Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

mercoledì 14 gennaio 2015

CANEDERLI AL SALMONE CON RAGUSANO E LIMONE IN BURRO FUSO E PISTACCHI PER MTC.



Ho ricominciato a cucinare, dicevo qualche post più indietro, e ... ho ricominciato a cucinare per MTChallenge.
Un gioco che è come una droga: non si riesce a smettere!
Il più delle volte sono ricette nuove o modi di cucinare che io non uso spesso ma, questa volta, la vincitrice Monica del Blog One in a millionha pensato bene di proporre i Canederli.
Io li avevo conosciuti in Trentino quando, bambina (guai a chi ride: ebbene si, sono stata bambina anch'io!!!!), andavo in vacanza con i miei genitori in Val di Fassa.
Quelli classici, quelli con qualche variante, andavano bene tutti! 
Mia madre, che non amava cucinare, portava sempre a casa qualche confezione da utilizzare al rientro dalle vacanze. Io (invece) ho imparato a farli e confesso di farli molto spesso. 
Incontrano il gusto della famiglia e anche quello dei suoceri che spesso sono nella casetta gialla con noi.
Anche in queste vacanze di Natale mi sono sbizzarrita a far canederli con il pane avanzato.... e poi ho scoperto che sarebbero stati il tema della sfida!!! 



Mi sono mangiata le mani per non aver fatto alcuna fotografia e quindi, mi sono rimessa all'opera.
Una versione che (forse) pubblicherò più avanti, è abbastanza basic ma questi, complice un regalo di un amico che mi ha portato formaggio ragusano e limoni dalla Sicilia, mi si sono presentati come in sogno.



Una premessa: per il pane ho usato quello fatto da me, con il Lievito Madre, che ho postato lunedì scorso (qui) perchè ne avevo una quantità spropositata e perchè era abbastanza compatto per farne una preparazione *bagnata* dal latte come i canederli.



Il brodo usato per cuocerli è un brodo vegetale *svelto* perchè con il brodo di carne sarebbe stato un voler *ammazzare* il sapore delicato del salmone.




Inutile dire che Arc li ha adorati e (udite! udite!) pure il Martirio, che era partito in sordina con il naso arricciato, se ne è scofanati cinque!
Direi che posso essere contenta del risultato.
Peccato solo avere finito i pistacchi di Bronte e avere dovuto utilizzare quelli che sono riuscita a reperire al supermercato sotto casa!
Resta comunque un piatto gradevole, che ha la nota fresca del limone a contrastare il sapore del salmone affumicato.
* Da rifare! *: questo il commento entusiastico del Martirio..... sarà mica malato?!
Ed Arc? Beh, lui mi ha dato letteralmente *una mano* a formarli (rubacchiando un po' di impasto tra un canederlo e l'altro).



Quindi partecipo alla 44sima edizione di MTChallenge 




con i miei

Canederli al samone con formaggio Ragusano e limone in burro fuso e pistacchi.




Ingredienti:

Per il brodo di verdura:
1,5 l. di acqua
1 cipolla media
2 carote medie
2/3 gambe di sedano
1 chiodo di garofano
Sale grosso q.b.




Per i canederli (8 polpettone)
150 g di pane secco 
100 g di latte intero
1 uovo
50 g di salmone affumicato 
50 g di formaggio Ragusano grattugiato grosso
20 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
la scorza grattugiata di 1/2 limone non trattato.
1 cucchiaino di farina debole (abbondante)
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
2 abbondanti pizzichi di pepe verde vanigliato
1 pizzico di sale




Per il condimento:
40 g di burro 
1 manciata di pistacchi tritati
20 g. di formaggio Ragusano grattugiato.


