Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 26 luglio 2012

Se mia nonna avesse avuto la gelatiera....ovvero il secondo gelato per MTC.





Il primo gusto di gelato proposto per la sfida dell'MTChallenge è stato un azzardo. 
Non avendo grandi capacità di inventiva ho giocato *pesante* (anche se l'ho usata ... *leggera*) e l'ho buttata sul ridere... e meno male che ho postato come seconda, altrimenti avrei gettato la spugna!


Devo dire che le ricette che Mapi ci ha proposto sono veramente speciali, riuscite anche a me che non sono una gelataia provetta e che mi sono sempre limitata alle ricette da manuale d'istruzione, quelle a prova di dummies...


La crema mi aveva sempre spaventato un po': troppo lunga; troppo complicata.


Mi sono ricreduta. Solo che adesso il problema è smettere! Il Martirio si è scoperto un estimatore del gelato.... quanto a me: inutile l'appello accorato della mia bilancia, la mattina, faccio veloci incursioni al freezer dove ho stivato le porzioni o le vaschette.


Il piccolo, invece, non ha ancora avuto il piacere ma, se non si sbriga a tornare, dovrò rifare gli esperimenti e... non oso pensare cosa avverrà allora del mio girovita.
Pur apprezzando il gelato cioccolatoso *da sballo*, il Martirio ha espresso il desiderio di provare un'alternativa. Come deluderlo?! 
Solo che, dopo avere visto tutto ciò che hanno inventato gli altri sfidanti, era deciso: lo faccio di nascosto, magari quando tornerò dalle vacanze... 


Da qui, per associazione di idee mi sono tornate alla mente le pesche di mia nonna Maria, quelle della ricetta precedente con tutti i ricordi che mi tornano alla memoria ogni volta che le assaggio. A questo punto: chi mi teneva più?


Avevo già provato a fare il gelato con gli amaretti ma ... senza crema inglese.
Riprovo ora e... ci farcisco le pesche ... come quelle di nonna Maria ed è amore al primo cucchiaino. Mia nonna era golosa come me ma non aveva la gelatiera.
Se l'avesse avuta? Avrebbe sicuramente rifatto le sue pesche così!!!






Quindi ho pensato di proporre anche questo gusto un po' vintage ma, tant'è... sono vintage io pure!


GELATO DI AMARETTO NELLE PESCHE DI NONNA MARIA



Per il gelato agli amaretti 
resa 800 ml (partendo dalla ricetta pubblicata da Mapi)
300 ml latte

300 g zucchero semolato250 ml panna fresca45-50 g tuorli (da 3 uova grandi)1 baccello di vaniglia80 gr. di amaretti sbriciolati grossolanamente











Tagliare a metà il baccello di vaniglia e metterlo in un pentolino insieme al latte e a metà dello zucchero. Mescolare per sciogliere lo zucchero, poi mettere sul fuoco e portare fin quasi a ebollizione. Togliere la pentola dal fuoco, coprire e lasciare in infusione per almeno 15 minuti per estrarre tutto l’aroma della vaniglia.Nel frattempo montare i tuorli con il restante zucchero finché il composto “scrive”.Riportare il latte quasi a bollore e versarlo a filo sulle uova montate mescolando continuamente con una frusta. Versare in un polsonetto protetto da frangifiamma e fare addensare la crema inglese fino a quando non velerà il dorso di un cucchiaio e avrà raggiunto la temperatura di 85 °C. Non superare questa temperatura o lo stadio della velatura del cucchiaio, altrimenti la crema si coagula e impazzisce. Toglierla immediatamente dal fuoco e immergere la base della pentola in una ciotola contenente acqua e ghiaccio mescolando continuamente, altrimenti si raffredda solo quella a contatto coi bordi del recipiente, mentre il resto rimane caldo. Se l’acqua si intiepidisce sostituirla con altra acqua fredda e ghiaccio per abbatterne rapidamente la temperatura. Quando la crema sarà fredda trasferirla in un barattolo a chiusura ermetica (lasciandoci ancora dentro il baccello di vaniglia) e far riposare in frigo almeno un’ora, anche tutta la notte (io sino alla sera dopo): il composto deve essere freddo di frigorifero prima di passare alle fasi successive della lavorazione. Estrarre il baccello di vaniglia e aiutandosi con la lama liscia di un coltello raschiare tutti i semini e mescolarli alla crema; unire la panna liquida al composto e amalgamarla benissimo.
A questo punto versare nella gelatiera e avviare per 20 minuti circa. Quando il composto comincerà a solidificare (a metà della lavorazione, dopo 10 minuti circa), versare gli amaretti sbriciolati grossolanamente e terminare la lavorazione in gelatiera.



