Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 8 maggio 2014

La degna fine di una giornata ROGNATA .... la frittata ROGNOSA.



Certe giornate vanno a rotoli già di prima mattina.
Non ne infili una giusta, dal mattino quando fatichi a stare dritta per il mal di schiena e lì ti ricordi che gli anni passano troppo velocemente e ti trascini fuori nel traffico.
Controlli le e-mail dal telefonino e scopri che il cardiologo che hai interpellato ieri sera per i battiti un po' ballerini di papà è a San Francisco per un convegno ma.... ti ha risposto con un consiglio: PS...cardiologico.
Per fortuna il Fratellone ti viene in aiuto e si trascorre tutte le dodici ore di PS prima di riportare il padre (digiuno ed incavolatissimo) a casa con due compresse in più al giorno (saremo a venti?bah, mi pare!) ed una puntura al giorno di eparina.
Poi la giornata con il lavoro che incalza, le telefonate dal PS (va bene. Non va bene. Ha ripreso ad andare bene. Forse lo trattengono. Forse lo dimettono).
La schiena che a star seduta fa male e quindi ti metti il busto, quello che hai comprato .... nero....con le stecche ed il velcro per tenderlo meglio.
Ripensi alle guepiere che mettevi in gioventù, ai bustier che ti piacevano tanto quando (ancora) eri magra e ti guardi nello specchio del bagno dell'ufficio, quello che ti fa sembrare più larga che alta, e ti scendono i lacrimoni ma NON PUOI, ritornerebbe la congiuntivite. 
Quindi ti metti anche due goccine di collirio e vai, verso la giornata che non si raddrizza manco morta.
Altre telefonate. Va meglio. Va peggio. Ha le flebo. No, non venire che tanto sta migliorando.
Rientro a casa arrancando con un po' di spesa, il nuovo tubo dell'aspirapolvere che la colf aveva stracciato (LETTERALMENTE) sotto braccio, la schiena che comincia a dolere e.... una fame boia!
Telefonata con l'annuncio di *rilascio* del prigioniero ed il ritorno dei due profughi.
Posso mettermi ai fornelli. 
Le uova fresche delle galline della collega, dei cipollotti bellissimi e dei pomodori pizzutelli che mi occhieggiano dal frigorifero mi fan cambiare idea sulla cena.

Niente risotto con la salsiccia stasera!
Arc ed il Martirio di ritorno trovano tavolo apparecchiato e quella che Nonna Maria (ma anche mia suocera!) chiamava ....

LA FRITTATA ROGNOSA.


Ingredienti per due persone:

4 uova 
200 g di salsiccia fresca (o salsiccia mantovana se preferite)
4 cipollotti freschi
5/6 pomodori pizzutelli
3 cucchiai abbondanti di parmigiano reggiano grattugiato 
2 cucchiai di latte intero
noce moscata
Olio EVO

Tagliare sottilmente i cipollotti, spezzettare la salsiccia privandola della pelle.
Tagliare a rondelle i pomodorini e mettere tutto a soffriggere in una padella antiaderente a fuoco medio.
Nel frattempo, in una terrina capace, rompere le uova, aggiungere la noce moscata, il formaggio grattugiato ed il latte e sbattere leggermente.

Quando la salsiccia avrà *sudato* in padella e si sarà colorita, i pomodori si cominceranno a disfare ed i cipollotti ad appassire (attenzione a non bruciarli) versare le uova muovendo la padella con piccoli colpi per distribuirle in maniera omogenea.



Abbassare la fiamma al minimo e coprire con un coperchio.

Quando le uova si saran solidificate, voltare la frittata con molta attenzione e terminare la doratura della frittata (5 minuti a fuoco bassissimo)

Travasare in un piatto e..... A TAVOLAAAAAA!

Con questa ricetta partecipo al #GFFD 


8 commenti:

  1. Ci sono piatti della tradizione familiare che sono una benedizione : pochi ingredienti, dosi a occhio, pochi gesti che le mani compiono da sole... e la cena è salva, anche se sei tornata a casa tardi, stanca, con il mal di schiena e "roversa" con il mondo intero....
    Un abbraccio e auguri per il tuo papà
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudette, Hai ragione, i piatti più semplici sono quelli che nutrono non solo il corpo, ma l'animo mettendo fine *in pace* a tante giornate storte.
      A presto
      Nora

      Elimina
  2. Urca che giornata......meno male che hai anche risorse culinarie infinite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infinite.... uova fresche, verdura ed un po' di salsiccia. Ma, soprattutto, tanto appetito.
      A presto.
      Nora

      Elimina
  3. Uh, come sei audace. La guepière non l'ho mai portata! Mi fermo al reggicalze. Ma i bustier sì e li adoro. E direi che non stanno male se c'è di che riempirli. La frittata poi è il mio piatto preferito in assoluto.
    Auguri, Nora, ti abbraccio di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta *Audace* quando l'oversize non era parte integrante del mio guardaroba. Direi che sono passati secoli, sedimentati tra fianchi e pancia... meno male che almen stan su gli airbag....
      A presto
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.