Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

sabato 11 febbraio 2012

Un San Valentino speZiale!



ARC quella mattina non c'era con la testa. La maestra lo aveva ripreso più volte e questo, a lui, non era piaciuto affatto e men che meno sarebbe piaciuto alla mamma.  

Durante l’intervallo poi non era nemmeno riuscito a giocare con i compagni da tanto era con la testa persa nei suoi pensieri....

Fuori da scuola  aveva trangugiato la merenda provvidenziale della nonna, ma senza entusiasmo perché aveva un problema e non sapeva come uscirne.  La soluzione poteva venire solo dalla mamma… lei un’idea di cosa si aspettano le femmine poteva averla e gliela avrebbe detta senz'altro!

Mentre aspettava la mamma si guardò i cartoni preferiti così il tempo passò in fretta e, quando arrivò, la investì subito:
*Mamma, posso dirti una cosa? Come si fa a chiedere ad una femmina se vuole diventare la tua fidanzata?*

Ecco! Lo aveva detto. Tutto d’un fiato, come i segreti, i sogni e le formule magiche.  La mamma lo guardò serissima  e sempre seriamente gli rispose:
*Basta chiederglielo!* E già: fosse facile! Ma come?!

Poi la mamma gli chiese di chi si trattasse. 
Della compagna nuova? No, lei non gli aveva mai dato retta ed ora c’era Vì, con i suoi occhioni azzurri e furbissimi che gli sorridevano dietro i riccioli!
Anche alla mamma piaceva Vì. Era una compagna della scuola materna che poi, alle elementari, non era più stata in classe con Arc , ma la vedeva tutti gli intervalli…. e i martedì (tutti i martedì!) facevano la strada assieme.

*Chiediglielo, senza giri di parole. Ma fallo quando siete soli, senza i compagni attorno che potrebbero schernirvi!*

Caspita! La mamma era capace di rendere sempre semplici tutte le cose, anche quando erano ingarbugliate come certi nodi che si formano sulle stringhe delle scarpe da ginnastica, e che non si smollano nemmeno a tirare con tutte le forze. Anzi, più tiri e più si stringono. Poi arriva la mamma e…. zac… si disfano come per magia!

L’indomani, al ritorno da scuola, la mamma era già arrivata a casa e, quando rispose al citofono Arc, invece del solito *Siamo Noi!* le urlò *Siiiiiiiii! Mi ha detto di Siiiiiiii!*. 
Sulla porta abbracciò forte la mamma e le raccontò tutto d’un fiato la faccenda. 
Mamma sorrise dicendo che lo sapeva che Vì avrebbe detto si! (Ma come faceva la mamma a sapere sempre tutto su di lui?!)
Arc sorrise ma ancora non accennò a tornare a giocare, anzi, si dondolò un po’ sui due piedi come se mancasse ancora qualche cosa.  Poi tutto d’un fiato:*Mamma che faccio di regalo a Vì per SanValentino? Sarà tra una settimana e…. non ho idee…*

La mamma suggerì un biglietto carino, con un disegno, ma ancora mancava qualche cosa. Va bene il disegno ma… Arc voleva qualche cosa di concreto. 

*Mamma Vì ama i dolci e tutte le volte che ci troviamo all’intervallo guarda sempre la mia merenda. Sai le tue torte? Facciamole una torta!* 
No, mamma disse che la torta non poteva andare bene ma di lasciarle il tempo di pensare… giusto qualche giorno avevano tempo.

Qualche giorno prima di SanValentino, la mamma accese il computer e chiamò Arc a guardare il video. 
Una pagina bianca, una fetta di torta *strana*, fatta di pannolenci, si aprì sullo schermo e dei biscotti a forma di casetta, comparvero. 
La mamma disse ad Arc che era una ricetta di una sua amica che aveva un nome strano: La cucina di mamma (che nomi strani hanno i grandi a volte!), Disse che ci si poteva fare la forma che si voleva, come quando a Natale avevano fatto le decorazioni per la tavola. 
Poi, con fare furbo, tirò fuori lo stampino a forma di omino di pan di zenzero, quella grande, e una più piccina… un cuore (!) e le caramelle gommose rosse…
*Che ne dici di un omino con il cuore di vetro da regalare a Vì?* … altro punto per la Mamma…

Presero dalla dispensa gli ingredienti per Pan di zenzero!! ( ricetta presa da Coockaround di Lillaria) trascrivendoli dal blog di Loredana (quella dal nome strano)

800 gr farina
2 cucchiaini di zenzero in polvere
2 cucchiaini di cannella
1/2 cucchiaino di noce moscata
1/2 cucchiaino di polvere di chiodi di garofano
2 cucchiaini di lievito per dolci
pizzico di sale
200 gr di burro
200 gr di zucchero
300 gr di miele
2 uova

1 caramella gommosa rossa per il cuore.

Lavorarono il burro a crema, con lo zucchero, usando le fruste elettriche.
Quando la crema fu bella gonfia,  unirono le uova, uno alla volta facendole assorbire bene prima di aggiungere il successivo, alla fine unirono il miele.

