Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 20 gennaio 2013

LA CUCINA DEL RICICLO OVVERO: QUANDO IL PATE' SI RIANIMA NEL RISO.



La cucina del riciclo, spesso viene considerata come cucina di serie B. Ma nulla è più sbagliato. A parte la questione meramente economica ed etica, che mi impedisce di buttare cibo, subentra anche la sfida a riproporre sotto *altre sembianze* quanto avanzato da qualche cena o pranzo di famiglia.
Si, perchè non so se voi fate come me, ma io non riesco mai a preparare *il giusto* dato che temo sempre di lasciar qualche commensale con *la voglia* ...
Questo vizio provoca borbottii da parte del Martirio che si rifiuta di mangiar avanzi per le settimane successive e quindi, scatta la necessità di cambiar l'aspetto della pietanza.
Uno dei cambi look delle ultime feste, è venuto dopo un capodanno trascorso con amici nella casa di campagna. Pur cercando di limitarci abbiamo esagerato e di cibo ne è avanzato tantissimo. Parlando con uno di questi amici si è giunti a parlare di risotti e di patè.
Così, con la complicità di Alberto, mi sono ricordata che, tanti anni fa, mangiai a casa di un amico con la passione per la cucina, un risotto al patè che mi fece restare senza parole e, credetemi, è raro vedermi tacere.
Quindi, una volta rientrata a casa, ho pensato di utilizzare un brut splendido e due buonissimi tortini di patè per riprodurre quel meraviglioso risotto.
Si, perchè le feste senza il patè di fegato sulla tavola, in casa mia non esistono e me ne avanza sempre tanto e, per giunta, piace tanto a me ma meno al Martirio ed al piccolo.

Con questo sistema per riciclarlo li ho buggerati, si sono scofanati il risotto chiedendone bis e tris... ma non avevo più patè....
L'unica regola è quella di usare si gli avanzi, ma sempre e soprattutto DI QUALITA'... e da questa che si fa un piatto egregio o una ciofeca.


Lo propongo anche a voi, e mi permetto di partecipare al contest La cucina del riciclo di Dauliana del Blog Cucchiaio e pentolone.

RISO BRUT E PATE'

Ingredienti per 4 persone:
400 gr riso carnaroli
30 gr burro
30 gr cipolla bianca tagliata sottilissima
1 bicchiere e mezzo di Spumante (io Cesarini Sforza...)
1 l brodo di carne (non lo userete tutto ma.. non si sa mai)
2 medaglioni di patè di fegato
3 cucchiaiate di Parmigiano Reggiano grattugiato.

In una pentola larga e bassa, far appassir le cipolle tagliate sottilissime con un poco di burro. Appena cominceranno a svenire, ma non ad abbrustolire, aggiungere il riso e farlo tostare.
Quando i chicci saran diventati traslucidi, aggiungere lo Spumante e far sfumare abbassando la fiamma.
Aggiungere il brodo un mestolo alla volta continuando a mescolare per 15 minuti circa.

A questo punto aggiungere il patè mescolare sino alla mantecatura completa. Spegnere il fuoco e coprire con un coperchio lasciandolo riposar per 5 minuti.
Servire con una spolverata lieve di parmigiano.



14 commenti:

  1. Risposte
    1. scusa se insisto... ma il patè per me andrebbe con tutto...
      Buona giornata.
      Nora

      Elimina
  2. Altro che riciclo, questo: è un piatto da re!
    Anche io ho il vizio di, diciamo, abbondare con le porzioni...e poi tocca ingozzarmi per giorni:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi ... ti avevo dimenticato... ma vedo che esagerare è un vizio di tutte le padrone di casa che vogliono mettere a proprio agio gli ospiti...
      Quindi, consoliamoci e impariamo a riciclare.
      Nora

      Elimina
  3. ma che bella idea, non ci avrei mai pensato, ciao merida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che val quasi la pena di avanzarne di più.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  4. Urca peccato che a casa Mia il pate e' proibito! Comunque chiamalo ricoclo! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi posso comprarne ancora e.... invitarti al riciclo.
      Tu chiama: io provvedo!
      Nora

      Elimina
  5. ma che risutin ha preparato la sciura Nora ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte con quel che avanza dalla tavola della festa, si riescono a trovare spunti apprezzabili.
      Buona giornata Sciura Silvia.
      Nora

      Elimina
  6. grazie nora, questo è l'esempio che riciclo è buono, anzi, ottimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dauly, se posso ho pure un'altra proposta.
      A presto
      Nora

      Elimina
  7. Anche io in questo periodo ho in mente solo risotti e quando ho visto il tuo mi son precipitata! visto il tuo però sono io ora senza parole (e anche per me è raro :-))
    la mantecatura col patè, in sostituzione del burro deve dare un sapore divino, altro che riciclo!
    grande Nora!
    baci
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy, il patè a me piace anche a cucchiaiate quindi sono di parte, ma in questa mantecatura da il meglio.
      Per dire: sono andata a ricomprarlo ... per dire...(e per mangiare)
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.