Se il gelato non deve essere servito immediatamente, trasferirlo subito in un contenitore in polipropilene riempiendolo fino a 6 mm dal bordo, poi coprirlo con un rettangolo di carta forno che deve aderire perfettamente alla sua superficie. Tappare, etichettare e mettere in freezer: così facendo limiteremo la presenza di aria umida nella vaschetta del nostro gelato e impediremo la formazione di fastidiosi cristalli di condensa sulla sua superficie. Fare indurire il gelato dai 30 ai 60 minuti e trasferirlo in frigorifero per 20-30 minuti prima di servirlo, perché sia morbido al punto giusto.

Per le pesche da usare come contenitore per il gelato:(Dose per 4 persone)
2 belle pesche bianche sode

1 noce di burro
1/2 bicchierino di Amaretto di Saronno
1/2 bicchierino di acqua.
qualche mandorla pelata per guarnire e degli amaretti.









Lavare bene le pesche e tagliarle a metà togliendone il nocciolo.
Scavare un po le cavità per contenere più gelato.
Metterle in una padella con il liquore, l'acqua e la noce di burro.
Cuocere lentamente a fuoco bassissimo (se possibile con il frangifiamma) coprendo con un coperchio.
Togliere le pesche quando saranno morbide ma non sfatte (15 minuti circa).


Servire le pesche nel loro sughetto con l'incavo riempito di gelato all'amaretto e guarnire con mandorle e amaretti.


Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge di Luglio.... ancora.... perchè sarà pure un gusto molto comune ma... è proprio buono!!!

22 commenti:

  1. Adesso perche' il figlio lievita e io anche ma quanti gelati farei anch'io!!!! Perot' I miei valgono Di piu' per la gelatiera!!!! Buone vacanze Bella sciura!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da mettere in piedi una gelateria, magari ambulante, la chiamiamo *dolcezze in bicicletta* e ... li stendiamo tutti!
      Nora
      P.S. ... concordo, i tuoi gelati valgono doppio perchè sono *senza gelatiera* ;-)

      Elimina
  2. Nora, ma sai che mi ero persa le tue pesche delle nonna? E senza saperlo le ho preparate anche io qualche giorno fa :) non quelle di tua nonna ma quelle di Artusi, che è un po' come se fosse mio nonno :D Il gelato agli amaretti per me è stata una sorpresa e il tuo abbinamento con le pesche gli dà il colpo di grazia :) Bravissima! Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha... mia nonna aveva ben 9 anni quando morì Pellegrino Artusi. Il suo famosissimo ricettario è sicuramente transitato anche nella cucina di nonna Maria.
      Il gelato è veramente molto buono ed il contrasto del bruschino delle pesche bianche... un bell'abbinamento.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  3. Mi piace la storia del vintage!
    P.s. Ma quanti ricordi ha scatenato questo MTC? :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania... torno quasi di moda anch'io!
      Scherzo, i gelati sono tutti uno spettacolo, il mio *normale* ho scoperto di essere stata la terza o la quarta a proporlo.
      Si vede che l'abbinamento crema/amaretto è un classico... vintage appunto!
      Nora

      Elimina
  4. E questo, secondo te, sarebbe un gelato "normale"?? Io lo trovo stratosferico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, Mariella, non esageriamo! Normale è normale ed è pure il terzo o il quarto dello stesso gusto.
      Mi piace l'abbinamento con le pesche... quello si.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  5. sai che lo avevo pensato anche io un gelato simile? le pesche ripiene al forno mi piacciono da impazzire e con la scusa che tanto è frutta me ne faccio delle scorpacciate vergognose per un donnino per bene!
    per cui verrei direttamente a casa tua a fare razzie nel tuo freezer!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dauli, come ti capisco! Ne ho fatte poche perchè eravamo a casa solo io ed il Martirio, ma se ce ne fossero state anche una teglia piena... le avrei spazzolate tutte!
      Se vieni per la razzia... mi sa che è tardi!
      Nora

