Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

mercoledì 18 aprile 2012

Il coniglio della suocera.... ma anche no!


Quando ero bambina, i miei genitori presero in affitto per svariati anni, una casetta sul Lago Maggiore. Un po’ come ora per Andrea, la campagna offriva a questa piccola monella cittadina, tante di quelle lezioni che i miei compagni meno fortunati non avevano.
A parte la vista spettacolare che godevamo dalle finestre di casa nostra, i locali erano all’interno di un giardino cintato con un piccolo orto, viti, alberi da frutto, le arnie delle api, un pollaio e una zona dove i padroni di casa allevavano i conigli.
Quindi cominciai da subito ad apprezzare il sapore VERO della frutta colta dagli alberi ancora calda di sole, dei pomodori maturati sulla pianta, dell’insalata che *cantava* sotto i denti.
Non parliamo poi delle uova appena deposte dalle galline della *Sciura Rosetta*, gialle come il sole d’agosto e che si potevano bere crude, ancora calde.
Vicino al pollaio, chiuso da un cancelletto non troppo alto, c’erano le gabbie con i conigli ed il padrone di casa, *il Sciur Pierino*, ci portava a vedere i piccoli quando erano appena nati.
Quando mi ci portò la prima volta, avrò avuto si e no cinque anni,  mi fece vedere i piccoli ancora spelacchiati, spostando mamma coniglio prendendola saldamente per le orecchie. Io, preoccupatissima, gli chiesi se la bestiola soffrisse a quel trattamento. Mi venne spiegato che non soffriva affatto e ciò mi mise il cuore in pace.
Ritornai a giocare con i miei amici ma, nel pomeriggio, mentre le nostre madri sedevano a sferruzzare all’ombra di una pianta secolare, ed i nostri padri giocavano a carte poco più in là, pensai bene di combinarne una delle mie.
A mia madre attonita, si presentò la seguente scena apocalittica: io, con due conigli uno per mano, che me ne uscivo tranquilla dalla zona delle conigliere… mentre dietro di me quasi tutti i conigli saltellavano allegramente fuori dalle gabbiette allontanandosi nel prato adiacente. Alla domanda concitata di mia madre : *Che cosa diamine stai facendo!* risposi serafica che stavo facendo fare una passeggiata ai conigli e che, portandoli per le orecchie, non facevo loro alcun male.
Ovviamente io intendevo i due conigli che avevo saldamente in mano, non alludevo certo a tutto il resto del *branco* che si dava alla fuga!
Purtroppo per me, allora non era ancora stato fondato il *Telefono Azzurro* e quindi non potei far appello a loro per salvarmi dalla punizione (e da qualche scapaccione)!
Fatto è che, da allora, quando mangio il coniglio ho uno strano indolenzimento ai quarti posteriori… i miei!
Di qui la ricetta di oggi, fatta a memoria per non chiederla per l’ennesima volta alla suocera che, tra l’altro, lo cucina in modo egregio e che, stabilito non essere la stessa, vi presenterò un’altra volta.

CONIGLIO ARROSTO CON CANNELLA OLIVE E PINOLI.


Ingredienti:
Un coniglio da 1,2 Kg. Pulito a pezzi (e SENZA testa)
3 bicchieri abbondanti di vino rosso (io Grignolino)
3 cucchiaiate di olive taggiasche (io NON denocciolate)
2 cucchiaiate di pinoli
1 spicchi di aglio
1 cucchiaino di cannella in polvere (circa)
2 rametti di timo fresco (io 2 cucchiaini essiccato)
1 foglia di alloro.
Sale
Pepe
Olio EVO

Lavare bene il coniglio e togliere i residui di sangue, staccare le interiora (cuore,reni, fegatini).
Mettere a bagno per 1 notte nel vino rosso (la carne deve essere sommersa dal vino) con 1 cucchiaino scarso di sale.

La mattina dopo, scolare dal vino i pezzi di carne, farli rosolare in una padella larga e bassa con 2/3 cucchiai di olio EVO.
Quando la carne sarà sbianchita, sfumarla con un mestolo del liquido di marinatura, aggiungere le olive, i pinoli, la cannella, il sale e le erbe odorose (timo e alloro).
Coprire bene con un coperchio e far cuocere a fuoco bassissimo per un oretta circa (aggiungere, se dovesse asciugare troppo, il vino della marinata.)
Servire caldo con un contorno di insalatina verde… l’erba va d’accordo con i  conigli.

