Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 18 giugno 2012

Fajitas di vitello con tortillas di farina





La sveglia é suonata presto per Arc, questa mattina. Non aveva voglia di svegliarsi: insomma era pur in vacanza!
La mamma e il papà non hanno sentito ragioni e lo hanno letteralmente *tirato giù* dal letto.
- Mamma nooo, è festa oggi! Non posso dormire? - mugugna da sotto il cuscino.
Niente da fare. Quando la mamma fa la voce grossa sottovoce ... fa proprio passare la voglia di contestare. 
Si è trascinato in bagno con gli occhi a fessura. Ha fatto tutto come un automa, si è messo i vestiti che la mamma aveva preparato e, rassegnato, si è presentato in cucina.
- Solo biscotti e pochissimo latte stamattina. Dobbiamo viaggiare e a te il latte da fastidio! 
Apre gli occhi sospettoso... - Mamma, non è che mi portate da un altro dottore, vero?
Mamma sorride e si affretta a rispondere di no, è una sorpresa, una sorpresa per lui che è stato tanto bravo a scuola.
Sbircia papà ma ... muto, sotto tiro dallo sguardo di mamma che, quando ci si mette, farebbe tremar chiunque... non parla.
Chiudono casa, dopo avere lasciato le crocche e l'acqua fresca alla micia Ariel, la *sorellina pelosa*.
Sono carichi. Papà ha uno zainetto con k-ways e ombrellini e non so che altre diavolerie di mamma che è del partito che *tutto può servire, anche ago e filo se perdi un bottone*...e brontola che quando si spostano sembra di partire con la carovana del Tigrai..
- Andiamo lontano? - intanto cerchiamo di capire se si cammina. 
Ad Arc non piace tanto camminare, preferisce la bici o il monopattino perchè si fa meno fatica ma, questa volta, ha la sensazione che non sia il caso di portarli.
- Un po' - bella risposta! La mamma è una sfinge.
Salgono in macchina, si infilano in tangenziale tra la fila di gente che entra ed esce da Milano, entrano in autostrada.
Milano-Venezia, dice il cartello.
- Mi portate a Venezia?! - è un po' di tempo che vorrebbe vederla, quella città fatta di strade d'acqua e di ponticelli e case piantate direttamente sull'acqua.
- Ma, se sarà Venezia ci faremo un giro in gondola.... - risposta sibillina.
Non ha detto ne si' ne no. Siamo punto e a capo.
Arc accende l'I-POD e si spara Vasco a tutto volume, mentre mamma e papà parlottano per enigmi e la macchina prosegue spedita.
Chissà quanto ci vorrà ad arrivare a Venezia. Alla mamma meglio non chiederlo tanto terrà il segreto.
Dopo le canzoni di Vasco e quelle dei Nomadi, ecco che papà prende l'uscita ma... non c'è scritto Venezia.
Arc si fa attento. Pagano l'uscita, i due cospiratori, e continuano per una strada statale... girano ad una rotonda... ad un'altra... poi un cartello riesce a leggerlo anche lui: GARDALAND!!!!
- FIGOOOOOOOO!!!!! MAMMA GRAZIE!!!!
Altro che Venezia, qui si va da Prezzemolo!!!!


Una giornata travolgente.
Giochi spettacolari.
Mamma che vorrebbe fare tutti quelli paurosi
... e papà che frena.
Arc è ubriaco di felicità,
pur tra la gente e le file
si è divertito come non mai...


Si torna a casa, 
cantando a squarciagola le canzoni di De Andrè, di Guccini, 
dei cantanti della mamma..


A casa la fame si fa sentire e:
- Mamma mi fai qualche cosa di speciale?


Ride, la mamma. Ha già pronti gli ingredienti:


FAJITAS DI VITELLO E PEPERONI CON TORTILLAS DI FARINA
Ingredienti per 3 persone 
(6 tortillas piccoline)




Per le fajitas di vitello ai peperoni:
3 fettine di vitello di circa 300 gr totali. 
1 peperone rosso grigliato e spellato.
1 peperone giallo grigliato e spellato.
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1/2 cipolla di tropea tagliata a velo
1 tazzina di vino bianco secco
1 cucchiaino di paprica dolce
sale, pepe, 
1 cucchiaio di coriandolo fresco tritato,
farina per infarinare.
Olio EVO


Tagliare a striscioline le fettine di vitello ed infarinarle.
Scaldare le fettine di cipolla di tropea con 2 o 3 cucchiai di olio EVO a fiamma molto bassa.
Appena diventeranno trasparenti, aggiungere le striscioline di vitello e sigillarle.
Salare, stemperare il concentrato con la tazzina di vino e aggiungerlo al vitello.
Coprire e far cuocere molto piano.
Nel frattempo tagliare a striscioline i peperoni e tritare a parte il coriandolo fresco.
Dopo 10 minuti aggiungere i peperoni al vitello, la paprica, aggiustare di sale e pepe. 
Coprire di nuovo e cuocere per altri 10 minuti circa (dipende dallo spessore delle fettine di vitello). Spegnere il fuoco, aggiungere il coriandolo fresco tritato e tenere in caldo. 



