Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 22 febbraio 2015

I BACI DI MENEGHIN E CECCA PER #MTCHALLENGE 45


Io ed il Martirio ...... e MTChallenge.
Avete presente Carlo ed Alice delle famose strisce di Reg Smythe (nelle strisce originali Andy e Florrie)? 
Più passano gli anni e più, io ed il Martirio, tendiamo ad assomigliare a questa coppia.
Ovviamente con tanto di mattarello e bottigliette di birra gentilmente offerte dalla mia spettanza mensile.
Il biliardo no, quello è un pezzo che il Martirio non lo pratica. Da quando il mitico gruppetto di emulatori di Paul Newman, si è smembrato per i soliti impegni famigliari, di lavoro, di vita che cambia.
Pensare che gli avevo pure regalato la stecca quella *professional* con tanto di custodia, quella che mi era costata una delle più grosse figure di M della mia vita.
Uno dei primi anni di matrimonio, visto che il consorte amava far *correre le palle* (nel senso del biliardo), avevo pensato di regalargli per Natale, la stecca seria. 
Sul percorso di ritorno dall'ufficio, passavo davanti al negozio HERMELIN, dove si intravvedevano in vetrina dei bellissimi tavoli da biliardo, con tanto di stecche in esposizione nelle rastrelliere.
Lo sbirciavo tutte le sere dal finestrino della filovia e poi mi sono convinta: una sera sono scesa prima della mia fermata e sono entrata.
Ad accogliermi un tipetto tutto impettito con tanto di gilet che gli conferiva un'immagine da giocatore provetto (secondo lui, secondo me di uno che aveva dimenticato la giacca al bar). 
Sorridente mi chiese cosa desiderassi ed io, candida, risposi:
- Una stecca per il biliardo.
Con uno sguardo e sorrisetto che mi parve sarcastico pose ancora una domanda:
- Di che tipo?
A quel punto, sentendomi presa in giro, risposi convinta e pure quasi offesa:
- Quel tavolo con le sponde...il tappeto verde...le palle colorate che girano....
Sempre più perplesso il tipo, mantenendo a fatica il controllo, parlandomi lentamente, come si fa con gli stranieri (o agli interdetti), mi spiegò:
- Vede, signora, di biliardi ce ne sono di due tipi, quello all'Italiana ed il biliardo Americano. Cambia il tipo di stecca da utilizzare. Insomma: suo marito gioca solo con le palle o pure con i birilli?
Rossa paonazza (allora mi succedeva ancora!) mi resi conto di avere fatto la figura della solita cretina e balbettai:
- Mi sembra ci siano i birilli..... e poche palle.
Per farla breve, credo che il tipo si stia rotolando dalle risate ancora ora che la stecca, oramai, langue nella sua custodia sul fondo di un armadio.

Dicevo: io ed il Martirio, con gli anni, tendiamo ad assomigliare a questa coppia di litigiosi coniugi che, pur brontolandosi dietro, resistono e rimangono uniti, perchè in fondo a tenerli uniti c'è un amore vero.
Questa somiglianza poi si intensifica quando si parla di MTChallenge visto che il Martirio ha sempre da brontolare che per un mese si mangia sempre la stessa cosa...
Questo mese però non lo ha fatto, anche perchè ho rischiato di non riuscire a partecipare. 
Ospedali, pensieri, impegni scolastici e lavorativi mi hanno ridotto uno straccio e non ho quasi avuto il tempo per fare la spesa o la lavatrice, o solo leggere un libro.

Ma il tarlo dei *baci* proposti da Annarita del Bosco di alici come 45sima sfida di MTChallenge, mi rotolavano nel cervello ma avevo due grossi problemi: il tempo che non riuscivo a trovare e... mi mancava il marmo per temperare il cioccolato.


Poi, leggendo più attentamente le istruzioni date da Annarita, ho capito che per la copertura di cioccolato si poteva anche fare un *Temperaggio per inseminazione*.

Ho deciso di provarci anch'io a fare i miei *baci di Carlo ed Alice* anzi, visto che siamo Milanesi DOCG, che sono riuscita a farli di Sabato Grasso (quello del carnevale Ambrosiano, s'intende!) e che avevo ancora un pezzetto di panettone fatto biscottare in forno...


ecco a voi i miei

I BACI DI MENEGHIN E CECCA con ripieno cremoso di panettone e uva fragola alcolica 
(ndr Meneghin e Cecca sono le due maschere Milanesi - marito e moglie borbottoni) 

Procedimento:



Far indurire in freezer gli acini di uva fragola sotto Ratafià.




Tritare il panettone biscottato assieme alla robiola ed al Grand Marnier.



Formare delle piccole palline da circa 20 g l'una.



Inserire alla cima della pallina l'acino d'uva fragola congelato.



Mettere in freezer le palline di ripieno mentre si prepara il cioccolato per il rivestimento.