28 commenti:

  1. Di certo non è stata colpa tua, ma dei conigli ;)
    Comunque io non lo mangio praticamente mai e mi dispiace, questo della tua suocera ha un aspetto ottimo!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie lo sapevo di avere trovato una vera amica!!!
      Non è la ricetta precisa, il suo è meno asciutto ma... prossimamente divulgherò anche quella!
      Nora

      Elimina
  2. Mi son fatto una sana risata leggendo il post e credimi che di recente l'è dura strapparmi una "distensione del viso". Per il resto nulla da aggiungere, non posso fare mia la ricetta perchè a MissD. il conoglio non piace però posso prendere spunto dalla preparazione ;)
    PS
    Tra te e tua suocera...suona un pò come Skywalker e Darth Vader, sento anche la musica in sottofondo... :P ahahahahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti strappato un sorriso anche se alla tua Martire (che so portare aureola tempestata di diamanti) non piace il coniglio... godrà dei tuoi sorrisi, almeno!
      Tra me e mia suocera NON è come tra Skywalker e Darth Vader... togli pure la musica sono STRANA anche da questo punto di vista!
      Buona giornata!
      Nora

      Elimina
    2. Fidati che in quanto a stranezze non sono da meno, d'altra parte se non lo fossimo stati entrambi ti pare che ci saremmo incontrati per il "Circolo Picwick"?! :P ahahahhhah
      PS
      Non lo dico facilmente in giro ma sai che una volta ho messo un pizzichino di cannella in una zuppa di gamberi con feta (ricetta greca ovviamente...) ed è venuta una favola..ecco perchè ti dicevo che raccolgo volentieri lo spunto!
      PS2
      Per Pickwick mi mancano 160 pag. :))))))

      Elimina
    3. Noooooooo mi sa che finisci prima di meeeeee!!!! NON è giusto e a me piace ma non ho tempooooooo!!!! :-( Sgrunt!
      A che punto sei con Bel Amì??

      Elimina
    4. Con Bel Amì non so proprio se inizio perchè non ho tempo, quel che mi resta invece è usato per "concentrarmi" sulla degna fine del Circolo Pickwick, perchè (e qui lo dico e qui lo nego) l'ho letto con molta attenzione ed adesso non mi va di affrettarmi per rincorrerne un altro, rischierei di non godermi ne l'uno ne l'altro. Ovviamente alla Raravis non dirò nulla del fatto che Dickens probabilmente mi ha fatto anche bene leggerlo a quest'età ma tu lo mantieni un segreto no?! :P ehehhhehehehe

      Elimina
    5. hahahaha!!! Gambetto che fa outing????? NON CI POSSO CREDEREEEEE!!!!
      Buona lettura compare di circolo.
      Nora

      Elimina
    6. Ma tu lo mantieni il segreto però...verò! :)
      PS
      Stasera mi raccomando...fai anche le mie veci al BookClub e "mena" senza pietà! :D ahahahhahahahaha

      Elimina
  3. Anch'io ho avuto la fortuna di passare tanto tempo in campagna da piccola... quante ne ho combinate! Buonissima la ricetta del coniglio, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I guai che combinammo da piccole bisogna ricordarli quando nei pasticci si mettono i nostri figli... a volte me li scordo!
      Buona giornata!
      Nora

      Elimina
  4. io anche da piccola ero una peste :D sul coniglio non mi pronuncio: io lo mangio solo quando me lo spacciano per pollo :) e ci casco: lo so, sono pessima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia madre, porella, si trovava spesso a rimediare a tante di quelle marachelle che, pensandoci ora, non so come facesse a reggere me e mio fratello assieme!
      A me, invece, il coniglio piace... anche senza prenderlo per le orecchie!
      Nora

      Elimina
  5. Tata Nora, un giorno dovrai anche parlare delle polpette della suocera!!!
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii Dany che ideona!!! Mi hai dato lo spunto per un altro post! Sei Geniale Cugina!
      Nora
      P.S. Allora curiosi... ogni tanto?!;-)

      Elimina
    2. quando metti il link su facebook e mi appare nella home, curioso sempre. :-)

