Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 19 maggio 2013

DI MARTIRII... DI ERESIE... ED UNA TIELLA INCOZZATA NERA PER MTC



Ho iniziato a partecipare alla sfida mensile dell'MTChallenge oltre un anno fa e mi sono quasi sempre divertita a re-interpretare ricette differenti, tecniche di cottura mai provate, alcune con successo ed altre con meno.
Alcune erano nel mio quotidiano, come le tagliatelle o le scaloppine, altre mai e poi mai cucinate, come il Chili che mi ha visto ricredere.
Mi sono confrontata con culture differenti, ho imparato a rispettarle e mi ha fatto crescere, e non solo come conoscenze culinarie, ma come persona.
Ho sempre cercato di adattare le ricette proposte alla tavola dove le portavo, quella di casa mia, con i gusti difficili del Martirio, le preferenze di Arc, la mia voglia di cambiare.
Sempre coinvolti loro ed in prima linea io, ho spesso dovuto scontrarmi con la riluttanza del Martirio che non ha ancora capito di quanto sia gratificante per me mettermi a cucinare e ad imparare nuove ricette senza vincere niente....
Brontola, battibecca, mi *rema contro* ... ma intanto mangia!
E se togliamo le poche volte che ho trovato il pesce negli ingredienti, ha pure approvato quando addirittura non mi ha fatto *reclame*.
Questa volta ancora pesce... sob. Che faccio? Getto la spugna o preparo per me ed il cucciolo? Poi se partiamo dalla ricetta base, quella proposta dal vincitore della scorsa tornata, Cristian bisogna dire che le cozze il Martirio le mangia. Non si entusiasma ma qui penso sia una presa di posizione.
Poi il mare di polemiche su quanto la tradizione non si debba stravolgere... beh, mi ero quasi convinta a star sulle mie e saltare il turno visto che poi non avevo idee per trovare una proposta degna degli altri partecipanti.
Poi il gusto della sfida ha prevalso e la polemica innescata da ambienti esterni... ha dato una scossa al mio Highlander che si è messo in moto.
Insomma, tradizione è tradizione e su questo non ci piove, ma la sfida che affrontiamo non solo rispetta le tradizioni delle zone più disparate, ma ci chiede di pensare a come riproporle, magari in altre dove non sono facilmente reperibili gli ingredienti principali.
Ora, io NON vivo in Salento, NON ho sicuramente la possibilità di trovare le cozze locali. Ma Milan l'è on grand Milan (e Balotelli non c'entra) e chi cerca trova pure le cozze buone.
Poi mi si è messa a girare in tondo la parola ERESIA... ERESIA ... che mi porta ad una zona, il Vercellese, dove oltre ad essere stata terra che vide passare (e pure a miglior vita) tanti eretici, è una terra di risaie che io conosco bene. Risaie...riso...riso Venere per esempio. Si trova spesso nei supermercati ma quasi sempre è *parboiled* non accettato dalle regole della sfida e decisamente meno apprezzabile del riso non trattato. Qui mi è venuta in aiuto Michela che mi ha portato un riso venere INTEGRALE che è uno spettacolo e tutto mi fu chiaro.




Quindi, mentre pensavo a come rendere accettabile una TAIEDDHRA RISOVENERE-PATATE-PEPERONI-E-COZZE, pensavo al Martiro che, novello Dolcino, si sacrificava per con me, Margherita, sull'altare della tradizione dimostrando ancora una volta di essere, coscientemente, *fuori*.
FUORI di zucca, FUORI dal mondo, FUORI come con un balcone e FUORI dal comune, e pure dalla Provincia.  
Ma spero non fuori gara... per questa TIELLA INCOZZATA NERA...anzi ROSSO-NERA con la quale partecipo alla sfida di Maggio dell'MTChallenge....con la ricetta della sfida lanciataci da Cristian, la Taieddhra riso patate e cozze

In fondo il fuoco...purifica!
TAIEDDHRA RISOVENERE-PATATE-PEPERONI-E-COZZE




Ingredienti per 4 persone

gr. 300 di riso venere integrale
1 cipolla bionda media tagliata sottile
2 patate medie tagliate a fettine sottili
1 peperone rosso polposo
10 pomodorini a grappolo.
1 kg. di cozze da sgusciare
3 cucchiai di pecorino grattugiato
sale e pepe
Brodo di verdura
Olio EVO

Accendere il forno a 160°.
Lavare e sgusciare le cozze come illustrato da Cristian qui.
Tagliare patate e cipolle sottilissime con la mandolina.
Distribuire sul fondo del tegame, olio EVO e uno strato sottile di patate e cipolle.
Lavare il peperone, tagliarlo in due e togliere fili e semi dall'interno.
Mettere le due coppe di peperone nella teglia, riempirle di riso , aggiungere le cozze ed i pomodorini tagliati in 4 parti.
Ricoprire con le fettine di patata e di cipolla,versare il brodo vegetale a filo della verdura e spolverare con il pecorino grattugiato.
Aggiungere un giro d'olio ed infornare per 90 minuti. (il riso è integrale e necessita di cotture mooolto lunghe).

