Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 21 settembre 2014

Sono testarda e ci riprovo: MTChallenge 41 Fiori di zucchina con riso rosso integrale, zucca e taleggio su pesto di carote e curcuma.



La mia prima proposta per MTChallenge è fallita miseramente.
Ho proposto una ricetta di famiglia ma non ho lavato il riso: ERRORE!
Intendiamoci: non è stato un errore per la ricetta visto che l’amido DEVE fare da collante altrimenti, rimettendo in forno il riso cotto nel latte per formare la torta, si sarebbe disfatta subito al momento di sformarla. Ma le regole sono regole…sigh!
Quindi: fuori gara.
Ed ora? Ora mi sono studiata la parte delle regole di cottura e, neurone (Highlander) permettendo ho pensato di riproporre un’altra ricetta per questa gara che, malgrado ogni volta mi faccia tentare di desistere dal partecipare (visto il livello di tutti gli altri partecipanti) mi coinvolge, e mi fa ostinatamente mettere alla prova.
Per dirla come direbbe la mia milanesissima Nonna Maria: sono una *Crapona* (trad: testona)!
La mia ostinazione mi viene dal carattere, dal fatto che tutti gli ostacoli che mi trovo di fronte mi servano di lezione e mi aiutino a non fossilizzare la mia Vita su standard *piatti* dove la scelta di vivere o lasciarsi vivere fa la differenza.
Ussignur…sono diventata filosofa? Naaaaa, alla mia età è normale rimbambire!
Scherzi a parte: il riso e le sue cotture.
Partiamo dal riso.
Io di riso (da buona lombarda) ne mangio tanto anche se quasi sempre lo preparo come risotto.
Poi c’è il fatto che, mentre sono in viaggio per la mia piccola oasi della *Casetta gialla*, passo dalle risaie del Vercellese e lì, credetemi, ho fatto interessanti incontri.



Dalla trebbiatrice che mi si para dinnanzi all’improvviso mentre viaggio spedita verso i miei monti fatati, alla miriade di uccelli che si aggirano nelle risaie quando queste sono appena state inondate o al tappeto di rane che attraversano l’asfalto nella penombra della sera quando rientro nella caotica Milano.
Ed i colori? Quelli del riso sono splendidi. Vi ricordate *quel* tipo di verde acceso delle matite Caran d’Ache  che par quasi fluorescente? Quello che tutti ci chiedevamo dove potesse comparire in Natura? Ecco: nelle risaie! Poco prima della maturazione queste distese sono di QUEL colore!
E’ un allargarsi del cuore ogni volta che me le vedo correre incontro.
Molte cascine della zona che attraversiamo fanno vendita diretta al pubblico e, ignorando i mugugni del Martirio, mi fermo spesso a far acquisti.
Questa volta mi sono attardata a parlare con il proprietario di una di queste. Un tipo di un’età indefinibile; potrebbe avere tra i cinquanta e i settant’anni, senza denti e con gli occhiali spessi ma con una pazienza infinita per le mie domande.
Dicevo: mi sono fermata per acquistare il riso Carnaroli, il SantAndrea e il riso Apollo e poi mi sono lasciata tentare da un riso integrale rosso che chiamano selvaggio.
Il Martirio mi ha visto risalire in macchina con un *carico* di ben sette chili di riso (credetemi: mi sono anche trattenuta), un sacchetto di fagioli di Saluggia e qualche altro prodotto che al momento mi sfugge.



Per questa volta mi sono limitata al riso ma ho appurato che potrò acquistare anche pollame e animali da cortile (vivi o macellati) quindi la prossima volta penso che mi lancerò anche su questo tipo di acquisto (ovviamente depistando il Martirio che è terrorizzato che riempia la macchina con oche, conigli e pollame vario ....vivi!).

Tornando alla gara: ho scelto il riso, riso integrale rosso Ermes.

Per il metodo di cottura, ho pensato di basarmi sulla cottura *pilaf*.
Seguendo le istruzioni di Annalena, ho sciacquato il riso più volte, poi l'ho coperto con acqua bollente salata e l'ho lasciato raffreddare ed ho cominciato a pensare cosa farne.

Dal frigorifero aperto che guardavo dubbiosa ho visto le zucchinette con fiore che avevo comprato proprio la sera precedente e….la zucca!
Benissimo: trovato subito la mia nuova ricetta per la mia partecipazione (speriamo IN concorso!) al 41° MTchallenge.





FIORI DI ZUCCHINA CON RISO ROSSO, ZUCCA ZUCCHINE E TALEGGIO SU SPECCHIO DI PESTO DI CAROTE E CURCUMA.


Ingredienti:

100 g di riso SantAndrea
(da cuocere con metodo pilaf)

100 g. di zucca pulita
100 g. di zucchine in fiore
50 g. di taleggio
20 g. di porro
4 cucchiai di olio EVO
1 mestolo di brodo di verdura
n. 5 fiori di zucchina
sale, pepe

parmigiano grattugiato ed un paio di cucchiai di olio EVO per gratinare.