Per le tortillas:
2 tazze di farina bianca
1 cucchiaino di sale
1 busta di lievito secco per torte salate (io quello del Lidl)
2 cucchiai di olio EVO
1 bicchiere scarso di acqua tiepida circa 125ml



Preparare le tortillas mettendo a sciogliere il sale nell'acqua tiepida. 
Setacciare il lievito con la farina, metterla nel cutter con i 2 cucchiai di olio EVO e azionare 2/3 volte il tasto pulse.
Aggiungere l'acqua dove avete sciolto il sale e continuare ad azionare il tasto pulse, sino a che si formerà un composto elastico.
Farne una palla e lasciarla riposare sotto una tazza per circa 20 minuti (io anche mezz'ora).
Trascorso tale tempo, scaldare sulla fiamma un padellino anti-aderente.
Lavorare la pasta velocemente e ricavarne 6 palline che stenderete molto sottili con un mattarello sulla spianatoia infarinata.
Far cuocere le tortillas nella padella anti-aderente 5 minuti per parte.
Devono rimanere morbide ma *asciutte*. Si formeranno delle bolle che si bruniranno nella cottura.
Lasciare le tortillas al caldo tra 2 piatti.


Servire le tortillas ripiene delle striscioline di vitello ed arrotolate.


Arc le adora, il Martirio pure ed io.... avete dei dubbi?? ;-)









20 commenti:

  1. Che bello! Anche io faro' cosi' con mia figlia quando la portero' a Gardaland! Complimenti per le tue faijtas, anche io le faccio spesso ma senza lievito, la prossima volta provo la tua ricetta mi sembrano davvero buone :-D Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi è stato duro minacciare mio marito, ma che bella l'espressione di Andrea quando si è svelato l'arcano!
      Io ho fatto fatica a *tradurre* in misure e parole una ricetta che faccio ad occhio. Il lievito io l'ho sempre messo e, secondo me, le rende un poco più morbide ed elastiche.
      Buona giornata.
      Nora

      Elimina
  2. Una bella sorpresa per Artc, ma mi sembra di capire che anche i grandi se la siano goduta!!!
    Ottime le tue faijtas...splendida conclusione di una giornata magica!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, io c'ero già stata e ho *sofferto* un po' a non fare le attrazioni più pericolose, ma la serenità di una giornata SENZA PENSIERI è impagabile!
      Pensa che sono una delle *trovate* con cui mi riesce di far mangiare carne ad Andrea... :-)
      Buona settimana.
      Nora

      Elimina
  3. sei di una tenerezza incredibile... forse queste il bambino le mangia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, tu falle e vedrai che apprezzerà. Le puoi fare anche con il pollo, il maiale, dipende dalla carne che ho in casa al momento e decido.
      Secondo me il Feroce Saladino le mangia eccome, soprattutto dopo una giornata intensa quando la fame la fa da padrona...
      Buona settimana, bella signora.
      Nora

      Elimina
  4. Buone anche io le ho fatte tempo fa e ho voglia di ripresentarle alla mia amica, compagna di avventure hihihi e magari le tortillas non le comprerò ma userò la tua ricetta!!!! un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provaci! Sono semplici e versatili e... non te ne pentirai!
      :-)
      Nora

      Elimina
  5. Nora domani ci conosciamo!!!! sono felicissima e non vedo l'ora!!!!! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice anch'io!! Un'occasione per conoscere chi ha la stessa mia passione... anche se siete tutte moolto più brave della sottoscritta!
      Buonanotte e... a domani!
      Nora