NOTE MIE:
- Il peperone non lasciatelo intero perchè tende a non far cuocere il riso in maniera uniforme.Quindi, tagliandolo a falde, si può adagiare nel riso ed il brodo potrà cuocere in maniera uniforme.
- Ho coperto la teglia gli ultimi 30 minuti ma, forse è meglio invertire l'operazione. Quindi per i primi 45 minuti, cuocere coprendo con una stagnola, poi scoprire per far asciugare.
- Il riso venere integrale, oltre a necessitare di una cottura molto più lunga, rilascia il colore pertanto anche le patate diventeranno scure. Ma, tutto sommato, il riso ha *tenuto* bene la cottura. Anche le cozze tendono a colorarsi ma non cambiano affatto sapore dando al piatto il gusto di un piatto *di mare* che non ha nulla a che invidiare alle tielle tradizionali.
- In ultimo, il fatto di avere coperto il riso in ultimo ha portato a colorire troppo le patate nella parte superiore, quindi utilizzando l'accorgimento di coprire *prima* anche l'aspetto finale ne guadagnerà.



34 commenti:

  1. Tu sei un mito! E pure colta, cara, con le tue citazioni alla terra delle eresie. Il tuo unico neo? La versione rosso-nera :/ Mo' provo con venere e sarde per una versione nero-azzurra o, chissà, aumento l'eresia al massimo, per una versione ermes e mirtilli, rossoblù genoana :-P Sei GRANDISSIMA, amica cara :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahaha Michela, al massimo bruceremo assieme. Tanto le zone che noi frequentiamo sono intrise di eresie...
      Grazie ancora per il tuo riso speciale.
      Nora
      PS se vuoi fare anche tu una versione con il venere... ricorda che il colore si mescola alla preparazione e tende a uniformare gli ingredienti.

      Elimina
  2. Altro che eretica!!...un bel rogo non te lo toglie nessuno, fidati! Ma una tiella cosi', val bene il rischio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrà dire che mi terrò lontana dal vercellese per un po'... o ci verrò in incognito ;-)
      Nora

      Elimina
  3. Sai Nora che anche io meditavo così, in modo puramente teorico, sull'utilizzo eventuale del riso venere? mi tratteneva il pensiero della cottura lunga, ma tu mi hai dato ottime informazioni di prima mano! Inutile dirti che il colore complessivo mi sembra molto accattivante :-)
    Un bacione
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dany. Purtroppo però si sono tinte anche le cozze... ma il sapore, quello non si è confuso affatto.
      Pensa che ho litigato con mio figlio perchè stasera ha finito lui gli avanzi che volevo assaggiare di nuovo anch'io.
      Nora

      Elimina
  4. Quando una ha classe, ha classe pure quando si "incozza"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, è stato un esperimento e, questa volta, è riuscito.
      Nora

      Elimina
  5. fantastica la tua tiella incozzata nera :-D
    il riso venere è fantastico ma qui in casa "qualcuno" non lo ama....e te pareva! :D
    baciotti splendida Donna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milena, anche da me il Martirio non apprezza il riso venere (dice che gli fa impressione mangiare ... nero) ma poi un boccone lo ha assaggiato lo stesso. Meno male che il mio piccolino mi da soddisfazioni!
      Nora

      Elimina
  6. am.... ammo.... ammorrevvolle, amodosuo!!!!! ahahahah Nora il fuoco scaldaaaaa! altro che rogo signora mia! incozzata nera :)
    sei fantastica!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Greta, che dire... con questo freschino un po' di fuoco...
      Grazie Greta ... peccato che tu non possa mangiare pesce, era veramente buona.
      Bacioni e buonanotte
      Nora

      Elimina
  7. mi hai fatto troppo ridere! sei troppo forte, amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Martirio rideva meno, soprattuto quando gli ho spiegato chi era Dolcino al quale lo avevo paragonato.
      Buonanotte giovane Amica.
      Nora