      Elimina
  6. Nora, ha ha ha ha ha ha bellissimo il tuo racconto, in genere mi fermo molto prima con gli altri, invece il tuo l'ho letto tutto! :-D ma poi i coniglietti? Li hanno ripresi tutti? :-D complimenti comunque per la ricetta, adoro il coniglio *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripresi tutti i conigli e io le ho *prese*! Sono contenta di saper che ti è piaciuta la cronaca delle mie marachelle!
      Il coniglio lo adoro anch'io ma il Martirio non tanto... quindi... soccombo e non lo faccio spesso.
      Buona Notte
      Nora

      Elimina
  7. Nora, a parte le "prese" dopo la marachella e le tue storie che sono sempre divertenti la ricetta mi piace un sacco..... sarà sicuramente meglio di quello di tua suocera..... ci posso scommettere che + meglio!
    AHHHHHH, le suocere! E pensare che sono già una suocera anch'io!
    Buonanotte cara|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la mia è una perla di suocera!!! Sono fortunata e... non mi legge!!!
      Nora

      Elimina
  8. Cara Nora, mi sembra di aver vissuto una situazione tipo la tua, e di essere passata da "busseto" dopo la genialata. Anche mia nonna sul lago di Garda aveva i conigli, ma tanti, e a me facevano tanta tenerezza e credo di ricordare che con mia sorella ci venne la geniale idea di lasciare le gabbie aperte per liberare le creaturine dalla schiavitù, con conseguente ripassata (mia nonna usava una frustina di salice piangente, sottilissima, che lasciava dei meravigliosi decori sulle cosce e che non si vedeva neanche quando arrivava a destinazione).
    Post bellissimo e veramente molto divertente. Circa la ricetta, mi sembra fantastica e io adoro il coniglio. Circa opinioni sulle suocere, preferisco sorvolare. Ti abbraccio pazzerella.Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che siamo state tutte e due delle gran Monelle. Vedo che i metodi educativi di tua nonna somigliavano a quelli di mia madre... che, essendo piccolina, ci bersagliava con le ciabatte. Ancora adesso, vedere una pianella mi fa rabbrividire!
      Nora

      Elimina
  9. il tuo racconto mi è piaciuto tantissimissimo, però tifavo per i conigli... peccato che alla fine li abbiano rimessi in gabbia!!! ;)
    a casa mia non lo potrei cucinare mai e poi mai il coniglio, tanto che per l'mtc avevo fatto una versione vegetariana col seitan... ma complimenti per la ricetta, deve essere spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, ero una peste (non che adesso sia una Santa, Martire SI ma non altro) e ne ho fatte passare tante ai miei.
      Per il coniglio, ti dirò: vigliaccamente io NON voglio mai la testa... e tendo a prenderlo già tagliato in pezzi.
      La ricetta è fatta a memoria ma, mi sa che ha ragione il Martirio... questa NON era quella di mia suocera che resta meno asciutta ancora. Provvederò più avanti.
      Buona serata e ... a Rivederci;-)
      Nora

      Elimina
  10. Mi sembra di vedere la scena ^_____^
    Io ho avuto la fortuna di avere uno zio che vive in campagna e alleva cavalli, conigli, asini e galline e quando andavo a trovarlo da piccola mi sembrava di entrare in una favola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, sono sempre andata d'accordo con gli animali! Debbo ringraziare i miei genitori per delle giornate passate all'aria aperta tra un ambiente schietto come quello!
      Buona serata
      Nora

      Elimina
  11. tu sai già cosa penso IO dei conigli...:-D!!dopo Kit come amico..i conigli x me sono tabù!
    xò la foto sembra invitante...x fortuna i miei uomini non leggono niente su internet (salvo alcuni miei richiami ogni tanto ) e mi dispiace a onor della tua ricetta non fargli pre-gustare qualcosa che farei fatica a cucinare loro;-) ... occhio non vede, cuor non duole, giusto?
    6 sempre divertentissima da leggere nora.
    a presto, baci angy (la montanara dal cuore tenero)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angy lo so che tu non ami il coniglio! Mettiamola così, vedremo di farne in abbondanza la prox volta e .... ve ne porto 2 porzioni! A te solo erba.... ;-)
      Baci Angy a te, ai tuoi uomini e... ai conigli!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.