      Elimina
  6. la lettura del tuo post mi ha aperto il cuore...il sogno di una famiglia così, la vostra magica condivione mi hanno fatto bene,ecco! quindi grazie dal profondo del cuore per le sensazioni, i pensieri che mi hai scatenato e grazie per questa ricetta : fantastica! e anche se poi alla fine mi è venuta un poco (ma solo poca) malinconia e tristezza per tutti i rimpianti, gli errori, le sconfitte della mia vita mi sono risollevata segnando sul mio quaderno "to do" le tue tortillas :-) baci grandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roby: rimpianti, errori, sconfitte le abbiamo tutti, CREDIMI! Io, in questo momento, sono fortunata. Avere una famiglia che sta in piedi oggigiorno è il risultato di lotte dure, a volte, ma anche di fortuna. Inoltre mio figlio è piccolo e la sua contestazione, quando *ci prova* la tacito facilmente. So benissimo che questo limbo non durerà molto e mi vederete scrivere di liti, di guerre aperte, le stesse che vivono amici e conoscenti che hanno figli adolescenti... un passaggio dove alcuni escono indenni e altri no.
      Non scrivo mai del mio lavoro, per esempio... quello è la nota stonata al momento ma, la fortuna mi ha dato altre soddisfazioni.
      Ho fatto scelte difficili nella mia vita ma non me ne pento, tutto ciò che mi ha visto affrontare un ostacolo con grinta, magari dalla parte sbagliata, mi è servito di lezione e l'ho fatto con coerenza.
      Le forze sono poche, a volte, ma io personalmente le dedico SOLO a ciò che ritengo veramente importante per la mia vita!
      Sul tuo quaderno del "to do" segna anche di volerti più bene, ogni giorno... te lo meriti di sicuro! Le tortillas? Falle, e condiscile come vuoi, sono molto versatili.
      Buona notte Roby, peccato non averti con noi domani!
      Smack
      Nora

      Elimina
    2. grazie nora !!!:-))) spiace anche a me non essere lì oggi....ma ci rifaremo!

      Elimina
  7. che bei ricordi le sorprese fatte ai bimbi cosi...! ne ho ancora memoria... a me poi i ''segreti e i misteri'' piacciono da sempre:-) è stato emozionante leggerti.
    e una di qst sere: tortillas x me e la mia metà. baci nora, by angy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angy!!! La tortilla è sempre la tortilla!!!! Spero che la tua metà abbia gradito tanto quanto la mia :-)!
      Le sorprese sono bellissime anche per i grandi... ricordiamocelo!
      Nora

      Elimina
  8. Purtroppo a fine lettura il commento è nuovamente di quelli da censura....mi è uscito solo un "Minchxxx!!!" questa si che è educazione musicale, manca solo De Gregori, Bersani e Capossela (anche i Pink Floyd se proprio volessi fare il precisino) ed abbiamo chiuso anche il mio cerchio personale! :P ehehehehehe
    La cena manco a dirlo...eliminate le spezie che le mie fragili budella non reggono...perfetta.
    Però continuo a sottolineare la linea musicale seguita, un mix perfetto di visioni alternative ma altrettanto caustiche e pregnanti del quotidiano, il quotidiano di "ieri" e quello che verrà perchè certe produzioni di note e versi sono chiavi di lettura universali, che nella vita aiutano, supportano e come dice qualcuno che conosco "benino"...reddolciscono anche le malinconie più tenaci.
    Adoro i parchi giochi ma questo si capiva già da quanto ho scritto sopra...vero?! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mr. Gambetto! Sono contenta di ottenere la tua approvazione sull'educazione musicale. Sappi che ad Arc ho sempre fatto ascoltare di tutto, dall'opera (a 5 anni cantava insieme a me *vissi d'arte, vissi d'amore...*), alla musica da camera, alle canzonette, al rock duro dei Queen... e la sua mente è così aperta che apprezza tutto!
      Anche per la cucina apprezza tutto... come la mamma!
      Buona giornata e... bentornato!
      Nora

      Elimina
  9. ma ciaooooooooo!!!! che piacere averti conosciuta! bello il tuo blog...mi piace proprio,spartano e comunque nato curato con il cuore !
    e questa ricettina mi sa che te la rubo....:-)))) saluti e baci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella, come ho avuto modo di dirti due sere fa.... io con la tecnologia ho un rapporto un po' tormentato.
      Meglio una cosina semplice ma che riesco a gestire che una figata galattica che mi si *impianta* ogni 2 secondi!
      Le fajitas sono state una scoperta di alcuni anni fa... e le ripeto quando voglio farmi un regalo e farlo ai miei due uomini!
      Buonanotte Antonella.
      Nora

      Elimina
  10. E Baglioni?!?! Non ascoltate più Baglioni?!?!
    Ti ricordi del nostro concerto al Forum, 20 anni fa, quando stavamo per finire a Bologna invece che tornare a casa?!?!

    Dany

    PS: Le fajitas non sono da mettere nell'elenco, grazie.

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.