Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 3 dicembre 2012

IL FRITTO FA PUZZAR LA CASA MA NON LE FRITTELLE!!!


Mia madre ha sempre odiato gli odori forti in cucina. Raramente faceva le cotolette, mai il pesce fritto. Al massimo si lessava qualche trota, di quelle pescate dal nonno.
Altra eccezione era il cavolfiore, ma fatto rigorosamente in pentola a pressione e con le finestre spalancate, che fosse estate o inverno, e rigorosamente condito in insalata...sia mai che si impuzzolentisse l'aria con l'odor di fritto!!! Poi: il fritto fa male!

Ma mia madre era golosissima, non sapeva resitere ai dolci quindi, unica eccezione di frittura avveniva di Carnevale.
Nella settimana *grassa*, che per i Milanesi si prolunga fino al sabato prima della prima domenica di quaresima, un pomeriggio invitava sua cugina ed il figlio che ha pochi mesi di differenza con me, a casa nostra.
Faceva le frittelle di mele, quelle spolverizzate di zucchero a velo o zucchero semolato.
Era capace di produrne in quantità industriali, con me e mio cugino ai lati e mio fratello che sgomitava per crearsi il suo spazio. Lei friggeva e noi sbafavamo. Bollenti, piene di zucchero, goduriose.
E lei non riusciva quasi ad assaggiarle!

Le frittelle da sempre mi ricordano questa scena. La mamma, io, mio cugino e mio fratello .... e una goduria pazzesca.... ed il puzzo di fritto.

Le ho ritrovate, le frittelle di mela, in Trentino, che accompagnavano il pollo arrosto... le ho messe da parte, e mangiate dopo, zuccherate!

Oggi, pensando al contest di Mariella del blog Mariella cooking, il Contest sul FRITTO ALL'ITALIANA mi sono venute in mente le frittelle di Mamma.
In mente ma non solo e, tornata a casa da una giornata pesante, ho pensato bene di tirar fuori il libricino giallo e di cercare, assieme a mio figlio, la ricetta di mia madre.

Le ho rifatte, con Andrea attaccato al fianco, ad impuzzolentirsi di fritto e a rubare quelle *meno belle* dal mucchio... che diminuiva!

Ho salvato le migliori per le foto, ma debbo far in fretta altrimenti mi *salta* anche il set fotografico visto che al cucciolo si è aggiunto il Martirio.... quello che non ama i dolci ;-) e rischio di perdere la mia cena.... ho saltato le altre portate per ritornar bambina!!!!!

FRITTELLE DI MELE.

Ingredienti:

7 mele belle grosse e sode (io GrannySmith)
2 uova medie
3 cucchiai di zucchero
300 gr. di farina 00
1 cucchiaio di olio
1/2 bustina di lievito
1 pizzico di sale,
latte
olio per friggere (EVO o arachidi, tanto, si frigge con olio profondo!)

Sbucciare le mele. Togliere il torsolo con l'attrezzo apposito o con un coltellino affilato (io ho l'attrezzo... della nonna!) e tagliatele a fettine rotonde alte poco meno di mezzo centimetro.
Battete le uova con lo zucchero, incorporatevi lentamente la farina e aggiungete l'olio, il sale ed il latte sufficiente per ottenere una pastella morbida. Per ultimo unite il lievito.
Asciugate le mele, immergetele nella pastella e fatela aderire bene. Friggetele poche alla volta nell'olio bollente.
Cospargete le ciambelline con zucchero a velo o semolato ... servitele tiepide... se ci riuscirete!

Con questa ricetta partecipo al Contest Fritto all'Italiana del blog Mariella Cooking di Mariella!!!




