Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 22 marzo 2012

Ci sono un Turco, un Ungherese, un Austriaco, un Italiano e ... un Francese




Sembra l'inizio di una di quelle barzellette da caserma, condite con una manciata di doppi sensi, tanto campanilismo e una buona dose di banalità ... ed invece no.  E', semplificata, la storia di un dolce da tutti ritenuto vessillo del nostro Trentino-Alto Adige, ma che nasce da un invenzione nientepopodimeno che turca. 
Deriva da una sorta di sfoglia contenente mele e frutta secca e che, nei vari passaggi in Ungheria e Austria, si è ulteriormente arricchito di spezie ed ingredienti fino ad approdare nel Nostro Tirolo, e tra le rupi dolomitiche, diventarne quasi il simbolo.
Da qui avrete capito la mia passione per questo dolce che poi, a voler ben guardare, tanto dolce non è. 
Resta ancora un mistero da risolvere.... che cosa ci fa un Francese alla fine di questo peregrinare?
Intanto è UNA Francese di adozione, e si chiama Giuseppina. Ci ha regalato una bellissima ricetta per le crèpes che sta facendo letteralmente impazzire tutti i Foodbloggers. Si vedono crèpe piccole, medie, enormi. Oppure traforate, montate, chiuse, aperte... insomma: Crèpe a iosa.
Il fatto è che si fanno in un volo e sono così versatili che.... svaniscono subito.
Per dire: io le ho già fatte ben tre volte e... non me ne sono ancora stancata.
Quindi, per ritornare a bomba.... eccoci a pensare che, tutto sommato, non ci starebbe così male un ripieno come quello Turco-Ungherese-Austriaco-Trentino!
Detto? FATTO! Con immensa soddisfazione mia e del mio Andrea che in questi esperimenti mi segue sempre a ruota... o meglio a forchetta!!!
Ed eccomi quindi a presentarvi una rielaborazione sprint del notissimo Strudel,
il tutto grazie (o per colpa, vedete voi) di quelle tre scatenate di MenùTuristico e del loro MTChallenge!


Strudel di Crèpe


La ricetta base per le crèpes di Giuseppina


Per  10/12 crèpes

150 gr di farina O
350 ml di latte
50 ml d'acqua
2 uova medie
1/2 cucchiaino da caffé di sale
30 gr di burro chiarificato per cuocere

Questa é la ricetta che uso sempre e con la quale ottengo delle crèpes sottili , leggere e dal gusto irresistibile . Tra gli ingredienti trovate l'acqua ( serve a rendere la  crèpes più sottile) e il burro chiarificato per cuocerle : la sua particolarità é di avere un punto di fumo simile all'olio extravergine di oliva quindi non brucia e dona un sapore delizioso alla crèpe.
Rompete le uova in una terrina, sbattetele un po con la frusta , cominciate ad aggiungere alternando la farina setacciata e il latte/acqua ,mischiate bene fino ad avere una pastella piuttosto liquida e liscia. Aggiungete il sale,mischiate e lasciate riposare almeno un'ora .
Fate sciogliere 30 gr di burro chiarificato in un pentolino , scaldate bene la padella per le crépes ,ungetela con il burro usando un pennello ( possibilmente in silicone) versate la quantità di pastella necessaria per una crépe ( per una padella di 22 cm io metto 30 ml di pastella) Il consiglio che posso dare é di prepararvi un misurino ed avere cosi la dose esatta da versare , in modo da poterla gettare in un colpo solo. A questo punto fate " ruotare" la padella per spargere uniformente la pasta, fate cuocere fino a che sarà ben dorata , quindi giratela e finite la cottura dall'altra parte. E importante cuocerle a puntino perché é questo che dona loro il sapore .


Una volta ottenute le crèpe procedere con la farcitura prevedendo 2 crèpe a persona.


Ingredienti
1 mela renetta bella soda
4 cucchiai di zucchero di canna
2 noci di burro
1 bicchierino di succo di arancia (oppure di Grand Marnier)
4 cucchiai di pinoli (circa 100gr)
3 cucchiai di uvetta.
Cannella in polvere
Zucchero a velo per decorare


In un padellino sciogliere il burro. Gettarvi lo zucchero di canna, i pinoli, le mele e lasciare sciogliere bene lo zucchero.
Aggiungere le uvette che assorbiranno il liquido rinvenendo e una spolverata di cannella (io tanta, mi piace tantissimo!).
Quando le mele saranno caramellate e un poco ammorbidite, toglierle dal fuoco. 



Nel frattempo scaldare il forno a 180° e foderare una teglia con la carta da forno.






Aprire 2 crèpe e farcirle al centro con le mele, arrotolarle e ripiegarne le estremità per non farne uscire il contenuto.
Posizionarle sulla teglia adagiandole sulla chiusura e spolverandole di zucchero a velo, infornarle per una decina di minuti fino a che si seccheranno leggermente in superficie.
Infornarle a 180° per 10 minuti circa.


Toglierle delicatamente dalla teglia, adagiarle in un piattino spolverando ulteriormente di zucchero a velo.






Servire tiepide.


Con questa preparazione partecipo all'MTC di Marzo..... e tre!







