Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 15 settembre 2014

PANICO DA INIZIO SCUOLA E DA MTCHALLENGE E LA TORTA DI RISO DI MAMMA GINIA.



L'anno nuovo per me inizia a Settembre, con l'inizio della scuola.
E' così da un po' di anni, da quando c'è Arc.
Quest'anno però l'inizio è stato un po' travagliato.
Arc affronta l'avventura della prima media e la cosa, nonostante sia uscito con dei voti fantastici ed una bella preparazione dalle elementari, questo nuovo ruolo lo ha un po' messo a dura prova.
In tre giorni abbiamo avuto:
problemi di colite la sera del primo giorno;
febbre e mal di testa il secondo giorno;
crisi di pianto il terzo.
Gli mancano i suoi soliti riferimenti. In classe ha una sola compagna delle elementari (con la quale han *fatto quadrato* nello stesso banco) e gli altri amici sono in altre classi.
Il rapporto con i professori poi è la sua grande incognita. Vuole far bella figura ma non sa ancora come approcciarsi. Il fatto stesso di chiamarli *prof* invece che *maestra* lo destabilizza.
Quindi abbiamo avuto un lungo fine settimana di training autogeno per convincerlo che, come tutti, avrà bisogno di tempo per abituarsi e, visto che è un ragazzino socievole, credo non ci saranno problemi veri e propri.
Tante materie nuove tra le quali anche una nuova lingua da imparare: il Tedesco.
Proprio a proposito della lezione di Tedesco, alla mia richiesta di raccontarmi come si era svolta e che impressione gli aveva fatto l'insegnante, vedo che diventa rosso e mi dice:
*Mi sa che ho fatto una figura da stupido....*
Gli chiedo che cosa ha detto o fatto per avere quella sensazione e lui, agitatissimo, mi racconta:
*Sai, la Prof ci ha chiesto se conoscevamo dei vocaboli in Tedesco ed io ho alzato la mano*
E quindi? Cosa avrà mai enunciato il mio degno pargolo?
*Io ho detto *Wiener Schnitzel* - risponde candido.
Vi lascio immaginare la fatica che ho fatto a trattenere una risata! Il figlio di una foodblogger che volete che risponda? Parla di cibo!
A proposito di cibo. E' ripartita la sfida dell'MTChallenge dopo ben due mesi di vacanza. E' partita con un argomento, IL RISO, proposto dalla vincitrice Annalena di Acquaviva Scorre.
Inizialmente ho gioito pensando alla quantità di risotti da proporre ma, leggendo  le istruzioni, ho compreso che no, i risotti non erano contemplati.
Si parla di modi differenti di cuocere il riso, e quindi mi sono un po' *smontata*.
Pensa che ti ri-pensa, proprio mentre immaginavo un modo *dolce* per consolare lo studente di casa (dopo avergli cotto a puntino una Wiener Schnitze, ovviamente!), mi è capitato sotto mano il quadernetto giallo delle ricette di mia mamma.
Nota a tutti la poca passione per la cucina che aveva mamma, poche erano le cose che le riuscivano bene e, una di queste, era la sua torta di riso.



Semplice.
Profumata.
Un *regalo* che io e mio fratello ci ritrovavamo a volte quando rientravamo da scuola, se avevamo preso un bel voto.
Quindi, sperando di avere compreso bene le regole di questa sfida, quale ricetta meglio della sua torta poteva sedare le ansie di Arc e farmi partecipare anche questa volta?!
Arc, che al momento sarebbe a dieta, è stato ben contento di assaggiare un dolce che non è molto calorico ma è buono come una carezza ed io... beh, io provo a rimettermi in gara.




Con questa ricetta partecipo alla sfida n 41 di MTChallenge.






TORTA DI RISO DI MAMMA GINIA



200 g. riso (io S.Andrea)
50 g. burro
100 g. zucchero
1 pizzico di sale
1/2l. latte
1 bicchiere d'acqua
2 uova
50 g. uvetta rinvenuta nel rum
scorza limone grattugiata
1 noce di burro e pangrattato per la teglia

* Far bollire il latte con l'acqua poi aggiungere il riso, lo zucchero, la scorza di limone, il burro ed il sale mescolando con attenzione.

