Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 7 giugno 2012

Torta al cioccolato scaccia ansia.





La primavera stanca... lo diceva mia nonna e, tutto sommato, sono quasi convinta che avesse pienamente ragione.
La mattina faccio sempre una fatica enorme a spingere giù dal letto le gambe e, sebbene me lo sia ripromesso, non riesco ancora a tornare a correre.... non fa più freddo ma .... voglia zero!


A primavera si fa *il cambio di stagione* questa era invece un'affermazione tipica di mia madre, per *inquadrare* meglio la pesantezza della primavera, lei lo riduceva a quell'antipaticissimo cambio capi da pesanti a leggeri. Quello che ti porta a ridurre la camera da letto un campo di battaglia, dove da un lato, accumuli quello che vuoi riporre, e dall'altro .... piangi su quello che dovresti mettere ma... stringe!!


Io, dopo anni, me ne sono fatta una ragione: l'inverno fa ritirare i capi estivi!!


Non vale nemmeno riporli perchè: *quando perderò quei due o tre chili di troppo ci rientro....* non vale! Non funziona così! Ti ritroverai l'anno dopo a domandarti perchè mai si siano di nuovo ritirati.


Quindi ho deciso: a fine estate... tutto in beneficenza! Ci guadagnerò almeno in serenità mentale e, se faccio acquisti razionati (più che razionali), il Martirio non se ne accorgerà nemmeno.


Bella idea... intanto sono comunque in un periodo no. Vedo più facilmente i lati negativi delle situazioni e ... soffro al chiuso. Non è da me, che tendo sempre a ridermi sopra e a sdrammatizzare, non mi piace ma fatico a riemergere.


Mesi di claustrofobia repressa in ambienti cupi e soffocanti degli uffici, ambiente che comincia a starmi stretto... gente fastidiosa... tutto che mette a dura prova i miei nervi.  Quando l'occhio volge al cielo poi, ed intravvedo un raggio di sole tra le liste delle persiane perennemente abbassate ... mi prende un'ansia... una voglia di ribaltare la scrivania e far volare carte giù dalla finestra! 


Prima almeno fumavo quelle 4 o 5 sigarette che mi consentivano di prendere paradossalmente una *boccata d'aria* sul balconcino delle scale, di far correre lo sguardo all'orizzonte grigio e piatto dei tetti.


Ora ho smesso di fumare e la *boccata d'aria* me la prendo quando, come oggi, mi piglia quel senso di soffocare... devo uscire e respirare!! 


Quando sono tanto stanca, triste, nervosa, ho un modo semplice per togliermi dalle spalle le brutture: cucinare!


Avevate dei dubbi? Io no! :-)






Sono sempre dell'idea che la vita è tanto difficile ed amara che, alle volte, una piccola coccola può far tornare l'allegria se non a me che sono a dieta, almeno alla famigliola!


Così oggi, che ero rosa dal mal di testa e schiacciata da un senso di claustrofobia, sono tornata a casa e mi sono messa a far correre i ricordi indietro di anni, quando una collega (ora ex-collega) carissima (la Boc), mi ha regalato questa ricetta che è diventata la mia pillola dell'allegria.


Cucinare questo dolce è stato come ricordare le tirate sino a tardi al lavoro, in ambiente piacevole e dinamico, con la voglia di farsi anche una pattinata tutti assieme oppure una gita nel WE sulla neve. Oppure scambi di regali buffi ai compleanni con dolci condivisi, intervalli trascorsi tutti assieme perchè si stava bene assieme.  Bei tempi che hanno comunque lasciato ricordi, conoscenze, rispetto... tanta fatica ma tanta soddisfazione del fare e dell'imparare assieme.  


I ricordi piacevoli, come il cioccolato, stemperano un poco il mio senso di oppressione e, fanno tornare il sorriso a me e godere i miei golosi.


Questo dolce lo potrei fare ad occhi chiusi. Negli anni l'ho fatto a mezza dose per le merende di Arc, a dose doppia per una festa speciale, a dose normale, in teglia quadrata per la colazione con gli amici nella casa di campagna.


Ogni volta ringrazio Boc per il regalo che mi ha fatto con questa ricetta... e intanto ingrasso!


Quindi?

TORTA AL CIOCCOLATO DELLA BOC!