Per la salsa di accompagnamento:
200 g carote lessate
1 cucchiaino di curcuma
sale
Olio EVO




  1. Lavare con attenzione e molta delicatezza i fiori di zucchina. Togliere il pistillo e lasciare asciugare su carta assorbente.
  2. Tagliare le zucchine ed il porro a rondelle e la zucca a dadini di circa 1 cm.
  3. In un wok (o una padella antiaderente molto grande) far rosolare con tre cucchiai di olio EVO il porro tagliato a rondelle ed i dadini di zucca, bagnandoli con mezzo bicchiere di acqua. Coprire con un coperchio e lasciare stufare a fuoco basso per circa 10 minuti.
  4. Aggiungere le rondelle di zucchina quando e far *saltare* ancora per 5 minuti a fuoco vivo.
  5. Aggiungere il riso e lasciare insaporire per 10 minuti. 
  6. Coprire con 500 g di acqua (il mio riso è integrale ed ha bisogno di un tempo di cottura maggiore, quindi ci vuole più liquido)
  7. Far cuocere il riso coperto con un coperchio per 20 minuti (sempre perchè il riso che ho usato è integrale).
  8. Quando il liquido sarà stato assorbito, spegnere e trasferire tutto in una ciotola per far raffreddare.
  9. Ungere una pirofila da forno con un velo d'olio EVO.
  10. Tagliare a dadini piccolissimi il taleggio, e unirlo alle verdure con il riso cotto in precedenza e sgranato con una forchetta.
  11. Farcire con il riso così condito i fiori di zucca facendo attenzione a non sfaldarli.
  12. Adagiare i fiori nella pirofila, spennellarli con olio EVO e cospargerli di parmigiano grattugiato, aggiungere un mestolo di brodo di verdura.
  13. Mettere la pirofila a gratinare in forno caldo a 180° per 10/15 minuti circa (il riso rosso integrale reggerà bene il secondo passaggio al calore).
  14. Nel frattempo frullare le carote lessate con la curcuma e 5/6 cucchiai di olio EVO sino ad ottenere una crema molto fluida, aggiustare di sale
  15. Quando si saranno dorati (ed il taleggio si sarà sciolto all'interno) servire caldissimi su uno specchio della crema di carote e curcuma.


17 commenti:

  1. Il verde delle risaie! è unico, lo so. invece non conosco io riso rosso, ma la tua ricetta si sposa perfettamente con l'autunno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sposa pure con i gusti della famigliola che mi ha chiesto di rifarla.
      Bacioni
      Nora

      Elimina
  2. Che profumo! arriva fino qui...
    E che colori! un trionfo di autunno...
    Questa stai sicura che te la copio (magari il riso rosso comprato dal padrone della risaia non ce l'ho ma troverò una soluzione)
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare anche il Basmati ma credo tu possa trovare il riso rosso anche al Supermercato.
      Stai solo attenta di verificare se è il riso integrale, nel caso contrario devi accorciare leggermente i tempi di cottura.
      A presto
      Nora

      Elimina
  3. il tuo servizio fotografico sulle risaie mi allarga il cuore... e il tuo bottino altrettanto!
    La ricetta è originale, ben pensata e credo valorizzi parecchio il riso rosso che hai scelto. La tecnica è corretta e la grinta con cui riparti è un ulteriore merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annalena! Sarà che il riso mi piace; sarà che sono una *testa dura*, ma ci tenevo a riscattare il neurone dopo il primo flop.
      A presto
      Nora

      Elimina
  4. Questp è lo spirito, riprovarci.... !!! e se questo fa di te una "crapona" ...allora benvenga!! e smettila di dire alla "tua età " che tua nonna ti bacchetterebbe ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia nonna mi bacchetterebbe comunque, Flavia!
      Era molto esigente e precisa. Io un po' meno.
      Baci
      Nora

      Elimina
  5. MI
    PIA
    CE!!!!!
    e non solo perché ci sia la curcuma...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I colori, i colori fanno allegria solo a vederli e la curcuma ha il suo perchè!
      A presto
      Nora

      Elimina
  6. Che buoni sono i fiori di zucchina ripieni, li faccio spesso ins tagione ma così hanno una marcia in più!
    Meravigliosi e pieni di gusto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui siamo in *fine corsa* per la stagione dei fiori di zucchina ma non ho saputo resistere.
      Grazie dei complimenti.
      Nora

      Elimina
  7. buonissimo il riso rosso, mi piace! ma le foto sono stipende, che paesaggi!
    e per finire ho ammirato la ricetta, davvero sfiziosa ed equilibrata :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca. Questi colori li ammiro tutti i fine settimana mentre raggiungo il mio eremo in montagna.
      Peccato non riesca più a trovare le foto che scattai alle varie specie di uccelli che stazionano nelle risaie al mattino presto e verso sera.
      A presto
      Nora

      Elimina
  8. noraaaaaaa, viene lo stesso la torta di riso con il metodo di Annalena! l'ho provato con la "non carrarina" (vedi i vantaggi del partire da subito fuori concorso? :-)) e si è sformata benissimo, o meglio: come le altre volte. Bisogna azzeccare la cottura e lasciarla raffreddare bene nella teglia, almeno nella ricetta che ho io. Però, nessun "minus", diciamo così.
    E comunque, meno male che sei finita fuori concorso: perchè la capatosta dà i suoi frutti, come vedo :-)
    strappone alla regola: e 'ste foto, da dove saltan fuori? sono bellissime!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, le foto sono merito della macchina *figa* regalo del Martirio e di un'attenta scelta fatta su quasi duecento foto....
      Mi mancano, come ho detto sopra a Francesca, quelle foto che feci agli uccelli in risaia.... sapessi dove le ho salvate!
      Quanto alla tua torta l'ho vista e ho pensato che DA QUI si vede la differenza nel fare la blogger: la mia è una torta normalissima, la tua è LA torta!
      Baci
      Nora

      Elimina
  9. La tua ricetta è un successo assicurato!
    :*

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.