaaaaa!!!
      Nora

      Elimina
  4. Tra Verginia e Marcello vedo che non ti mancano le ispirazioni per la cucina e per restare vivi nei grigiumi quotidiani...quasi faccio fatica a capire quale delle due ricette, quella reale e quella di scelta di 'frequentazioni' debba copiarti...magari entrambi che di certo mi farebbe bene :))) ehehehhehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vieni al nord con la tua Miss.D che vi *nutriremo* di tutte queste ricette....basta che porti campionature di ciò che produci nella tua meravigliosa cucina !
      Io ed Arc adoriamo i dolci ed il Martirio... si adatterà.
      Stare in compagnia di persone liete allieta l'animo di chiunque non sia gretto!
      Buona settimana Mr Gambetto!!!!
      Nora

      Elimina
  5. Ma che bella questa cosa del vicino che ti narra una storia legata a una ricetta *_* Molto buone le scaloppine, che come dice Ale, andrebbero proprio bene ai primi freddi! :)
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che sarebbe fuori stagione, ma la mia casetta è a 800 metri di altitudine e quindi, un poco di freschetto la sera lo fa.
      Poi basta rimandare a periodi più autunnali ed il gioco è fatto (il Martirio mi ha chiesto di rifarla pur con il caldo e quindi... air conditioning a palla e viaaaa!)
      Buona settimana e grazie dei complimenti.
      Nora

      Elimina
  6. che bel racconto, e che bella ricetta, proprio da re!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ricetta e agganci *reali* devo ringraziare Marcello.
      Il racconto è una delle mie solite divagazioni ... scritte!
      Buona giornata Francesca.
      Nora

      Elimina
  7. Ieri ho letto di corsa....oggi me le sono proprio gustate...altro che caldo....io le mangerei anche adesso. Anzi domani compro i funghi e ti copio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Martirio me le ha chieste ancora.... mi sa che replicherò presto..
      Buona serata!
      Nora

      Elimina
  8. noraaaaaaaaaa bellissimo tutto ehm ma quando mi inviti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahaha Ale, quando vuoi ma quanto cucino non è nulla in confronto di ciò che pubblichi tu!
      =D
      Nora

      Elimina
    2. Potresti però insegnarmi... anche a fotografare (tra l'altro....) ;-)
      Nora

      Elimina
    3. Ho amato molto questo post come tutti quelli in cui parli della tua infanzia e della tua città. La mia famiglia viene da Milano anche se si trasferì a Roma negli anni Trenta Milano è rimasta nei ricordi e nelle saghe molto più di Roma. Ma il motivo per cui ti scrivo è che stamane ho assistito a una scena molto simile a quella che descrivi, in una città già calda nonostante l'ora, un frullio di piume e un gruppo di piccioni che becchettavano accaniti posati su un immenso cespuglio di capperi cresciuto selvaggio nella crepa di un muro, su un vialone trafficatissimo e dall'asfalto infuocato. Erano bellissimi, una forza della natura, sia la pianta sia gli uccelli.

      Elimina
    4. Non è così strano scoprire questi tesori che la Natura ci regala. Il fatto è che spesso guardiamo attorno senza *vedere* realmente ciò che ci si para d'innanzi.
      Un frullo d'ali il più delle volte non viene nemmeno notato ed un piccolo ciuffo di fiorellini che si fa largo tra le crepe dell'asfalto viene calpestato e basta.
      Sono veramente felice di scoprire come non son solamente io a voler *vedere*...
      Bello leggerti... tornerò a trovarti tra le tue pagine... in barba al tempo tiranno, per tirare un po' il fiato...
      Buona serata
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.