18 commenti:

  1. Anche mia mamma odiava gli odori forti specie del fritto, ma quelle rare volte che lo faceva era una festa perchè friggeva davvero bene...le tue frittelle valgono odori e qualunque altra cosa!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valgono anche i chili di troppo che continuo ad accumulare.
      Ribadisco quanto ti scrissi giorni addietro.... facci un corso di step o checacchiofaperderpesoallasvelta.... via skype!
      Nora

      Elimina
  2. Anche mia mamma le faceva !!!! Buone !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito già cosa faremo a carnevale.... vero????
      Nora

      Elimina
  3. io le ho mangiate solo una volta, le aveva fatte la nonna ottantenne del mio ex durante una vacanza nelle marche (lei legnanese). mi erano piaciute da morire, ma poi più niente. mi sa che quando scenderà sto maledetto colesterolo proverò a farle anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da provare Chiara! Poi da riprovare, da riprovare, da riprovare.... il trucco è non mettersi ai fornelli... che te le soffiano tutte da sotto il naso.
      Nora

      Elimina
  4. Non le ho mai mangiate,ma il tuo post mi ha fatto venire una gran voglia di provarle, perchè devono essere buonissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che le ho sempre mangiate dolci poi, un bel dì, in Tirolo... con il pollo. *O* da provare!
      (se vai a Innsbruck può esser che le trovi...)
      Nora

      Elimina
  5. Mai mangiate...la qual cosa mi 'irrita' e non poco a dire il vero :P ehehehehe
    Da me la frittura poche volte, sempre contate, a Natale quasi viene considerato il primo regalo con il baccalà a bocconi croccanti da mangiare bollente e con tutti gli altri frittini partenopei...di quelli che se ne vedono bene solo gli astanti perchè chi è ai fornelli è sempre un massacro...prima ed anche poi con le pulizie...
    Sono 'oneri' è comprensibile, ma è il prezzo di lasciare un segno indelebile allo stomaco ed anche affettivo...e la 'puzza' del secondo quella non passa più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gambetto sei mitico. Pensa che, giusto a proposito di frittini partenopei, tra pochi giorni sarò a cena con altre amiche (occasionalmente foodbloggers) in una pizzeria napoletana che è superlativa con queste cosette.
      Beh.... mi sa che approfitto e... ti penserò!
      Se ti capita, provale calde con lo zucchero (a parer mio meglio quello semolato che quello a velo.... ) e fammi sapere. Del resto la frutta fa bene no?!
      Nora

      Elimina
  6. mmmmmm sai che io non credo di averle mai assaggiate? managggia!!!!!! quante cose mi perdo! un bacione giuli [wwww.loveateverybite.com]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia non perderle... mela, farina,zucchero, latte e olio buono.... that's all my dear!
      Bacioni
      Nora

      Elimina
  7. In casa mia si è sempre fritto poco e confesso di non averlo quasi mai fatto neanch'io da quando ho la mia cucina... ma le mele fatte così devono essere davvero speciali. E poi hanno di sicuro il sapore dei tuoi ricordi, il che le rende deliziose ancor di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono specialissime, e condite di ricordi sono ancora più buone.
      Pensa che mio figlio me le chiede anche se non è Carnevale!
      Io le faccio volentieri, unico problema: spariscono in un baleno e a me restano solo le ultime....
      Nora

      Elimina
  8. Ma che delizia queste frittine di mela...guarda, ora mi copio la ricetta e le preparo alla mia babyballerina. Unica variante che dovremo fare sarà la sostituzione della farina classica con quella gluten free (siamo celiache!!).
    A presto,
    Ellen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ellen buongiorno!!!!
      Sono sicuramente buonissime e credo che con la farina di riso siano buone uguali.... anche un po' più croccanti, magari!
      Fammi sapere che di amiche celiache ne ho!!!! (ma mai gli preparai le frittelle....potrebbe essere una buona idea per il prox invito!!!)
      Ci conto.
      Nora

      Elimina
  9. io friggo pochissimo come mia mamma, ma mia nonna era bravissima, soprattutto col gnocco fritto modenese :-P
    che sogno queste frittelle!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nuuuuuuu lo gnocco frittooooooo!!!
      L'ho mangiato l'ultima volta a Salsomaggiore in Settembre quando siamo andate alle terme con le amiche per festeggiare (in anticipo) i compleanni....
      Una libiddddddine!!!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.