Al composto aggiunsero la farina, le spezie profumate ed il lievito.
Lavorarono a lungo fino a formare una palla , la avvolsero in una pellicola e la fecero riposare  in frigo per almeno un'ora.

Trascorso il tempo del riposo, la mamma stese la sfoglia alta 4 mm. e Arc ritagliò gli omini nella pasta profumata. In petto agli omini, con la formina a cuore, fece un buco e li posò sulla teglia del forno ricoperta da carta oleata. Al centro del cuore bucato la mamma gli fece sistemare una caramella gommosa rossa (quelle che gli piacevano tanto!) e poi mise la teglia in frigorifero per una mezz’ora circa.

Poi mamma poi mise la teglia con gli omini in forno caldo a 180° per 12'.



Davanti al forno Arc trepidava: che ne sarebbe stato della caramella? Perché la mamma gliela aveva fatta mettere nel buco a forma di cuore? Certo che, a volte, le mamme sono ben strane!
Un miracolo! La caramella rossa cominciò a sciogliersi e maniman che si scioglieva, si allargava a coprire ed a riempire tutto il cuore dell’omino! Ma che magia! Sembrava vetro!
Tolsero i biscotti dal forno, li fecero raffreddare e… scrissero il nome con lo zucchero… li misero in una scatola di latta rossa come l’amore e le guance di Vì. San Valentino era lì in quella scatola, pronto da essere donato alla sua Vì!



Con questa ricetta partecipo al contest The Recipe-tionist con Flavia e Loredana 








e pure al contest Cucinando con il cuore - il contest degli innamorati  di L'aroma del caffè

22 commenti:

  1. ma te lo posso dire?...ho imiziato a leggere spinta dalla curiosità e rapita dalla scrittura senza sapere che avrei trovato me...ed ho avuto un tuffo al cuore, essere inserita in un post così bello mi ha emozionato...grazie a te e al piccolo Valentino.

    un abbraccio di cuore

    loredana

    RispondiElimina
  2. Certo che ci sei tu!!!!! Tua è la ricetta e lo spunto lo abbiamo preso da te!
    Nora

    RispondiElimina
  3. Leggerti tutto di un fiato, e far affiorare tanti ricordi, e una lacrima.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Sono felice ti sia piaciuto, ma mi dispiace per la lacrima!
    Mangiati un biscotto... e magari offrilo anche al TUO Valentino! ;-)
    Buon WE! Nora

    RispondiElimina
  5. Che tenera questa storia... E' coinvolto il principino??
    Sono troppo carini.. Brava Nora! E' proprio carino il tuo blog!!

    RispondiElimina
  6. Certo che è coinvolto il mio principino.... prima di pubblicarla l'ha letta ed approvata!
    Ciao Manù, buon WE
    Nora

    RispondiElimina
  7. Dolcissimo racconto... e troppo belli i biscotti Nora, con quel cuore palpitante ;D

    RispondiElimina
  8. Grazie Marina, i biscotti sono stati realizzati a quattro mani....
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se commento qui, ma non riesco ad inserire un commento..... tu e Arc..mi avete stesa.... vi adoro...grazie ..... e buon San Valentino a tutti e due., con questa idea farete strage di cuori.....buona domenica, Flavia

      Elimina
    2. =D La strage di solito la fa lui ... di biscotti e caramelle... e di cuori di fanciulle che si lasciano incantare dai suoi occhioni... Notte e buona domenica Flavia
      Nora

      Elimina
  9. Che dolce il tuo racconto, letto tutto d'un fiato con un carico d'emozione. E un pizzico di golosità sul finire perchè adoro questi biscotti...alla follia. Simpaticissimi con le decorazioni colorate. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  10. Come avrai capito .... piacciono tanto anche a noi!! ;-)
    Buona settimana anche a te.
    Nora

    RispondiElimina
  11. These r the cutest gingerbread lovers I've ever dreamed. Willy

    RispondiElimina
  12. Ma quanto è cresciuto il tuo monello: va già a morose? Paolo (XrX)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ussignur! Tu Quoque?????? =D Certo che si Paolo, diciamo che è molto sensibile al fascino femminile...... con grande soddisfazione del Martirio! E le tue donnine? Chissà quanti messaggi d'ammmore ;-)
      Nora

      Elimina
  13. Il tamtam è arrivato sino a me. Inutile dirti che ruberò subito tutte le tue ricette per cambiare finalmente menu. Se si lamentano te li mando tutti sotto casa! Tuo figlio è speciale, ammore di siaaaa! Bettina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Firenze a Milano l'è dura!!! Segui le ricette ed evita il viaggio alla tua famigliola! ;-) Andrea E' specialisssssssimo!Bacia la tua peste,
      Nora

      Elimina
  14. è sempre un piacere leggere quello che scrivi.............chicca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prox volta te li faccio pure assaggiare in pausa....
      Nora

      Elimina
  15. Se te li commissiono per la fidanzata, sono ancora in tempo? ^___^
    Niki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... io te li posso preparare ma... per il S.Valentino del prox anno! Semprechè la santa donna resista..... U_U
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.