Foto dell'interno


  • Per prima cosa mettere a bollire il brodo per almeno un paio d'ore (deve bollire pianissimo).
  • Tagliare il pane a dadini piccoli (max 1 cm.) e metterli in una ciotola capace.
  • Sbattere l'uovo con il latte e aggiungerlo al pane, coprire con un piatto la ciotola e lasciarvelo almeno 30 minuti (io anche 1 ora!) in modo che si ammorbidisca bene.
  • Tagliare a pezzetti piccolissimi il formaggio Ragusano e tritare finemente il salmone affumicato.
  • Mescolare con le mani il pane ammorbidito (che deve essere umido e NON bagnato). 
  • Aggiungere il coriandolo, il pepe, il sale ed il Parmigiano e la scorza di limone.
  • Aggiungere il formaggio Ragusano, il salmone tritato ed il cucchiaino di farina e mescolare bene con le mani compattando bene il composto.
  • Inumidendo le mani formare delle palline di composto di circa 4/5 cm di diametro.
  • Tuffare i canederli nel brodo di verdura che avrete filtrato e cuocerli per 5 minuti circa.
  • Far rosolare il burro fino a che prenderà un colore nocciola.
  • Scolare i canederli con una schiumarola e distribuirne 4 per piatto. Irrorarli con il burro fuso e aggiungere la granella di pistacchi ed il formaggio Ragusano grattugiato.
  • Servire caldissimi e.... EVVIVA L'MTC!

26 commenti:

  1. Caspita! Non mi sarebbe mai venuto in mente di accostare il ragusano al salmone, ma tu hai osato e, ancora una volta, la fortuna arride agli audaci! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che ero perplessa ma, con mio grande stupore, MI E' PIACIUTO! La cosa più incredibile è che li ha mangiati anche il Martirio che non ama il pesce!
      Il trucco è stato assaggiare di volta in volta per evitare di sovrastare il sapore del salmone e rovinare il tutto.
      Grazie come sempre del tuo sostegno
      Nora

      Elimina
  2. Pansa un po' che ogni volta che vado su dai miei non mancano mai limoni e Ragusano!! Bella ricetta Nora e che belle manine che ha il tuo Arc!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il monello si è divertito un sacco a farli e di più a mangiarli! I limoni buoni qui non li trovo spesso ma, ogni tanto, qualche amico che mi conosce bene mi fa dei regali...
      A presto
      Nora

      Elimina
  3. 'Quelli classici, quelli con qualche variante, andavano bene tutti! '
    Mi piace questa prefazione, che è l'essenza vera dei canederli, indipendentemente dalla loro provenienza.
    Pesce e formaggio non sono sempre facili da abbinare, ma qui il connubio (ah, come vorrei poter assaggiare!) funziona, anche grazie alle spezie e limone. Amo i semi di coriandolo, e sono felice tu non abbia optato per la classica via dell'aneto, che forse avrebbe cozzato col pistacchio finale.
    Giustamente addolcisci ed amalgami con un brodo vegetale, per poi esaltare il tutto con burro, formaggio ed appunto i pistacchi che danno una nota croccante perfetta.
    Che delizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica, troppo buona! E' stato un esperimento azzardato ma a noi è piaciuto tanto (mi è pure stato chiesto di rifarle dal Martirio....incredibbbbbbile!). Ne ho fatte altre versioni ma dovrò scegliere quelle che ci sono piaciute di più.
      Quindi: a presto!
      Nora

      Elimina
  4. Splendido l'abbinamento del salmone con lo zest di limone.. Anche io lo uso spesso e mi piace proprio.. E nel canederlo ci stanno a meraviglia!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Anch'io cucino spesso il salmone con gli agrumi (anche quello fresco) e da lì mi sono fatta prendere la mano,
      A presto
      Nora

      Elimina
  5. Indubbiamente gustosissimi e molto originali, i tuoi canederli! La scorza di limone, il coriandolo, il pepe verde...che delizia!