      Elimina
  6. QUanto adoro il gelato ocn il gusto dell'amaretto per non parlare del liquore!!!!!!!1
    Ti è venuto proprio bene, bello cremoso! Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cremoso e RESTA cremoso.... miracolo della ricetta di Mapi.
      Mi sa che, al ritorno delle ferie, rifarò l'esperimento.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  7. Ma quanto è buono?! mia nonna l'aveva davvero la gelatiera (era sempre avanti, parlo di più di 20 anni fa) e il nostro gusto preferito era proprio quello con gli amaretti sbriciolati dentro!!! con le pesche è un dolce completo e perfetto :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è venuta l'ispirazione mentre cuocevo le pesche di nonna... solo che ho realizzato dopo di non avere in casa gli amaretti.
      Quindi mi è toccato replicare!
      Nora

      Elimina
  8. clurp, che buono! sarà vintage ma...sempre attuale! e poi io adoro il vintage, bella ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, se tu adori il vintage... adori me!! Io SONO VINTAGE!
      Hahahaha, Grazie Francesca.
      Buona serata.
      Nora

      Elimina
  9. Dai, dillo che avevo indovinato...Ci avevo pensato che il gelato fosse all'amaretto e che lo avevi servito sulla pesca, ma nell'ansia di dirtelo, mi sono espressa male. Però che idea stupenda. Un'altro omaggio alla tua nonna fantastica. E che ti devo dire: secondo me le pesche con gli amaretti sono da ululato....Bacione grande, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico lo dico lo dico.... ci eri arrivata! Omaggio o non maggio è veramente una goduria. Ma se tu ululi qui... io che fo? Ululo-là????
      Buona serata e spero proprio di incontrarti presto... ed il Martirio, se gli racconto dei ricciarelli... pure!
      Nora

      Elimina
  10. arrivo, arrivo, aspettatemi, o popolo vintage che più vintage non si può!!! io pure, celavevo la nonna che faceva le pesche con l'amaretto, ed era pure la responsabile del mio quarto di sangue piemontese... un bonus me lo merito, nella classifica delle tardone, o devo solo concorrere per chi ce l'ha più largo? (sottinteso, il girovita)
    E comunque, si sappia: TU sei un attentato vivente. e all'ululato della Patty, mi unisco anch'io!
    Grande Nora, as your own :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fate morire: tu e *la Patty*! Macchè ululati! Sono amaretti e pesche... finis! Il girovita si allarga? E chissene, mi tuffo nel gelato, come gli amaretti e la vita (ed il girovita) continua....
      A presto. Domani o dopo chiudo per ferie. Mi porterò il PC perchè VOGLIO vedere come finisce... voglio morire dal ridere con i premi... solo che il PC è 2 giorni che non è d'accordo e che fa le bizze.
      Pregherò St. Steeve, accenderò un cero a Santa Tim e, se serve, andrò a confondermi in un Internet Point... Vi addoro: te, le concorrenti, le altre giudici, MTC!!!!!
      Buonanotte.
      Nora

      Elimina
  11. Buono l'abbinamento pesche e amaretti!!! Come ho già scritto altrove, apprezzo moltissimo la rielaborazione dei classici in chiave moderna e questa, lasciamelo dire, è un'interpretazione magistrale!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi, diciamo che, dopo la*fumata* precedente... sono rinsavita e ho optato per il *famolo normale*.
      Amaretti e pesche sono un must in estate e, se ritrovo (o riesco a ricostruire) la ricetta di mia zia Tere.... ho pure una torta che non sarebbe male.
      Buona serata, buone ferie e... fai *giudizio*!
      Nora
      PS cercherò di collegarmi, connessioni e PC *sifulo* permettendo per vedere chi vince e per non perdermi le solite risate finali.

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.