* Quando sarà ben cotto ma non spappolato (circa 20 minuti), togliere dal fuoco e far raffreddare.

* Aggiungere 2 tuorli, le uvette (infarinate altrimenti tenderanno ad affondare) ed i 2 albumi montati a neve ben soda.

* Versare in una tortiera (la mia cm. 17) ben imburrata e cosparsa di pane grattugiato.




* Cuocere in forno caldo 180°C per 40 minuti senza bascula.

* Lasciare raffreddare per una decina di minuti e sformare.



20 commenti:

  1. Non ho mai mangiato la torta di riso ma ha un "sapore" casalingo e antico e viene voglia a provarla accompagnata da un buon bicchiere di latte fresco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, pensa che è stata una delle prime mattine da un po' in cui Arc ha fatto colazione come si deve ? Mi sa che debbo ritornare ai fornelli.... o meglio...al forno!
      Un bacio a te ed alla tua piccina!
      A presto (spero!)
      Nora

      Elimina
  2. che buona, come vorrei averla in questo momento da pucciare nel caffè!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cris, se ti mando questa, mi mandi i tuoi budini?
      Scherzi a parte, questa è la mia tradizione che mi rincorre ma è una torta semplice, *di casa* non una GALLata come i tuoi budini.
      Baci bella donna
      Nora

      Elimina
  3. Devi spiegare ad Andrea che non ha fatto nessuna figura da stupido, gli hanno chiesto una parola in tedesco e lui l'ha detta! Buona la torta di riso !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te. Del resto Arc è un tipo *concreto* e più concreto di così!
      Diciamo che non rischierà di morir di fame in Germania ed in Austria.....
      Baci
      Nora

      Elimina
  4. Direi che tuo figlio non poteva dare una risposta migliore alla sua prof! :)
    Diglielo che è un passo avanti ai suoi compagni di classe!!! :)
    Questa torta mi piace da morire, bella cicciotta e confortante! Me la appunto subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Glielo dirò subito. Ha già capito che per sopravvivere bisogna partire dalla base....quella alimentare!
      La torta è semplicissima da fare ed è una torta rustica ma di un confortante!
      La mia salvezza (e quella del mio girovita) è che la torta è a casa....ed io no.
      Baci
      Nora

      Elimina
  5. mai mangiata la torta di riso... da quello che leggo e che vedo sono sicura che mi piace...segno e ti faccio sapare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosaria, provala! Di una semplicità e rusticità disarmante ma di un gratificante!
      Per mio figlio, poi, è stato un modo per ricominciare a fare colazione la mattina.
      Fammi sapere!
      Baci
      Nora

      Elimina
  6. Povero Arc, ancora mi ricordo il mio di passaggio alle medie, non ero così agitata neanche al liceo, vebbè ma tu lo hai consolatro bene... e poi dicendo Wiener Schnizel secondo me ha preso 1000 punti, ma la profe mica poteva dirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la prof è una buongustaia, lo vedo bene! Lui che ama la buona tavola può guadagnarsi sicuramente la promozione solo citando alcuni dei piatti con nome tedesco o austriaco che conosce.
      A presto
      Nora

      Elimina
  7. Pensa che io, oltre a Wiener Schnitzel, in tedesco, sapevo dire giusto kartoffen (tanto per rimanere in ambito culinario) e non ti vado a scoprire che,in Austria, patate si dice erdsapfel??!!
    Questa torta di riso dev'essere proprio una coccola ed Arc se la merita tutta!

