Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

sabato 1 marzo 2014

COSTRUIAMO IN MUSICA .... PER L. E TUTTI I BIMBI CHE LOTTANO.

  

LEUCEMIA.
Suona come una condanna e quando tocca i bambini come un orrore.

*In condizioni normali i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine vengono prodotte da cellule progenitrici situate nel midollo osseo (contenuto in tutte le ossa del corpo umano).
La leucemia determina nelle cellule sanguigne un vero e proprio stato di anarchia: per effetto di stimoli ancora ignoti, alcune di queste cellule midollari adibite alla produzione di globuli bianchi subiscono una “alterazione” nel loro programma; vengono quindi prodotte grandi quantità di globuli bianchi “immaturi” e viene così sovvertita la produzione normale di globuli rossi e di piastrine. *
*In Lombardia i casi diagnosticati/anno sono circa 100, in Italia invece si ammalano oggi circa 400-500 bambini dagli 0 ai 15 anni all' anno.*

Questi dati sono presi dal sito del Comitato Maria Letizia Verga Onlus per lo studio e la cura della leucemia del bambino, fondato nel 1979, riunisce genitori, amici e operatori sanitari con l'obiettivo di offrire ai bambini malati di leucemia in cura presso la Clinica Pediatrica dell'Università Milano Bicocca dell'Ospedale S. Gerardo di Monza - Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma, l'assistenza medica e psico-sociale più adeguata al fine di garantire loro le più elevate possibilità di guarigione e la miglior qualità di vita. Tutto questo sulla base di un'Alleanza tra medici, operatori sanitari, genitori e volontari.

Perché ne parlo? Perché mi ha toccato da vicino, o meglio, ha toccato mio figlio Arc.

Il primo anno delle elementari ha trovato un amico, L., di quelli che ti entrano nel cuore subito, con cui ci sono quelle affinità che legano per la Vita.
Pochi giorni e già si era creato un legame forte. Poi è arrivata la malattia. L. ha cominciato a manifestare i primi sintomi ed il verdetto è stato terribile: Leucemia.
Un anno intero di cure e di chemioterapia poi, finalmente, la remissione della malattia.
Controlli sempre costanti ma il peggio sembrava superato.
Fino allo scorso Giugno.
Una mattina di sole, l’oratorio estivo ed Arc che lo attende fiducioso, per tutto il giorno.
Nel pomeriggio ricevetti una telefonata dalla mamma di L. … ed è tornato il buio.
Recidiva.
Lo spettro della Paura, che ti toglie il fiato.
Dirlo ad Arc fu difficile, difficilissimo mantenere la calma e spiegargli che il suo amico era di nuovo precipitato in questo girone infernale. Ci riuscii. Gli spiegai che non ci si deve arrendere, che non sarebbe stato giusto allontanare la speranza di rivederlo SANO.
Sui banchi della parrocchia mi chiese: *Mamma, cosa possiamo fare per aiutarlo a guarire?*
Mi venne una sola risposta: *Stargli vicino e pregare tanto.*
In questi mesi è stato il nostro pensiero costante, Arc ed i suoi compagni han tenuto i contatti aiutati da una tecnologia che aiuta i nostri figli non solo a giocare, ma a comunicare anche in un modo *giusto* quando l’isolamento di una malattia costringe ad allontanamenti dalla comunità.
Quindi telefonate, collegamenti via Skype anche con la classe, han tenuto uniti quei fili invisibili che uniscono i nostri figli.
Poi le complicazioni (tante), la ricerca disperata di un donatore (trovato), il trapianto ed a Natale il dono più grande:la riuscita di questo intervento delicatissimo. Remissione.
L. non è ancora tornato a scuola perché esporsi alla possibilità di contagi (anche solo di un raffreddore) sono ancora molto alti. Ma ha ripreso a studiare grazie alla perseveranza di insegnanti eccezionali che *non lo mollano*, della sua mamma che non smette mai di lottare, dei compagni che vanno a trovarlo.
Il tutto sempre appoggiato a una struttura d’eccellenza, quella dell’Ospedale San Gerardo di Monza, che da anni è impegnato in questa lotta immane e che sta diventando troppo piccolo per l’aumentare dei pazienti che si rivolgono alla loro equipe.
Servono fondi. Servono per ampliare il reparto e per permettere ai medici di continuare a lottare per togliere dal baratro sempre più bambini.
Per raccogliere questi fondi è nato un  progetto di costruzione del nuovo centro dell’ospedale, potete consultare il sito: www.daicostruiamoloinsieme.it  ed un evento che si terrà il prossimo 23 Marzo 2014 a Milano.
Un concerto, in una chiesa tra le più belle di Milano, con accesso libero per promuovere donazioni a favore della fondazione come vedete dalla locandina che ho pubblicato all’inizio di questo post.
COSTRUIAMO IN MUSICA.
E’ un bel costruire, con anche piccoli contributi, con la passione e la voglia di fare fronte comune con tutte le famiglie ed i bimbi come L. che stanno lottando contro il tempo e la malattia.