30 commenti:

  1. E' vero, queste crèpes sono state un successone...e la tua versione strudel è proprio una bella idea...dato che lo strudel piace tantissimo anche a me, ma non lo preparo mai, questo è il merodo giusto per assaporare un gusto familiare, senza dover impastare!!1 ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna ammettere che è un ottimo surrogato dello strudel, basta avere l'accortezza di fare le crèpe un poco più grandine...
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  2. Nooo!! Abbiamo avuto la stessa ideaa. Volevo postarle lunedì. In effetti sono veramente strepitose!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma daiii?! Allora pubblicale SUBITO così ci *gemelliamo* =D!!
      Vero che sono un ottimo abbinamento?
      Nora

      Elimina
  3. Ma non l'avevo mica capito dalla foto che fosse una crepe!! Originalissima e quanto deve essere golosa? Questa la rifaccio di sicuro, tanto ho il freezer pieno di crepes con la ricetta di Giuseppina, davvero ottime. Grazie cara e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa mia sono diventate un Must e sono... le Crèpe di Giuseppina... mica le mie!!
      Buona giornata!
      Nora

      Elimina
  4. Urca Nora! Ma questo strudel multilingue è molto originale...e se poi è poco dolce mi piace ancora di più! e poi con quella crosticina lo trovo irresistibile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La dolcezza dipende da quanto zucchero ci metti e se unisci il succo di arancia, la smorzi ulteriormente.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  5. ma che ragazza..... una vera perfezionista...... per non parlare del canovaccio sotto il piatto e del centrino sotto il bicchiere.......hai un'attenzione ai particolari tutta originale.......brava brava
    ciao Dony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... pensavo che l'occhio avesse colto la golosità della crèpe, ed invece... va al centrino! Dony hai perso i colpi, una volta guardavi più al *concreto*.... ;-)
      Vabbeh, si vede che dovrò rinfrescarti la memoria con qualcosa di diverso.
      Nora

      Elimina
  6. Lo strudel l'ho sviscerato storicamente e non, e devo proprio dirti che questa tua rielaborazione mi piace molto!
    Bacioni
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani, detto da te è un grosso complimento. Erano buonine buonine ... erano... or che è passato il piccolo, non son più!
      Nora

      Elimina
  7. Hai unito l'Europa! Dopo Mazzini, c'è TataNora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che da chi, come me, nacque pochi anni dopo la creazione del M.E.C., ci si possa aspettare questo .... ed altro!
      Stay tuned.... to be continued.
      Nora

      Elimina
  8. hai dimenticato il tedesco!!!! nelle barzellette ce n'è sempre uno (e di solito fa la figura del fesso...). nello strudel ci sta, che dici??
    anch'io oggi mi sono cimentata con le crêpes di giuseppina: meravigliose!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nello strudel ci starebbe benissimo ma se ci infilavo anche lui, il titolo sarebbe stato già un post!
      Quindi... niente tedesco... ma solo queste crèpes che a casa mia sono diventate le.. crèpes di Giuseppina!
      Buonanotte
      Nora

      Elimina
  9. Un gran bel mix cosmopolita ma soprattutto...molto goloso ^_^ Quando ci sono mel mele e le spezie di mezzo è un invito a nozze. Buon we, baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferica hai ragione, le spezie esaltano le mele. Lo strudel, secondo me, ne è l'apoteosi. Queste crèpe sono una timida imitazione...
      Nora

      Elimina
  10. Io devo ancora cominciare e tu sei già a tre? Penso che mi butterò dalla finestra oppure farò un post a puntate vista la situazione. L'idea dello strudel è assolutamente fantastica. Sarà che io sono strudel dipendente!
    Norina bella un gran bacione!
    PAt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Patty tu dici sempre così e poi tiri fuori il coniglio dal cilindro.... e ci spiazzi tutte!
      Se vieni a Milano, te ne faccio trovare uno intero di struedel!!
      Nora

      Elimina
  11. Rido, come una stupida, da quando ho letto il titolo. Solo tu potevi azzeccare un titolo del genere per raccontare la storia del nostro strudel.
    Bella idea il metterlo nelle crèpes e di farlo diventare più veloce da realizzare.
    A presto, spero, tra i nostri monti.
    Greti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te è un grandissimo complimento!! Anche se il TUO strudel è uno dei migliori che abbia mai assaggiato (e di prove ne ho fatte tante .... TU SAI!!!)
      Nora

      Elimina
  12. ma lo sai che non sapevo della storia del turco, ungherese, francese, italiano, tedesco..
    oddio forse ne ho aggiunto qualcuno :D
    fatto sta che quello che vedo è cmq una bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti per approdare fin sul mio desco, questo dolce ha fatto una luuuuuuunga strada!
      Buona domenica
      Nora

      Elimina
  13. mi piacciono mi piacciono o quanto mi piacciono
    (sono mezza trentina, qindi quando viene fuori un simil-strudel perdo la ciribiricoccola!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahaha!!!! Adoro lo studel anche io... non so se si capiva!
      Nora

      Elimina
  14. molto carina l'idea della crespella-strudel, molto carina....ma....e la barzelletta??? ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonononono Ad una Livornese, anche se adottiva, non mi azzardo a raccontar barzellette!
      Notto bimba!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.