    RispondiElimina
  6. Ora arrivo io col mio contributo di cui nessuno sente il bisogno, ma tant'è :-)
    ci avrei messo il finocchietto. Che ha quel tanto di aneto per sposarsi bene con il salmone e coi pistacchi va a nozze, spontaneamente. E anche io, come Monica, vorrei tanto assaggiarli, perchè hai premuto sull'acceleratore del gusto e mai come in questi casi non c'è miglior giudice delle papille. e, come sempre, non ti sei risparmiata, con la solita generosità che è la tua firma. grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci hai pure ragione con il finocchietto sarebbe stato meglio ma si da il caso che non c'è stato verso di trovarlo fresco e quindi ho ripiegato sul coriandolo in polvere. Ovviamente, dopo 2 giorni, sul mercato..... toh il finocchietto!!!! Grrrrrr.
      Comunque anche il coriandolo in polvere non è stato una cattiva trovata. Pensa che il Martirio li rivuole...... bah!
      Grazie comunque per i tuoi commenti *speciali*.....
      Smack
      Nora

      Elimina
  7. mamma mia!!! Anche tu sei stata bambina??? ahaha scherzi a parte,lo sai...un incontro veramente azzardato ma che incontro! Dalla foto mi sembra di sentire tutti i sapori...e poi quelle manine le conosco!!! Bravi tutti e due! Ciao bela tusa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo di far poco la spiritosa!! Le manine le hai viste ma, vedessi la bocca!!!!!
      A presto
      Nora

      Elimina
  8. Ma che buoni! Punto!! Due punti!!! Punto e virgola.
    Davvero proprio invitanti pure adesso che ho appena cenato. Pure se per me il formaggio con il pesce suona sempre molto audace.
    E che belle quelle manotte ghiotte :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le manotte ghiotte sono state fotografate ma la bocca che trangugiava ve l'ho risparmiata!.
      A presto amica mia.
      Nora

      Elimina
  9. P.s.: ma cos'è l'aquila in alto a sx? Bello il nuovo font del titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi sembrava un po' più elegante e meno ^artigianale^. L'aquila è un facsimile di un timbro postale.....
      Di nuovo a presto!
      Nora

      Elimina
  10. L'MTC è una droga hai ragione.
    Ma una di quelle droghe che fanno bene al corpo e all'anima. Che invece di alienarti ti fa socializzare ed amare ancor di più le persone che vi partecipano.

    E misà proprio che anche i tuoi canederli sono una droga...perché per me salmone e pistacchi lo sono e trasformati in canederli mi posso solo immaginare che emozioni faranno provare al mio stomaco! Lovvoti immensamente!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i mesi giuro: il prossimo lo salto. Poi mi sento coinvolta, vuoi perchè non ho mai realizzato quella ricetta; vuoi perchè chi lo ha proposto è un'amica e mi parrebbe di farle torto, vuoi perchè è una ricetta che ci piace da morire.... insomma.... vuoi!
      Nora

      Elimina
  11. Che dolcezza quelle manine che ti aiutano in cucina!!!! Chissà come vi siete divertiti! Mi piace molto la tua versione, il limone e i pistacchi danno una marcia in più al piatto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle manine?! Dovevi vedere poi l'apertura di *quella boccuccia!* me ne hanno lasciati (lui ed il Martirio) solo due..... ecco!
      Grazie dei complimenti e a presto
      Nora

      Elimina
  12. Arc è il sogno di ogni mamma che ama cucinare. Quando dovrò fare preparazioni complicate in cucina, te lo chiederò in prestito. Il gusto di questi canederli me lo immagino e mi piace da morire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arc è un gran mangione, credimi! E come gli piace pasticciare!!!!
      Penso si sia divertito un sacco a formarli ma moooooooolto di più a mangiarli, i miei canederli!.
      Baci
      Nora

      Elimina
  13. Ciao. Eccomi qui. Sono stata richiamata dal profumino del salmone che adoro e del limone.
    Se poi mi ci metti pure un formaggio così buono ... che ti devo dire di più ... slurp.
    Però non vale. Con un aiutante così!!!! Facile cucinare così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un aiutante così, credimi, è più facile veder sparire quello che stai cucinando!!!
      Grazie,
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.