Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 13 novembre 2014

UN'AMICA CHE TORNA ED UNA TORTA SALATA CHE *SE LA TIRA* DA QUICHE.



Un'amica che torna a trovarci, una tre-giorni intensa che contiene tutto quanto ci siamo scritte , dette, raccontate nei commenti frammentati sui nostri blog.
Un pezzo di vita per volta; un'avventura; una delusione; una conquista.
Un sentirsi sempre in sintonia anche se ci si frequenta poco.
Scoprire gli stessi gusti, le stesse passioni, la stessa corsa appresso alla vita, sempre affannate.
Averla ospite è stato un divertimento, un'occasione per portare in tavola anche delle novità.
Poi un giro di corsa, quando il buio di queste sere che arrivano ogni giorno sempre prima, tra le strade congestionate, lucide, di una Milano che a volte è solo da bere a volte anche da nuotare, con un'altra amica che ci porta a ridere e scherzare sui trespoli di un pub.
La passeggiata tra la MIA vecchia Milano, quella che mi cammina nei ricordi, con i pochi negozi dei ricordi ancora aperti nonostante la crisi. Quella drogheria che ha ben 160 qualità di te e le caramelline al rosolio che mi comprava nonna Maria. La pasticceria a fianco con l'arredamento del dopoguerra con le paste in ordine nella vetrina di fianco alla cassa, la cassiera che (forse) nel dopoguerra era una ragazzina. 
Il negozio di guanti e la gioielleria con le vetrine più belle di Milano.
Poi Sant'Ambrogio con la sua entrata quieta, le navate spoglie e pur meravigliose. Rientrare dopo anni che non ci passavo, camminare al fianco della colonna della Tentazione e raccontare una leggenda milanese a chi da Milano è lontana....
Questo mi ha regalato questa amica. Da qui riprenderemo appena ne avremo ancora l'occasione.
Per ora resta il ricordo di questi bellissimi giorni e ...... di questa torta salata che *se la tira* da quiche...

Una torta salata che vorrebbe sembrare un quiche....



Pasta sfoglia:
250 g di farina 00
250 g di burro (bavarese è meglio)
125 g di acqua
1/2 cucchiaino di sale



Ripieno:
230 g di prosciutto cotto a cubetti
200 g di emmental francese
200 g di brie
200 g di panna da cucina
1 uovo intero
sale
pepe


Procedimento:


  1. Con l'aiuto di un cutter, mescolate il burro freddo con la farina usando la funzione pulse fino a che si sarà omogeneizzato tutto. Ricompattate il panetto e mettetelo in freezer 10 minuti ad indurire.
  2. Impastare il resto della farina con l'acqua ed il sale. Stenderla con il mattarello formando un rettangolo che misuri il triplo del panetto di burro messo a riposare.
  3. Togliere dal freezer il panetto di burro e farina, chiuderlo nella sfoglia di farina come fosse un pacchetto e stendere il tutto con il mattarello facendo attenzione a non premere troppo per non far fuoriuscire il burro e dando una forma rettangolare.
  4. Ripiegare in 3 il rettangolo steso e riporlo in freezer per 10 minuti.
  5. Terminato il periodo togliere dal freezer il panetto e stenderlo con il mattarello sulla spianatoia infarinata, sempre facendo attenzione a non premere troppo per non far uscire il burro.
  6. Ripetere l'operazione dal punto 3 per 6/7 volte.
  7. Stendere la sfoglia, adagiarla in una tortiera imburrata ed infarinata.
  8. Bucherellare il fondo e disporre il prosciutto, il brie ed l'emmental tagliati a piccoli cubetti.
  9. In una ciotola sbattere le 2 uova con il sale, il pepe ed aggiungere la panna. Mescolare bene e versare sulla farcitura della torta.
  10. Con la pasta avanzata (e NON reimpastata) ritagliare delle strisce di pasta e formare la griglia sopra il ripieno.
  11. Infornare a forno caldo e cuocere per 30/35 minuti in forno statico a 175°C.


Note: 
  • I 10 minuti di riposo in freezer sostituiscono i 30 minuti di riposo in frigorifero tra un passaggio e l'altro. In pratica si utilizza il freezer come *abbattitore*, appena il composto prende la consistenza del burro, prima che congeli, lo si toglie dal freezer.
  • Queste dosi bastano per 2 torte salate del diametro in tortiere di 28/30 cm.
  • Se deciderete di utilizzare solo 1/2 dose della pasta, il resto del panetto potrà essere conservato (ben impacchettato) in freezer. Al momento dell'utilizzo potrete scongelarlo passandolo in frigorifero per 1 notte.
  • La torta salata è buona sia calda sia a temperatura ambiente.




3 commenti:

  1. Secondo me se la tira da quiche e ne ha ben ragione...anzi è anche meglio, con quella pasta sfoglia davvero bellissima e che mi fa venir voglia di provare anch'io a farla. Complimenti.

    RispondiElimina
  2. Pomeriggio con l'amica del cuore anche per me, con una tazza di te e una cheese cake invernale che merita, come questa tua quasi quiche che non ha nulla da invidiare ad una quiche vera.
    Claudette

    RispondiElimina
  3. Sai Nora, era da quando hai pubblicato quel post sul tuo anniversario che avevo voglia di andare a Sant'Ambrogio con te. Sono proprio felice di esserci riuscita! oltre che di tutto il resto. E santa anche la pazienza dei tuoi xy, uno per il letto e l'altro per il taxi antelucano!!!
    I pacchetti di the mi hanno seguita in Francia. Sono qui che si chiedono in quale mondo umido siano finiti. Be', non che Milano fosse propriamente asciutta!
    Sto appena cominciando a rifiatare. Se trovo l'alcool, mi dò alle carote! :-)
    Grazie di questo splendido post, generoso come sempre sei. Un bacio, e a presto.

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.