Perché non si può aspettare.
Perché il male incalza.
Perché tutti questi bimbi sono un pezzo del nostro futuro.

Io ci sarò, con Arc, con i suoi compagni, le loro famiglie e la nostra Fede nel Cielo e nelle Persone.
Vi aspetto, abbiamo bisogno anche di voi! 

8 commenti:

  1. Faccio fatica a scrivere e a riprendere fiato dopo aver letto quese parole.Parole crude,tremende,ma che devono lasciare un grande spiraglio alla speranza.Questa malattia è una cosa atroce per tutti, ma quando tocca i bambini si rimane ancora piu' tocacti e frastornati. E al di là delle solite parole che non è giusto,ma perché a lui ma perchü a me ecc....per fortuna che intorno a noi ci sono persone ed organizzazioni "lucide" che in maniera razionale ed efficiente,cercano di portare e trovare soluzioni e aiuti per migliorare sempre di piu' le condizioni e le speranze di riuscita di tutte queste persone,e in questo caso questi bimbi,che sono stati messi al mondo per vivere e per creare il proseguimento della vita e invece si trovano condannati. Ora con le ricerche si riesce a salvarne di piu' che nel passato,ma deve essere ancora di piu' e soprattutto bisogna sconfiggere alla fonte la causa che porta a questa malattia,che secondo me non è solo fisica ma anche ambientale.... e il fatto che che per cercare fondi si ricorre all'utilizzo della musica,sfondi una porta aperta. Come tu sai siamo musicisti, il mestiere piu' bello al mondo secondo me. La musica che ragginuge il cuore,l'anima, che ti commuove,che ti esalta,che ti sprona,che ti fa sentire un tutt'uno con quello che ti circonda quindi no io uomo tu note ma un'unica melodia.E' difficile da capire a parole,e per fare cio' bisogna ascoltare un brano e chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare.Come per magia diventiamo MUSICA.. Il programma è bellissimo,per una buona causa,e sono sicura che PRENDERA' molti cuori quando chi vi partecipa,si sentirà rapire sin dalle prime note. Note che fanno bene alla causa per la quale vibreranno tra le navate della chiesa. Anche se al momento faranno scappare qualche lacrima di commozione e sembra che ti stritolino per la loro intensità. Tutti i bimbi devono trovare un arcobaleno in fondo a questa dura prova che li sta accompagnando nella loro giovane vita. E sono convinta che lo sarà.Deve essere cosi.Un abbraccio e grazie per aver fatto conoscere questa lodevole iniziativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccole gocce assieme fanno un mare, piccole note una melodia, piccoli gesti fanno un'onda di bene.
      Grazie a te che l'hai condivisa!
      Nora

      Elimina
  2. purtroppo è un argomento conosco bene, bella iniziativa, non vorremmo mai pensare alle malattie ma fortunatamente ci sono nuove cure e persone che se ne occupano, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuove cure e persone che se ne occupano ma anche tanta speranza e solidarietà.
      Un abbraccio fortissimo.
      Nora

      Elimina
  3. Splendida iniziativa e bellissimo post! Molti anni fa quando avevo tanto tempo libero facevo volontariato all'ospedale pediatrico della mia città, Genova, dove arrivano bambini da tutta Italia. Adoro leggere, e andavo a farlo per tutti quei bimbi soli, con i genitori lontani. Mi affezionavo terribilmente, loro mi aspettavano con gioia. Poi arrivava il giorno in cui tornavo e trovavo un letto vuoto, ed era terribile. Oggi che sono mamma la sofferenza dei bambini mi tocca ancor più da vicino. Io non credo di farcela ad essere a Milano il 23, ma passerò l'informazione ad amici della zona... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Valentina. Mai perder la speranza, mai arrendersi... a volte basta solo un insieme di piccoli gesti e si realizza il miracolo.
      Un abbraccio.
      Nora

      Elimina
    2. Anche la Civica Scuola Di Musica Milano conferma il suo impegno da sempre nel sociale ancora una volta con un Concerto di #beneficenza a favore della #costruzione del nuovo centro Maria Letizia Verga e lo studio e la cura della #leucemia
      un grazie particolare al M° Carlo De Martini, direttore dell'Orchestra che è sempre in prima linea quando si tratta di raccogliere fondi a sostegno di progetti benefici come questo.
      E riprendiamo la frase già scritta da qualcuno di voi "MAI perdere la speranza"

      Elimina
  4. Muy bonito pots ojala todo se solucione. Me parece tan increíble que pueda ocurrir esto a unos niños !!!
    Acabo de encontrar tu blog y me ha gustado, así que para no perderme nada te sigo desde ya
    Te invito a dar una vuelta por mi blog
    Un abrazo.

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.