Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

mercoledì 22 gennaio 2014

L'influenza, la nonna Maria e ... i passatelli in brodo ovvero: a me non piace la pastina!


Ho sempre odiato la pastina. Sempre!
Da bambina la sputacchiavo in faccia alla mamma dal seggiolone.
Da grande l'ho sempre evitata.
Quando da adulta, dovendo subire un intervento ho dovuto mangiare per un paio di giorni la pastina, ho sofferto.
Ma c'è una *pastina* che mi faceva la nonna quando ero malata, che ho sempre mangiato, anche se storcendo un po' il naso per il brodo e lasciandolo un po' nel piatto.
Erano i passatelli in brodo.
Meravigliosa invenzione per *godere* (trad. usare) il pane vecchio che altrimenti sarebbe finito nella spazzatura.
Insomma, con uova, pangrattato e parmigiano grattugiato, qualche profumo, uno schiacciapatate... nasceva una coccola per questa nipotina.
Da allora non l'ho fatta troppe volte, visto che anche i miei due XY non amano particolarmente le minestre ed il brodo, ma ieri sera ne avevo proprio voglia. 
Reduce da un attacco di influenza, spossata da febbre e medicinali, con una tosse fastidiosa ed insistente e la prospettiva di un ritorno in ufficio non proprio al massimo della forma... ho avuto voglia di coccole.
Così ho ripensato a Nonna Maria, a quel modo tutto suo di intendere la cucina, come un atto d'amore per i suoi, ed ho pensato: ho bisogno delle coccole della nonna!
Da lì a togliere dalla dispensa il pane secco, farne del pangrattato fine fine, grattugiare il parmigiano e prendere gli altri ingredienti è stato un attimo.
Unica differenza rispetto alla Nonna: ho usato il robot da cucina per fare prima.
In pratica la ricetta è quella che troverete in centinaia di siti in tutta la blogsfera. Non è un segreto di famiglia, è un piatto povero ma buono che in tante famiglie soprattutto nel Nord Italia, veniva servito la sera a cena.
Quindi eccovi le dosi che ho usato io questa volta per ricavarne dei passatelli piccolini, come li faceva nonna, ma vi ricordo che è una questione di preferenze: se vi piacciono potete farli anche più lunghetti dei miei (1 cm o pure meno).

PASSATELLI IN BRODO



Ingredienti per 3 porzioni in brodo

Pangrattato 100 g
Parmigiano reggiano grattugiato 100 g
Scorza grattugiata di 1/2 limone bio
La punta di un cucchiaino di droga* (o una grattugiata di noce moscata)
Un pizzico di sale.
2 uova grandi

1 lt. di brodo di carne 

In un robot da cucina ho inserito tutti gli ingredienti e li ho amalgamati con la funzione pulse sino ad ottenere un impasto friabile ma compatto.

Passato l'impasto nello schiacciapatate con i fori larghi ottenendo dei vermicelli. Tagliati alla lunghezza preferita (io 1 cm. o meno).

Cuocere nel brodo bollente o, come nel mio caso, nel brodo ottenuto con l'estratto di carne fatto in casa.

Mangiare caldo... fa bene al cuore!


* La "droga" di cui parlo è un misto di spezie chiamato "La Saporita" che usava la nonna quando doveva dare *una marcia in più* ai risotti, alle frittate, alla pastina....

6 commenti:

  1. Ho prvato a farli una volat ma mi si sono tutti spatasciati :(. Vorrei davvero riprovarci e questa tua ricetta arriva a puntino. Spero mi riescano belli come i tuoi...ci provo. Un saluto grande, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trucco sta nell'usare bene le uova. Io ne ho usate 2 grandi ma pure 3 piccole andrebbero bene.
      Senza uova a sufficienza si disferanno nel brodo.
      A presto.
      Nora

      Elimina
  2. Anch'io detesto la pastina che mi mette tristezza e anche in casa Fiordisambuco i passatelli riscuotono grande successo: persino la Pulce li mangia volentieri e ha imparato a schiacciare l'impasto con l'apposito attrezzo per fare quelli che lui chiama "i vermetti".
    Io però non sono precisa come te e nel prepararli vado "a stim", come si dice in dialetto: tre pugni di pan grattato, tre pugni di parmigiano grattuggiato e un uovo (noce moscata e scorza di limone da dosare secondo i gusti dei commensali).
    Buona ripresa del lavoro!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sempre fatta anch'io a memoria ma questa volta ho voluto pesare diligentemente gli ingredienti.
      Il ferro per i passatelli esiste, lo so, ma io non ho mai avuto modo di trovare la scusa adatta a riempire con un'altra caccavella gli stipetti della mia cucina. Per cui ho usato da sempre il passapatate che aveva la nonna, quello con la ghiera di ricambio con i fori larghi.
      Anche Arc li chiama i vermetti... :-)
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  3. Uguale uguale. La pastina la concepisco solo come quadrucci all'uovo in brodo con piselli freschi.
    I passatelli in brodo (io lo amo, al contrario), beh, mi ci farei delle cinture di scorta, potendo!
    Veramente un piatto adatto alle brume padane invernali :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihihi, anche in questo ci assomigliamo! Con l'umidità di Milano in effetti è quello che ci vuole dopo queste giornate frenetiche.
      Mi sa che anche in terra di Francia possa essere un modo di farsi le coccole.
      Baci
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.