200 gr cioccolato fondente
100 gr. burro
4 uova
2 cucchiai di farina
1 goccio di cognac (nella cottura evapora ma lascia l'aroma)
100 gr. zucchero

fare fondere il burro ed il cioccolato sul fuoco (devono sciogliersi..non cuocere)
Togliere dal fuoco, aggiungere il cognac poi aggiungere lo zucchero e la farina.
Mescolare con la frusta (se elettrica è meglio) per raffreddare un poco il 
composto.
Aggiungere i 4 tuorli (uno alla volta) e, quando ben amalgamati, i 4 albumi
montati a neve fermissima mescolando adagio dal basso verso l'alto, cercando 
di non farli smontare.
Versare in una pirofila imburrata ed infarinata (oppure in uno stampo di 
silicone imburrato....).
Cuocere in forno caldo a 180° statico per 20 minuti circa.
Fare la prova stecchino.
Note mie.


Va benissimo anche così, tagliata semplicemente a quadrotti e spolverata di

zucchero a velo.

Oppure glassarla con il cioccolato fatto fondere a bagnomaria con 1 cucchiaio 

di panna e *tempestarla* di smarties....

Provatela negli stampini da cupcakes... anche senza frosting, una bellissima idea per le merende sane dei nostri figli!Oppure... scatenate la fantasia!

20 commenti:

  1. La claustrofobia funzionale potrebbe essere un ottimo modo per ritrovare gli spazi interni, più sconfinati di quanto ci si immagini. Un cielo interiore che predispone a cucinare con il fondente, per fondere pian piano ansie e pensieri, per sentire apprezzare da chi ci è accanto di quella bonta, per profumare l'aria senza dover ricorrere a palliativi nocivi come il fumo.
    Apriamo un gruppo di autoascolto che si basa sul "credo" dei dessert fondenti?! :P ehehehehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo!!! Gambetto come hai capito e tradotto in poesia le mie sensazioni!!
      Se mai si fonderà un'associazione per l'aiuto e l'ascolto di ansiosi in cerca di cioccolata da consolazione... sarai il nostro Guru!
      I miei spazi interiori sono immensi e non ho ancora finito di esplorarli dopo quasi mezzo secolo. Per quelli che ho intorno: faccio buon viso a cattivo gioco.. in fondo sono costretta solo per un terzo della mia giornata ad un'apnea più intellettuale che fisica (anche se a volte ci si tura il naso non solo metaforicamente!). Il resto della mia giornata fortunatamente trascorre in luoghi più ameni, circondata da persone vere e gratificata da tante piccole cose che sono LA VITA.
      Poi c'è pure il mondo virtuale che riserva sorprese piacevoli ed illuminanti... :-)... e c'è la cucina... il cioccolato...
      Buona giornata e buona vita anke a te.
      Nora

      Elimina
  2. Slurpppppppp la voglio. Su col morale Nora dietro l' angolo c'e l'arcobaleno!!!! Spero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e in fondo all'arcobaleno la pentola d'oro degli gnomi!
      Tranquilla Giulia, io difficilmente mi abbatto. Il mio cielo è sempre blu sopra le nuvole e sto imparando a volareeeeeeeeee!!!!
      Nora

      Elimina
  3. Sono contenta di sapere che non succede solo ai miei vestiti di restringersi in primavera... ;)
    Ricetta che proverô sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi... se cambi tipo di farina credo possa farla anke tu....
      magari ci provo con quella di riso e ti dico.
      Per i vestiti non ho soluzione... se non quella di scartarli a fine stagione e fregarsene della taglia! ;-)
      Nora

      Elimina
  4. Uhh, anche tu armadio magico eh? Chissà perché il mio ruba sempre almeno una taglia a tutto ciò che riesco a stiparci in autunno per poi recuperare in primavera… mai che faccia il contrario! E' un periodo strano per me questo, pesante, non riesco a ripartire e ho paura che l'estate se ne scappi ancora prima che io mi sia accorta di lei. Passerà e arriveranno momenti migliori. Intanto credo che la tua merenda cioccolatosa mi potrebbe aiutare parecchio, copio subito. Un bacio e buona giornata, Babi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Copia e godi, Babi. Quest'anno è pesante per tutti il ripartire. Forse dovremmo fare *pulizie di primavera* anche all'anima e... il cioccolato aiuta!
      Nora

      Elimina
  5. vorrei poterti dire parole d'aiuto ma sono la persona meno adatta, da quasi un anno vivo in una prigione cupa dalla quale non riesco a liberarmi, io che come te ho sempre trovato una via d'uscita nell'autoironia e nello sdrammatizzare anche le situazioni più pesanti!
    forse è proprio questo il problema, sdrammatizziamo per cercare di allontanare i problemi che poi ad un certo punto tornano in massa a vendicarsi e a colpirti alle spalle e ti trovano indifesa!
    ho la fortuna come te di riuscire ancora a trovare il mio sfogo nella cucina, tremo quando ci sono giornate in cui non ho voglia di mettermi ai fornelli, ho sempre paura che sia un brutto segnale ma per fortuna sono solo giornate un pò pigre!
    e adesso alleggeriamoci (si fa per dire) con questo dolce che amo tantissimo, e poi i vestiti nell'armadio mica si restringono per colpa nostra, la colpa è l'umidità delle nostre zone!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che alleggerirsi si può anche nell'anima. Ho imparato a guardare a quanto ho di bello intorno... e a fregarmene di tutto il resto.
      La vita è troppo breve per dar retta agli stolti!
      Comunque questo dolce, migliora l'umore e ... anche se non alleggerirà il nostri fianchi, la nostra gratificazione ci aiuterà a sentirci felici!
      Nora

