Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

sabato 25 febbraio 2012

La zuppa di farro e legumi…. ed il caldo di casa mia




Questo inverno il freddo non dava tregua, e la morsa terribile del ghiaccio stringeva le sue fauci attorno alla città.
Alzavi le tapparelle su quella neve che, fino a qualche giorno prima, sembrava il tuo piumone: caldo, lieve, accogliente quasi, e trovavi una massa compatta e grigiastra, dura ed infida da attraversare. 
Ricopriva i giardini di fronte, i marciapiedi delle strade, i tetti delle macchine ferme da giorni.
Facevi colazione di corsa, come tutte le sante mattine. Mettevi in cartella la merenda del Cucciolo e, intanto, mettevi a mollo i legumi secchi per la sera.
Non volevi uscire dal tuo nido caldo. 
Non volevi far uscire nessuno dei tuoi e guardavi con invidia la gatta carogna che reclamava già a gran voce le sue crocchette. Lei avrebbe dormito sul tuo letto, sul tuo divano, mentre la giostra della giornata tornava a girare beffarda e ti catapultava in strada.
Le lacrime ti rigavano il viso  mentre ti spostavi in una città che non si ferma mai, dove la gente guarda fisso verso il vuoto e non si accorge di quello che succede intorno.
Uscivi di casa la mattina presto, ti incanalavi nella moltitudine che scendeva le scale della metropolitana dove finalmente ti sembrava di riprendere un poco di calore. Riuscivi a trovare posto e la vaga sensazione di claustrofobia si smuoveva solo quando riprendevi a leggere il libro che ti porti sempre dietro.
Poi , dopo un tempo che pareva interminabile, arrivavi alla tua fermata e … via di nuovo tra il gregge infreddolito raggiungevi infine il posto di lavoro.
La giornata scorreva tra i ritmi soliti ma con sul capo la spada Damocle dell’uscita a fine turno. La pausa pranzo non uscivi, piuttosto un cappuccio alla macchinetta basta che fosse al caldo!
Veniva l’ora di tornare a casa e rifare la strada di tutte le mattine, di tutte le sere, di tutti i giorni. Con un freddo che feriva e non pungeva e che ti faceva lacrimare di nuovo, mentre nemmeno osavi entrare al supermercato vicino a casa per non perdere tempo e non prendere ulteriormente freddo.
Entravi in casa. Gatta e bimbo ti investivano di coccole … calde di strofinamenti e di baci. Il Martirio arrivava e accompagnava la nonna in macchina, per schivare il gelo che sceso come una lamina di nuovo, assieme al buio.
Avevi desiderato tutto il giorno questo calore, questo tepore che ti scalda l’anima … e pensato di premiare anche la famiglia con quello che ti riesce bene, di solito: cucinare. Cosa? 


LA ZUPPA DI FARRO E LEGUMI
(dosi per 3 persone)






Apri la dispensa e fai l’appello:

75 gr. di speck tagliato a stricioline
50 gr. di porro tagliato a rondelle sottili
100 gr. farro perlato,
75 gr. cannellini                (fatti ammollare per  12 ore)
75 gr. ceci decorticati (fatti ammollare per  12 ore)
75 gr. fagioli borlotti (fatti ammollare per  12 ore)
75 gr. fagioli dell’occhio. (fatti ammollare per  12 ore)
1 l, Brodo
1 Rametto rosmarino fresco, (tolto dal vaso che ho appena ricoverato in casa dal balcone.)
Olio EVO , sale, pepe q.b

Scaldi  due cucchiaiate di olio EVO in una pentola di coccio, sul fuoco basso, con la retina spargifiamma per non bruciare o per non far attaccare il tutto.
Fai appassire le rondelle di porro e rosolare appena appena lo speck tagliato a striscioline, intanto in un’altra casseruola, scaldi il brodo.
Scoli i legumi secchi fatti rinvenire dalla mattina, e li sciacqui nell’acqua corrente. Li unisci al soffritto e copri con i brodo. Aggiusti di pepe e, eventualmente, di sale, unisci il rosmarino, copri e fai cuocere per 45 minuti. Aggiungi il Farro e cuoci per altri 15/20 minuti circa.
Assaggi la minestra e chiami tutti , mentre riempi le scodelle.
E’ ora di cena … di caldo … di casa mia!!!

6 commenti:

  1. É esattamente l'idea che ho di zuppa, calda e coccolosa come un rientro a casa dopo una fredda giornata. Un bacio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Babi! questa è stata la consolazione di una delle ultime sere gelide di questo pazzo inverno.
      Buon fine settimana anche a te!
      Nora

      Elimina
  2. Che bella la zuppa calda e coccolosa...che poi le coccole si fanno pure dove freddo non ne fa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai ragione Stefania! Le zuppe, magari tiepide e non calde, le mangiamo volentieri anche in Estate... poi, una coccola è una coccola! Buon WE!
      Nora

      Elimina
  3. Anche noi adoriamo la zuppa di farro ... la tua è davvero invitante!

    RispondiElimina
  4. Grazie Vale, è stato sinceramente un confort food molto apprezzato in questo inverno freddissimo, anche dal Martirio che non ama particolarmente le minestre e le zuppe (infatti tendo a farle addensare per gabbarlo ;-))
    Nora

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.