Sciogliere a bagnomaria i tre quarti del cioccolato tritato continuando a mescolare. Quando avrà raggiunto la temperatura di 45°C, aggiungere il rimanente cioccolato grattugiato e farlo sciogliere mescolando 
           velocemente, portando la temperatura a 25°C. Riscaldare nuovamente 
           a bagnomaria sino a portarlo a 30°C.


Togliere dal freezer le palline di ripieno e rivestirle immergendole nel cioccolato aiutandovi con una forchetta. 


Far asciugare i cioccolatini su un vassoio ricoperto da carta da forno.



ed ho pure pensato al bigliettino per il mio Martirio brontolone:


Con questa ricetta partecipo alla sfida n. 45 di MTChallenge.



15 commenti:

  1. Speravo tanto di vedere i tuoi baci e sin contenta che dentro ci sia un ripieno che racconta di te. Ma poi, diciamocelo chiaro, una volta x tutte: secondo me è solo Alice la brontolona, tuo marito più che un martirio è un martire :-P poi sai, l'amore vero... muah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macchè martire! Il Martirio è il Martirio, e basta.
      Non credevo di riuscire a farcela ma.... ho ritagliato un momento per me e l'ho regalato alle mie bocche fameliche.
      L'amore vero ha tante sfumature, e non sono di grigio.
      Baci
      Nora

      Elimina
  2. Fantastica sta faccenda del biliardo e della stecca, tuo marito è un uomo esageratamente fortunato.
    Sia per i baci che per le birrette:))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I baci se li è scofanati tutti.... le birrette pure.
      Un bacio a te bella donna.
      Nora

      Elimina
  3. Son proprio contenta che tu ce l'abbia fatta a partecipare. Non potevamo perderci queste squisitezze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è stato solo un modestissimo esercizio. Il problema della mancanza del piano di marmo per temperare l'ho bypassato con il temperaggio per inseminazione (che più che un procedimento da pasticcere sembra un procedimento da laboratorio di chimica).
      Mi piacerebbe poter provare a temperare il cioccolato *veramente*.
      A presto.
      Nora

      Elimina
  4. Sono contenta che sia riuscita a fare i baci,primo perchè così ti sei dediata un attimo di tempo per una tua passione, secondo perchè devono esserti venuti così bene, che martirio avrà gioito e terzo...perchè così mi sono ammazzata dalle risate di domenica mattina.....buona giornata :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazzarsi dalle risate è sicuramente quello che sarà successo anche al commesso della Hermelin. I baci invece han sicuramente contribuito all'innalzamento del tasso glicemico del Martirio....se li è *bevuti* in uno spazio di un nulla.
      A presto
      Nora

      Elimina
  5. La stessa figura io l'ho fatta con lo zaino da montagna che avevo voluto regalare al sig. Darcy per il primo compleanno da sposi, visto che il suo ormai era da rottamare. Anch'io sono crollata sulla prima domanda: quanti litri? da allora zaini e attrezzature da montagna li compra lui (anche per me). Io a questo giro di MT ho rinunciato: troppi impegni, poco tempo, poca testa. Tu come sempre stupisci e non solo per il risultato (baci che raccontano una storia...), ma anche perchè nonostante i problemi della vita vera, quella che sta al di qua dello schermo, arrivi sempre....
    Un abbraccio
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo sempre, anche in corsa, perchè mi serve trovare un angolo (seppur piccolino) dove rifugiarmi e ricaricarmi.
      Questa volta credevo proprio di non farcela ed invece...
      Peccato tu non sia riuscita a cimentarti.
      A presto
      Nora

      Elimina
  6. Che bello, sai che invece è positivo quando ancora, dopo tanti anni insieme, si battibecca con il proprio compagno, perchè vuol dire che si ha ancora qualcosa da dirsi. E' quando non si parla proprio che allora ci si sopporta e basta. Carlo e Alice li conosco e mi hanno fatto sempre una gran tenerezza. Confesso che essendo passati i 3/4 della gara le avessi già viste tutte e invece tu mi metti il panettone nei baci......grandissima. L'idea mi sembra ottima soprattutto inserendo la robiola che è cremosa e appena salata. Meno male che hai potuto parteipare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo già adoperato la robiola in un dolce che altrimenti sarebbe stato TROPPO dolce e.... mi ha conquistata.
      Deve essere successa la stessa cosa al Martirio perchè se li è sbafati in un nulla.
      Grazie per la sfida.
      Nora

      Elimina
  7. Quanto mi piacciono i tuoi baci!!! Davvero originali...e che risate con la storia della stecca!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risate sicure. Anche per il commesso della Hermelin!
      Un abbraccio
      Nora

      Elimina
  8. Ma grande Nora che ce l'hai fatta- e ce l'hai fatta con una di quelle ricette che portano la tua firma: sanno di casa, nascono da un modo di cucinare che affonda le sue radici in un concetto ampio di rispetto per il cibo (quanti panettoni ci sono rimasti, da Natale, di cui non si sa più che cosa fare?) e che lo declinano con saggezza, fantasia e amore. ci sei tutta tu, in questo bacio-e in questo post. E il martirio è un uomo fortunato :-)

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.