Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 27 luglio 2014

Volare da soli e lo zabaione alla birra rossa





Doveva succedere, prima o poi: vola da solo.
O meglio: vola senza mamma e papà, con lo zio (l'uomo volante) verso la Sicilia per una vacanza di tre settimane in barca.
In passato trascorreva almeno un mese di vacanza da solo con i nonni, ma almeno riuscivamo a raggiungerli nel fine settimana, sobbarcandoci viaggi in colonna verso il Trentino ma paghi di riabbracciare il cucciolo.
Ora ARC invece vola da solo, troppo lontano per poterlo raggiungere ogni fine settimana.
Lui è felice come una Pasqua (a detta del Martirio perchè può sfuggire alle mie grinfie) perchè la vacanza in barca era il suo sogno da tanto; perchè sarà con il suo zione preferito; perchè sarà una guerra ad armi pari: 4 adulti e 4 bambini.
Mattina della partenza iniziata, con la borsa da riempire, i vestiti da scegliere (fosse stato per lui sarebbe stata grande il doppio) e poi le pinne, la maschera con il boccaglio, i costumi da bagno e le creme solari.
Un continuo togliere e mettere e togliere di nuovo per rimettere nuovamente.
Alla fine era soddisfatto. Borsa fatta e giochi e libri nel bagaglio a mano.
Poi il viaggio verso Orio e vederlo passare i controlli davanti allo zio.
Un saluto, una marea di baci *lanciati* dal vetro e .... tre settimane da passare.

Tre settimane di fermarsi davanti alla porta della cameretta prima di andare a dormire e fissare il letto vuoto. Tre settimane dove Ariel continuerà a cercare il suo fratello a due zampe e a non dormire ai piedi del suo letto... non lo fa mai quando lui non c'è. 
Tre settimane dove si divertirà come un pazzo in un mondo fatto di blu, di vento, di libertà e noi un po' di meno.
Tre settimane di tempo per cercare di sistemare la sua cameretta sempre piena di mille cose e renderla un po' più funzionale in attesa della grande avventura delle medie.
Tre settimane che per lui passeranno in un volo, in una ventata di allegria, e a me non passeranno mai.
Tre settimane di dieta.... ma la comincio domani. Stasera mi voglio coccolare...mi apro una birra e.... no, quasi quasi mi faccio uno ....



Zabaione alla birra rossa


Ingredienti:

2 uova freschissimi (solo il tuorlo)
2 cucchiai di zucchero semolato 
1 bicchierino di birra rossa


In una ciotola di metallo (o meglio, in una bastardella) separare i due tuorli e montarli con una frusta elettrica assieme allo zucchero sino ad ottenere una crema bianca e spumosa.

Aggiungere lentamente, continuando a montare, la birra rossa.

Immergere la ciotola di metallo (o la bastardella) in una pentola leggermente più grande dove avrete portato l'acqua quasi a bollore (attenzione NON DEVE MAI BOLLIRE) e continuate a montare per 10/15 minuti con le fruste elettriche.




Quando la crema inizierà ad addensarsi ed a velare il cucchiaio, versarla in coppette.








NOTE: potete accompagnarla a biscotti secchi o a pezzetti di croccante di mandorle. Il retrogusto di caramello della birra rossa si sposa bene con il croccante o con i biscotti secchi.

10 commenti:

  1. cioè, posso dire che kiul tuo figlio? pagherei oro per essere al suo posto, altro che nostalgia di mamma e papà!!
    e questo zabaione cos'è, giuro che ho usato ogni vino e liquore ma la birra mai e devo assolutamente colmare questa lacuna, nella vita bisogna provare tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io non avevo mai provato a fare uno zabaione in vita mia.
      Poi mi sono trovata *casualmente* con una bottiglietta aperta e le uova fresche delle galline di una collega. Da allora è diventato un must.
      Puoi farlo con la birra rossa, oppure con la birra allo sciroppo d'acero, la Maple Moon.... risulta dolce con un retrogusto di amarognolo che a me ed al Martirio piace tantissimo.
      Poi questa è una base....che si potrà applicare ad altro......se saprai aspettare....
      Baci
      Nora

      Elimina
    2. Potrebbe stare bene anche in versione salata?
      Tre settimane passano presto, vedrai :-)

      Elimina
    3. Alla versione salata non ci avevo pensato..... mi sa che ci provo, tanto la birra non manca mai in casa nostra ;-)
      A presto,
      Nora

      Elimina
  2. Questo zabaione con la birra rossa è da provare!!!! Fantastico!
    E bello quando i ragazzini cominciano a 'volare', ma fa anche tanto stringere il cuore alle mamme!
    Ma quanti anni ha?

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra, ha undici anni....appena compiuti.
      Vederlo affrontare da solo le mille sfide e opportunità della vita è emozionante.
      Poi sono quella che fa *la dura* di fronte a lui e frigna tutto il viaggio di ritorno dall'aeroporto.... ma sensibile sono!!!!
      A presto Donna dell'Altra Parte del Mondo!

      Elimina
  3. Ho qualche anno ancora per prepararmi....comunque a me sembra cosa strana anche l'assenza della Pulce a cena quando bene volentieri accetta l'invito di qualche amico.Ma - quando vengo assalita dalle paturnie da mamma attempata di figlio unico, maschio per giunta - penso a un mio collega con mamma iperprotettiva e mi rallegro all'idea che la Pulce impari a camminare da solo (tra qualche anno volerà anche ...)
    Lo zabaione mi piace tantissimo e si sposa alla perfezione con i lampi fulmini saette e con l'acqua a catinelle di questa sera........
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lampi e fulmini che non si placano. Ed intanto il piccolo di casa si sta godendo il sole della Sicilia!
      Beh, mettiamola così: io ho il magone ma lui si diverte!
      Bacioni
      Nora.

      Elimina
  4. mi sono persa....quando aggiungi la birra? Ti capisco....tutte le volte che Alice è andata via da sola, e ancora ci va, è sempre un pensiero e un pezzo di cuore che si stacca. Passare davanti alla sua camera vuota ma piena di lei, vedere la gatta che si ferma sulla soglia e guada il letto e miagola, entra e annusa e poi esce e va nella sua cuccia....i nostri cuccioli crescono cara Nora, e anche se ne siamo fiere, in fondo in fondo non siamo mai pronte..... un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più di te mi sono persa io!!!! Nella furia di copiare ed incollare, ho dimenticato un periodo.
      Ora, grazie a te, è tutto a posto.

      Grazie Antonella.
      Baci
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.