Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 20 luglio 2015

Le cotolette in carpione per non rinunciare alle cotolette anche in estate.


Il caldo estivo spesso toglie l'appetito e, più che insalate verdi, insalate di riso, di pasta o di frutta, non si avrebbe voglia di mangiare.
Eppure in casa mia alle cotolette non si riesce a rinunziare.
Per non appesantire particolarmente la digestione ho imparato a farle al forno, ungendo appena una teglia antiaderente e spennellandole prima di cuocerle in forno.
Quanto poi accendere il forno con le temperature di questi giorni: parliamone!
Mi sono ridotta a cucinare di notte, mentre i miei due XY sono crollati nelle braccia di Morfeo.
Il che mi evita brontolii vari circa la mia (presunta) follia di usare il forno in Estate, con la relativa minaccia di prenderlo a martellate (il forno)...
Quindi, dovendo preparare una cena fredda per i due suddetti XY, ho pensato di riproporre un piatto da un po' di tempo accantonato.
Una confezione piccola di petto di pollo tagliato a fettine sottili, una bella cipolla rossa dolce e del buon aceto di vino bianco, mi hanno dato il la per preparare le mie

COTOLETTE IN CARPIONE.







Impanate con l'uovo sbattuto ed il pangrattato le fettine di petto di pollo.



Ungete una teglia antiaderente con un 3/4 cucchiai di Olio Evo. Adagiatevi le fettine impanate, spennellatele con un poco di olio (io, per praticità, le adagio sulla teglia e poi le volto subito dalla parte leggermente unta).

Infornate a metà forno a 200° per circa 10 o 15 minuti (dipende dallo spessore delle fettine, quando saran dorate son pronte!).



In un padellino mettete la cipollotta a pezzetti a tostare con 1 cucchiaio di olio EVO. Fate tostare per 5 minuti e poi versate il bicchiere d'acqua ed il mezzo bicchiere d'aceto e lasciate sobbollire per una decina di minuti.

In una teglia di terracotta o di vetro adagiate le cotolette tolte dal forno, disponete qualche foglia di menta e salate e pepate a vostro gusto.




Versate il preparato di aceto quando sarà intiepidito e lasciate riposare in frigorifero per almeno 2 ore. (Meglio una nottata, prenderanno più sapore).

Toglietele dal frigorifero almeno mezz'ora prima di servirle.


3 commenti:

  1. E sì hai ragione tu.... mi sa che ci hanno separate alla nascita anche in cucina:le cotolette (con la "e" bella larga, come la dice mio figlio) le cucino anch'io al forno per alleggerirle, e fa niente se anche qui fa caldo , il forno funziona lo stesso. E io adoro il carpione, che insaporisco con l'alloro; per renderlo meno pungente uso metà aceto e metà vino bianco . Buona caldissima settimana!

    RispondiElimina
  2. E invece a me l'estate mette appetito... se non mangio, svengo proprio! Soprattutto cose sostanziose ma non pesanti: carne, pasta alle verdure. Per cui queste mi sa che sono proprio benvenute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si potrebbero fare di vitello? Perché ecco, il petto di pollo non mi esalta come tipo di carne...

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.