Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 16 dicembre 2012

PROVE TECNICHE PER IL NATALE 1 ovvero LE PATATE DI JAMIE ED IL RECORD DEGLI ACQUISTI… ON THE ROAD.


Ecco: vi ricordate che vi avevo accennato a come, durante la mia permanenza in suolo Inglese, non sia riuscita quasi a far acquisti per il susseguirsi frenetico delle attività con i ragazzi?
Sul quasi, dovreste avere cominciato a preoccuparvi.
Di tempo non ce n’era stato ma, durante il viaggio di ritorno, il pullman ci propose una sosta ad un Autogrill della Starbucks, dove un caffè espresso che più lungo non si poteva, fece sì che entrassimo nel giro vizioso delle corsie… sino alla cassa che, caso volle, essere all’angolo delle riviste e dei libri.
Provate ad immaginare cosa deve aver pensato la cassiera (una tonda biondina con un sorriso stampato ed  un paio di occhiali anni ’70 con le lenti spesse ed un improbabile twin-set anni ’20), quando mi ha vista esultare e togliere dalla rastrelliera l’ultima (GIURO…ASPETTAVA SOLO ME!) rivista di Jamie Oliver?! Colta da un raptus ho afferrato saldamente la rivista, il tutto mantenendo la fila in modo pseudo-ordinato.
Pago e la cassiera mi dice che sono fortunata: è l’ultima copia ,le altre sono andate a ruba e, se mi interessa, c’è pure il libro di Jamie in offerta (per la cronaca… quello che avevo acquistato a ben Euro 26,50 invece di £7.90…. da schiattare di rabbia!)

Nel dirmi ciò mi indica un tavolino seminascosto dove troneggiano  un discreto numero di libri di cucina con sconti strepitosi.
Abbandonare la fila e precipitarmicisi sopra (sempre brandendo ben salda la famosa ULTIMA COPIA), è stato più forte di me e, mentre le mie compagne di viaggio acquistavano scatole di biscotti tutto-burro…. io ho fatto in tempo a comprare anche un libro di cucina… di Gordon Ramsey… sulle ricette da Pub che costava scontatissimo solo £ 9.90!



Il tutto non dopo essermi mangiata le mani perché di libri di cucina per le amiche ne avrei comprati tantissimi ma… non mi ci stavano ne’ in valigia ne’ nel bagaglio a mano. Oltretutto erano super-arci-extra scontati…. SGRUNT!
Comunque, come dicevo, riuscii a concludere l’affare nel giro di 20 minuti netti (fila alla cassa compresa, dato che avevo perso il turno), caricando lo zaino di un peso in più e scaricando (di poco) la carta di credito che ancor oggi si stupisce di quanto poco sia stata impiegata.




La ricetta di oggi è tratta dalla rivista *JAMIE making you a better cook* ed è stata testata da tre esigentissimi giudici: mio padre, mio figlio ed il Martirio.
E’ una ricetta che necessita di 2 tempi di preparazione con un riposo nel mezzo, e si può preparare la sera prima per infornarla il giorno di Natale.
Le dosi di Jamie mi parevano molto abbondanti ed io le ho ridotte in proporzione ma… visto il favore che hanno incontrato… mi sa che aveva ragione lui!!!

TRONCHETTI DI PATATE LIMONE E PARMIGIANO
(dose per 8 persone)


Kg. 2.5 di patate (pasta gialla)
Olio EVO
½ mazzetto di rosmarino, solo le foglie
2 foglie di Alloro
1 testa d’aglio (metà di quelle con le fese grosse!) con gli spicchi separati ma non pelati.
1 limone
Parmigiano Reggiano per spolverizzare.

La sera prima
1-   Tagliate le patate, cercando di tenere la stessa dimensione. Mettetele in pentola capiente, coperte di acqua fredda e portate a bollore. Cuocete per 5-6 minuti, sino a che siano leggermente intenerite, scolatele e lasciatele asciugare in un colapasta per 3 minuti. (Scuotete il colapasta per togliere tutta l’acqua – le renderà più croccanti dopo). Condite le patate con un poco d’olio EVO e versatele in una teglia. Coprite con la pellicola e lasciatele in frigorifero sino ad 1 ora prima di cuocerle.

Il secondo giorno:
2-   Rimuovete la pellicola dalle patate, scaldate il forno sino a 190°C. Mettete a cuocere le patate per 40/50 minuti, sino a che cominciano a dorare ma ancora indietro di cottura.
3-   Togliete dal forno la teglia (ma lasciatelo acceso) a mescolate gentilmente le patate con un mestolo per arrostirle bene da tutti i lati.
4-   In una terrina, versate una generosa dose di olio EVO, unire le foglie di Rosmarino (io le ho tritate finemente per non avere lamentele), l’aglio, le zeste di limone grattugiate ed il succo del limone. Emulsionate bene la mistura e versatela nella teglia di patate e mescolate bene prima di dare l’ultima cottura. Rimettete la teglia in forno per 40 minuti (io controllerei un po’ prima… dipende dai forni). Togliete nuovamente dal forno e spolverizzate di parmigiano grattugiato. Rimettete la teglia in forno per gli ultimi 5 minuti, sino a che le patate saranno gratinate, croccanti e deliziose!!!!

Come vi dicevo le ho fatte domenica e i tre giudici tre hanno divorato tutto in religioso silenzio chiedendo il bis che, ahimè,  non c’è stato ho giusto salvato qualche spicchio pel la foto... ma ho rischiato il linciaggio!
Ho deciso: queste patate vanno direttamente sul menù di Natale!

Alla prossima!
Nora






6 commenti:

  1. Oh mamma, come hai fatto a resistere agli acquisti????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi non dirmelo! Mi ci sono mangiata le mani... ma avevo tutti i bagagli (compresi quelli a mano) stracolmi.
      Non mi sembrava bello riempire gli zainetti dei bimbi con libri di cucina pesantissimi!
      La prossima volta vado via *leggera*...giuro!(così poi si alleggerisce la carta di credito ... e non si sente inutile come questa volta)
      Nora

      Elimina
  2. iosono patate dipendente, ma non ci va il sale? risondi,i please che devo assolutamente provarle!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Paola. Non ci vorrebbe sale ma io ne ho messo un poco nell'acqua di bollitura. Il parmigiano le rende saporite e non ho avuto necessità di aggiustarle di sale poi.
      Buona serata e scusa ma sono stata impegnata tutto il pomeriggio!!!
      Nora

      Elimina
  3. Io amo le patate...e anche Gordon. Devo procurarmi quel libro il prima possibile ;) Ciao Tata Nora, rubo una patatina e scappo. ele o nora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le patate sono patate ma..... di Jamie Olivier.... non di Gordon.
      :-)
      Buonanotte
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.