Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

martedì 5 novembre 2013

Una questione di DNA e.... gli spiedini di pesce al curry



L'eterna tiritera. 
Quando fa le cose a puntino è SUO figlio... quando fa le pazzie: è MIO figlio!
In quale famiglia non nasce, prima o poi, la gara del *a chi somiglia*?
Partiamo dall'inizio: appena nato è stato un colpo al cuore.
Dopo essere stata avvinta ad uno sguardo che mi è entrato nell'anima, il piccolo esserino avvolto nel telino della sala operatoria ha strizzato un occhio ed ha fatto una smorfia TALE E QUALE A SUO PADRE! In pratica era come guardare il Martirio .... in versione small!
Crescendo le somiglianze si sono via via alternate, dalle smorfie paterne, alla mia voglia di comunicare CON TUTTI.
Dal padre ha ereditato la passione per la matematica e quando ci sono i compiti da fare... parte dalla matematica.
Da me ha ereditato la voglia di leggere, tanto che spesso devo brontolare perchè spenga la luce la sera mentre si perde in *mamma ancora una pagina e finisco il capitolo!*.
E' a lui che faccio leggere i racconti fiabeschi che scrivo per introdurre le ricette, ed è lui che mi rende orgogliosa quando esprime per iscritto pensieri con parole anche difficili ma usate ad hoc.
La memoria, quella, non so da chi l'abbia presa visto che ormai sono condannata a rincorrere i post it di colori diversi, sparsi per tutta la casa; mentre suo padre (il Martirio) nemmeno si ricorda che ci sono ... i post it!
Arc legge una pagina una volta e già ha recepito senso e verso dello scritto, se li stampa nella memoria e restano lì, fissi, eterni!
La capacità di apprendere le lingue, QUELLA, è il mio DNA, sono sicura!
E' uno spasso vedere lui ed il Martirio ripetere quanto suggerito dal CD del testo scolastico, con un risultato da sganasciarsi.
Una delle ultime volte, piegato in due dalle lacrime per un'imperfezione del Martirio, ha commentato: *Papi, lascia perdere, non ci sei portato!!!*
La mano per il disegno l'ha presa dal padre e la fantasia, dalle mille idee folli che mi roteano in testa.

Poi c'è una cosa che ha colto dal mio DNA: GLI PIACE IL PESCE!!!
Per anni, ben 12 dal matrimonio, la sottoscritta ha rinunciato a cucinare pesce perchè il Martirio lo aborre tanto che non tollera nemmeno di sentirne l'odore.
Da quando c'è Arc mi sono sbizzarrita, essendone lui ghiotto come me.
Quindi, ho provato a cimentarmi in tanti piatti che lo contemplano, pur preparando un piatto diverso per il Martirio.
Uno dei preferiti di Arc è uno spiedino con il curry, limone e yogurt che è più lungo a spiegarsi che a farsi.

SPIEDINI DI PESCE AL CURRY

Ingredienti (per 4 persone *normali* o per due golosastri come noi)

350 g di tonno pinne gialle 
350 g di filetto di salmone
50 g di porro
2 carote medie
1 limone (il succo)
1 vasetto da 125 g di yogurt bianco NON zuccherato
1 grattugiata di zenzero fresco (se piace)
1 cucchiaio (abbondante) di curry (per me madras)
2 cucchiai di olio EVO
farina per infarinare
sale pepe qb




Tagliare a tocchetti regolari i due tipi di pesce.
Infilarli, alternandoli, su uno spiedino di legno.
Infarinare leggermente gli spiedini.
Versare in una padella antiaderente i 2 cucchiai di olio EVO e far rosolare a fiamma bassa, il porro affettato a rondelle sottilissime e le carote grattugiate grossolanamente.
Adagiarvi gli spiedini e bagnarli con il succo del limone nel quale avrete sciolto il curry.
Coprire e lasciare stufare a fiamma bassissima per 10 minuti.
Se piace grattugiare un poco di zenzero fresco sugli spiedini, dopo averli girati.
Scoperchiare e versare lo yogurt non zuccherato e mescolare con attenzione (il pesce è molto delicato, tende a rompersi).
Alzare la fiamma e fare ritirare un poco il sughetto.
Servire su cous cous o su riso basmati al vapore.





8 commenti:

  1. Curry??? Hai detto curry??? Lo sai cosa significa per un' "indianofila" come me?? però, devo ammettere di non averlo mai provato col pesce. Occorre rimediare al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che non è niente male. Arc li ama proprio.
      Quando non ho io curry uso la curcuma ma con il curry è la morte sua!
      A presto Signora!
      Nora

      Elimina
  2. sei una forza tata!!!!!! unica spassaosa spiritosa e unica!!¨brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella... ma ho solo fatto due spiedi.... e un figlio che mi somiglia ;-)
      Nora

      Elimina
  3. cavoli, che ricettina per il tuo ometto!
    Mi piace questo sapore esotico, mi sa che lo proporrò alla prossima cena tra amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ed ad Arc piacciono tanto.
      Se ami il curry e l'agrumato del limone... sono fatti per te.
      Baci
      Nora

      Elimina
  4. La Pulce? tutto il suo papà, compresi i capelli biondi, le gambe secche secche e storterelle, i musi lunghi al mattino e i sorrisi malandrini. Della mamma pare abbia preso la testa dura e la forma dei piedi (osservazione che risale a quando la Pulce aveva poche ore di vita).
    Dimenticavo.... del papà la Pulce ha preso anche la diffidenza verso i sapori nuovi, quindi hai voglia fargli assaggiare il curry!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai.... fanne un poco per te ed il profumo li conquisterà.
      A presto.
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.