      Elimina
  6. Niente aiuta come il cioccolato.
    E anche come NON dover fare il cambio degli armadi perchè grazie al cielo si vive in un posto con una sola stagione, calda per fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi: mi hai convinto!! Faccio la valigia e vengo a vivere lì!
      .... e porto anche la torta... :-)
      Buona giornata!
      Nora

      Elimina
  7. Cioccolato anche tu eh? Chissà perché la prima cosa a cui mi viene da attaccarmi quando ho momenti blues è sempre la benedetta/maledetta cioccolata. L'estate per fortuna mi salva. Non ce la faccio a mangiarla. La penso poco, forse in qualche tortina...ma assoluta fra poco neanche nel gelato. Non so perché, forse è il caldo, i desiderio di fresco e leggero. Menomale. Cosa non semplice in inverno, dove divento una consumatrice coatta di cioccolata in qualsiasi forma. E la forma della tua torta è una di quelle che terrò per il prossimo autunno. Puoi star pur certa.
    Però tu stai su...non ti riconosco quando sei mogina! Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro beata te che almeno d'estate non te la fili! Io non mi sono mai fatta problemi e la sbafo ad ogni stagione.
      Io poi mogina non ci sono spesso ma incazzosa a volte mi ci tirano. Più che altro, con i miei verdi anni, mi stupisco ancora di come continui a fidarmi della gente.... E' che, malgrado tutto, mi piace avere fiducia e, a conti fatti, per qualche manciata di streghe (non era la parola giusta ma... quella con la zeta sta male) che incontro... ho la fortuna di avere tante persone vere attorno! E' che a volte mi schifa.... menomalecheccèlacioccolata!!!!
      Nora

      Elimina
  8. allora grazie alla boc!! e alla tua realizzazione !!! umore down???niente di nuovo sotto al sole!!! io sto passando (ho passato) momenti very black...da poco sono una fan del magnesio (oltre che della cake therapy che però per mille motivi non posso più fare come un tempo e ne soffro...ma qui la storia sarebbe lunga...) dicevo...parola magica :magnesio! credimi , ti fa stare meglio...senza nulla togliere ovviamente al tuo splendido dolce che per una fans delle torte e del cioccolato come me vale...miliardi di punti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Umore down se me lo lascio abbattere da delle streghe... poi, dopo un boccone di questo dolce, mi scuoto i sassolini dalle scarpe e... torno a sorridere 'che il raglio dell'asino non sale al cielo.
      Ti dirò che sono convinta che, più che il magnesio per me, servirebbe del buon legname su certe schiene ... ma mi dispiacerebbe per gli alberi! :-)
      I punti di questa torta sono tantiiiiiissssssimiiiiii e ... grazie alla Boc, ovviamente!
      Nora

      Elimina
  9. la conosco questa mattonella di cioccolato!!! che spettacolo di torta!! raga, ti sento un po' giù, non so se stai facendo dieta per ragioni di salute o solo per dimagrire perchè in quest'ultimo caso, se devi essere così infelice, tieniti qualche chiletto in più e chissenefrega :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blues non è per la dieta e quindi si supera, se non ti curi della stupidità non può scalfirti, la cattiveria...., ma la dieta SI IMPONE.
      Fosse solo qualche chiletto!! Almeno 4 o 5 :-(
      Poi è comunque colpa mia se ho voluto un Martirio più giovane ;-)
      La torta è spettacolare e non so da DOVE sia partita... per me è LA TORTA DELLA BOC!!!!!

      Elimina
  10. si una torta cosi ...e col cioccolato che è unico non si puo non avere + su il morale, anche con qualche chiletto in + dai!;-)
    (ora ho capito meglio il post della stessa'lunghezza d onda' dell altro giorno)xxx angy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ebbene si... ho dovuto ricorrere al cioccolato.. ma ora VOLO ALTO!!
      (Se ti ricordi il post in FB,... sai anche a che cosa serve volare alto!!)
      Hahahahaha.
      Resistete... forse sabato riusciremo a salire... sssstttttt lo dico piano sssstttt.
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.