      Elimina
  8. sei Grande, ma a noi delle chiacchiere che ce ne frega?? tiellamo cmq, baci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa è il bello Fabiola? Non mi venivano idee e poi...2 in un colpo e ora... se ci penso.....
      Notte va, che altrimenti mi martirizzano davvero!
      Nora

      Elimina
  9. Ciao Nora! Il tuo titolo tiella incozzata nera mi è piaciuto un sacco e anche il tuo racconto. Mi piace molto il riso venere ed apprezzo la ricerca di un riso integrale per evitare il parboiled. Nell'insieme mi pare una taieddhra molto ben riuscita, il peperone con le cozze e il riso venere ce lo vedo proprio bene.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristian! La scelta del riso venere è dovuta al fatto che ho finalmente trovato un riso Venere che non è parboiled. I risi parboiled non mi piacciono, hanno un odore in cottura che non mi piace. Poi mi pare che sia il riso di chi non sa cuocerlo.. il riso... e quindi l'ho sempre rifiutato.
      Poi ho trovato la pusher giusta ed è stata solo questione di kiulo.
      Buonanotte a te ed alla moglie!!!
      Nora

      Elimina
  10. Esci da questa tiella, o eretica che non sei altro!!!!
    Primo riso nero della sfida- e non me lo aspettavo. Il Venere che si acquista abitualmente, infatti, mi lasciava poche speranze, sul fronte della cottura: secondo me, sarebbe rimasto crudo. Ma non avevo fatto i conti con la tua pusher d'eccezione e con questo prodotto, ancora più eccezionale. L'estro e l'abilità han fatto il resto: in garissima, anche stavolta - e premio speciale al martirio, che si immola ogni volta sull'altare dell'mtc... ;-)
    grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi che mi sopportate!
      Come ho risposto prima a Cristian, il parboiled non mi par neppure riso... per giunta quello venere ha pure un odore sgradevole che quello integrale che ho usato io non ha.
      Per la cottura però bisogna allungare i tempi e accertarsi che sia tutto sommerso dal brodo. Altro difetto è di *colorare* tutto ciò che tocca ma a questo .... si può perdonare!
      Buona notte
      Nora

      Elimina
  11. Ottima l'idea del riso venere, per una versione assolutamente fantastica! mi piace moltissimo il contrasto dei sapori oltre che dei colori! grandissima Nora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo avrei preferito un contrasto ancora più netto ma il difetto di lasciare colore è un ben piccolo difetto se si compara al sapore. Trovo che si sposi benissimo con il pesce... meglio di qualsiasi altro riso.
      Buonanotte
      Nora

      Elimina
  12. "ma intanto mangia!": e questo dice tutto!
    E il tuo rifiuto del parboiled dice il più. Però altro che eresia: il Venere nel vercellese è più audace di fra' Dolcino!! (Ho vissuto anche a Vercelli e rimpiango un po' quelle campagne e quei colori.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaaa condividiamo anche il Vercellese? Ho la certezza di non essere stata separata da te alla nascita per ragioni puramente anagrafiche... ma qualche dubbio sul DNA mi resterà sempre!
      Buonanotte amica lontana.
      Nora

      Elimina
  13. adoro i tuoi post, davvero. Sei una forza della natura..
    Bellissima la tua tiella eretica, mi piacciono i colori e i sapori e fintanto che il fuoco purifica, potremo bruciare insieme, tu perchè l'hai cucinata e io perchè t'ho fatto i complimenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se vieni te la rifaccio pure.... e così brucerem felici e satolle!
      Notte
      Nora

      Elimina
  14. hahahahaha INCOZZATA NERA è da incorniciare! Ma sai che anch'io ho in programma il riso venere? tra oggi e domani produco....baci
    Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cris! Pensa sempre che lascia colore.... scegli bene gli abbinamenti altrimenti si *perdono*..
      Sbrigati che son curiosa!!!!!
      Nora

      Elimina
  15. Bè..complimenti..io il reso venere ancora non l'ho mai provato..ma la tua versione mi sembra davvero appetitosa!
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il riso venere è profumato e ben si sposa con il pesce.
      Non l'avevo mai provato in forno, per una preparazione a cottura lenta ma, a parte il colore che tende ad uniformar gli ingredienti, è perfetto.
      Buona notte
      Nora

      Elimina
  16. WOW...riso venere e peperoni? Mi piace un sacco questa tieddhra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che ha detto mio figlio spazzolandosene l'ultima porzione!!!
      Ed io che me l'ero salvata per il pranzo in ufficio .... a dieta (che, tra l'altro non mi farebbe male)... i figli!!!
      Ciao Mari!
      Nora

      Elimina
  17. entrambi incozzate nere siamo ;) :*

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.