Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

martedì 25 febbraio 2014

NODINO DI VITELLO ALL'ARANCIA PERCHE' LEGGERO NON VUOL DIRE INSAPORE....



E' ancora *in fibbia* il Martirio (trad. in castigo). Non lo dimentico che mi ha perso la pesciera!
Non riesco a perdonargliela; ed io sono ancora a dieta. 
Sarà per questo che sono nervosa.
Il fatto di dover trovare delle alternative gustose alle pietanze più condite e sicuramente saporite è diventato quasi un gioco.
E' che, al di là dell'estetica, gli anni che passano lasciano degli strascichi ed il fisico da troppo tempo provato, ha qualche cedimento.
Piccolo, ma che val la pena di non sottovalutare.
Quindi, a parte qualche eccezione che faccio (non sono mai stata una Santa! Pecco... la carne è debole, ed il dolce pure!) cerco di diminuire grassi e zuccheri.
Non mi riesco però a rassegnare alle solite verdurine lesse, alle bistecche di pollo o di tacchino rigorosamente ai ferri, alla mancanza di dolci.
Perbacco!! La cucina può essere leggera senza sapere di ospedale.
A volte basta poco per *ingannare* assieme agli occhi, anche lo stomaco.
Prendete il nodino di vitello, quello che la mia mamma faceva dorare con il burro e la salvia nel pentolino.
Eccolo lì, profumato ed invitante, magari con un contorno di patate al forno...
Ora: dimenticatelo!



Ai ferri.
Magari con un'insalatina condita pochissimo.
Macchè ai ferri! 
Un'alternativa c'è, quantomeno l'ho trovata e, a dire la verità, piace anche al cucciolo di casa che non ama particolarmente la carne.

NODINO DI VITELLO ALL'ARANCIA.




Ingredienti a persona
1 nodino di vitello 
1 arancia non trattata
1 cucchiaino (da caffè) di olio EVO
sale q.b.

Lavare bene l'arancia e grattugiarne la scorza e tenerla da parte.
Spremere l'arancia e versare in padella metà del succo e la polpa rimasta nello spremiagrumi. Aggiungere un cucchiaino di olio EVO ed il nodino.
Coprire con un coperchio e cuocere a fuoco basso per 10/25 minuti circa cuocendolo su entrambi i lati.
Quando il succo si sarà ritirato, scoprire la padella e far rosolare la carne e toglierla dal pentolino tenendola in caldo in un piatto.
Deglassare il fondo di cottura con il restante succo d'arancia, aggiustare di sale e rimettere il nodino in padella per qualche minuto aggiungendo la scorza d'arancia grattugiata.
Servire caldo con un'insalata di finocchi ed arancia condita con sale, pepe e un cucchiaio d'olio EVO.

Note:
Scegliere un nodino non troppo grasso e, una volta cotto, scartare le parti grasse.

Non salarlo prima di cuocere altrimenti le carni risulteranno stoppose.




7 commenti:

  1. Mi sa che tuo marito dovrà regalartela alla prima occasione questa pesciera!
    Buona continuazione con la dieta: io sto rinunciando alla pasta che - guarda un po' - è il piatto preferito della Pulce e del sig. Darcy...
    Claudette

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.