    RispondiElimina
  8. da una parte invidio tuo figlio che fa colazione con una delizia così (se penso a che mi dava mia mamma quando avevo la sua età...), dall'altra vedo che la procedura di trattamento del riso è un pochino diversa da quella richiesta. Aspettiamo la Giudice Suprema per questo dettaglio, nel frattempo provo ad immaginarmi il profumo della torta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho lavato il riso, è vero ma se toglievo l'amido avrebbe legato meno. Questo l'ho notato in una precedente occasione dove ho lavato e tolto l'amido e la torta si è *disfata* se ci fossero problemi nessun problema a essere messa fuori concorso....
      (potrei fare una precisazione nel testo se accettata....) :-)
      Grazie dell'incoraggiamento.
      Nora

      Elimina
  9. Tanto di cappello a tuo figlio che conosce la Wiener Schnitzel! Per noi niente incidenti da ansia da primo giorno, anche se la Pulce era molto emozionato all'ingresso della scuola, quando si è messo in fila con maestra e compagni.
    Con questa torta, da una parte mi hai fatto tornare al luglio del mio esame di maturità (avevo chiesto a mia madre di preparamela finiti gli esami) e dall'altra, cara Nora, mi hai fregato, perchè - sempre che io riesca a debuttare tra voi - mi tocca trovare un'altra ricetta!!
    Claudette

    RispondiElimina
  10. anche qui l'anno inizia a settembre chissa' perche ho avuto sempre questa sensazione
    la torta di riso è legata alla mia infanzia e alla pasqua
    troppo buona

    RispondiElimina
  11. Posso parlarti da prof? ;;-)
    Le paure di andrea sono l'altra faccia della sua intelligenza: quando si abituano i genitori a delle perfomances sempre soddisfacenti e quando ancora non si è staccato il cordone ombelicale (dàgli ancora qualche anno, per questo) e quindi il giudizio di papà e mamma è ancora quello a cui si tiene di più, è facile che il confronto con un ambiente nuovo sia più destabilizzante che per gli altri bambini. Da mamma, posso capire come ti senti: a me, veniva il doppio delle ansie. Poi. la teoria dice che bisogna tranquillizzarli, etc etc- ma la pratica è sempre tutta un'altra cosa. ma con la Wiener Schnitzel, secondo me, Andrea si è già conquistato la professoressa... se poi sotto Natale si ricordasse pure Vanilla-kipferln ;-)

    Abbiamo disquisito a lungo su questa torta e alla fine conveniamo che tu abbia pienamente ragione- e cioè che lavare il riso sia un de profundis per il risultato finale. Però, il regolamento prevede questo passaggio e quindi ai fini della gara è fuori concorso. Ai fini di tutto il resto, invece, no, perchè è una di quelle ricette da "mtchallenge", che parlano di casa, di tradizione, di amore e hanno il pregio di riuscire sempre e sempre con risultati eccellenti. Tant'è che è già finita nella to do list...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi che consolazione mi dai! Vedere il cucciolo in difficoltà (anche se penso che sia un *passaggio* da fare che tutti incontrano) mi mette KO.
      Per i Vanilla-kipferln... mi sa che ci stava pensando anche lui :-)
      Per quello che riguarda la torta ed il fuori concorso, capisco che ho *toppato* ma resta comunque una ricetta da provare e vorrà dire che mi dovrò impegnare nel leggere bene le regole e ri-cimentarmi.
      Speriamo solo di non *toppare* ancora! :-)
      Per il momento grazie e.... alla prossima?
      Bacioni
      Nora
      PS Arc ha raccontato al tutto il mondo di quanto è stato bello a Bordighera dove un'amica della mamma ha organizzato una cosa troppo FIGA!!!!

      Elimina
  12. Questa torta a me piace molto: il tipico dolce da riempirsi il piatto e confesso che io sono così: diciamo che non pilucco! Leggendo il commento di Acquolina capisco perché: non per giocare alla bimba abbandonata, ma mia mamma quando mai mi ha fatto trovare colazioni così! Tu colmi di bontà la mie carenze infantili, ecco. Concorso o non concorso. Il tuo stile meriterebbe di vincerlo 'sto concorso, perché è ottimamente interpretato e realizzato.
    Auguri all'xy che ci metterà poco a rendersi conto di aver conquistato le insegnanti con la stupenda uscita sulla ws (che buona)!

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.