Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 17 gennaio 2013

UN SOGNO, UNA TORTA E CINQUAT'ANNI INSIEME.


50 anni: UNA VITA intera passata assieme e, per festeggiare con i parenti stretti, mia suocera ha chiesto a me di fare la torta.
Le piacque così tanto quella fatta per festeggiare un altro *genere* di cinquant'anni, che l'ha voluta uguale... o quasi.
Qui  è cominciato il panico... anche se era un dolce per *pochi intimi*, il timore di combinare un papocchio c'era.
La mia preoccupazione è stata quella di non ripetere gli errori precedenti e di essere più precisa.
Sono partita in anticipo con la produzione delle 14 rose bianche/oro che dovevano seccare per essere applicate senza spiaccicarsi sulla torta.
Ci ho impiegato ben 3 sere e, alla fine, quando ho visto che avanzava ancora pasta di zucchero bianca... ho tentato il *colpo di mano* e ho provato a far risultare 2 colombe ... non erano perfette ma è stata una pensata dell'ultimo minuto.



Ho commesso un errore, quello di pitturare subito di oro i petali delle rose, mentre sarebbe stato meglio sfumarli una volta asciutte... la prossima volta me lo ricorderò.
La più bella soddisfazione è stato vedere *gli sposini* commuoversi davanti a quella che è stata (credo) la sola torta di nozze che hanno avuto.

Ho scelto di proporla per il contest di Aria in cucina...Torte da sogno perchè questo era il sogno di mia suocera... spero si sia avverato!



INGREDIENTI:
Per la torta RED VELVET (ricetta di base modificata da Therese Caruana)
260 gr farina per dolci setacciata
1/2 cucchiaino di sale
7 gr cacaco amaro
115 gr burro non salato a temp ambiente
300 gr di zucchero
2 uova grandi
240 ml di buttermilk - fate inacidire per 20 minuti il latte con un cucchiaio di limone
2 cucchiai e mezzo di colorante rosso liquido
1 cucchiaino di aceto bianco
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

 Pre-riscaldare il forno a 180°C.

In un recipiente mischiate farina, sale, cacao.
Nel recipiente del vostro mixer, sbattete il burro per 2-3 minuti. Finche’ soffice.
Aggiungete poi lo zucchero, e sbatti per altri 3 minuti.
Aggiungi le uova, una alla volta, sbattendo 30 secs dopo ogni aggiunta.
Aggiungi il colorante rosso al buttermilk. Adesso metti il mixer ad una velocita’ bassa ed aggiungi un po’ di farina, poi un po’ di buttermilk, poi ancora farina ed ancora buttermilk, finche’ non termini entrambi. Ma se puoi inizia e finisci con la farina.In un altro ciotolino unisci il bicarbonato all’aceto bianco, vedrai che frizza e diventa spugnoso, devi subito aggiungerlo al resto dell’impasto. Non con il mixer elettrico ma con una spatola, incorporalo bene.

A questo punto riempire i porottini a 3/4 con il composto oppure versare tutto il composto in una teglia da 22" imburrata e rivestita da cartaforno.

Per la teglia da 22" inforna per circa 25-30 minuti ma conviene fare sempre la prova stecchino
Per la farcia (ricetta di Flavia del Blog Cuocicucidici)
350 di formaggio cremoso tipo Philadelphia (quello classico)
180 gr di burro morbido a temperatura ambiente
200 gr di zucchero a velo
2 cucchiaini di estratto di vaniglia

Procedimento:
1) Sbattete bene il burro con le fruste elettriche bene finchè cremoso (circa per 2-3 minuti)
2) Unite lo zucchero, l'estratto di vaniglia e il formaggio.
3) Sbattete ancora molto bene per almeno 5 minuti.

Tenete in frigo. Anche se a temperatura ambiente non si scioglie, e questo permette di preparare la torta e una volta decorata con la pasta di zucchero può essere conservata in una stanza fresca e non necessariamente in frigo, non contenendo uova.

Per la pasta di zucchero (ricetta di Flavia del BlogCuocicucidici)
500 gr zucchero a velo (quello industriale non quello fatto in casa)
30gr acqua
5gr di colla di pesce (2 ½ fogli)
2cucchiai colmi di glucosio (molto colmi)
1noce di burro a temperatura ambiente

Tagliate i fogli di gelatina a quadrettini e ammollatela nei 30 gr di acqua per 10 minuti in un pentolino , aggiungete il glucosio e il burro e sciogliete a  bagnomaria .
Intantomettete lo zucchero dentro al robot (Mimma usa il Bimby )e quando i liquidi sono ben sciolti con le lame in movimento cominciate a versarli sullo zucchero a velo e aumentate la velocità. Dopo pochi attimi il tutto sarà diventato una palla , rovesciatelo sul piano di lavoro e lavoratelo bene per amalgamarlo. Se tende ad essere appiccicoso aiutatevi con qualche lieve spolverata di zucchero a velo.
Poteteutilizzarla subito , oppure conservarla avvolta molto bene in tanta pellicola trasparente.

*Siconserva perfetta per più di 3 mesi.

Colore utilizzato... oro in polvere, diluito con alcol (a dire la verità non avevo l'alcol per i liquori ed ho usato il rum bianco... va bene istesss!)

Per finire e montare la torta, io l'ho bagnata con dello sciroppo di rose ma anche una bagna al maraschino avrebbe il suo perchè....

Ho tagliato a metà la Red Velvet, l'ho farcita con la cream cheese (una terza parte di tutto il composto) alla quale ho aggiunto delle gocce di cioccolato amaro. Ho ricoperto con la restante crema la torta livellando le *asperità*.
Ho messo la torta in frigorifero a riposare per 1 ora circa.
Ho tirato molto finemente la pasta di zucchero bianca con il mattarello, aiutandomi con un foglio di carta da forno ed il mattarello, l'ho stesa sulla torta livellandola con l'apposito strumento (quello che sembra un ferro da stiro giocattolo).
Ho lasciato asciugare in frigorifero per un'altra ora.
Ho montato le rose, fissato le colombe e le due fedi che avevo preparato precedentemente e ho applicato e colorato la scritta.
In ultimo ho fissato il nastro al bordo.

Ne è avanzata pochissima e pare abbia gradito anche la brigata di cucina del ristorante dove abbiamo festeggiato ;-)



14 commenti:

  1. Maddai, sarebbe stato anche per me un sogno avere come torta di nozze la red velvet :-D Sei stata davvero brava cara :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La responsabilità di far loro la *torta di nozze* è stata grande, ma la loro gioia mi ha ripagata!
      Nora

      Elimina
  2. Meravigliosa.
    Tu, la torta.
    E cinquant'anni insieme!
    Auguri ai tuoi suoceri, e complimenti a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, ma che ansia!!!!
      Nora

      Elimina
  3. Che bel regalo. Che idea i colombi! Bianco e oro poi è un accostamento elegantissimo. Bravissima! Sulla torta in sé che dire: trovo che le ricette usa siano sempre un po'scervellate nell'accumulo di grassi e zuccheri. Andrebbero un po'interpretatate, ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te ma un'occasione come questa mi ha fatto passare in secondo piano le componenti burrose e zuccherose.
      Se la meritavano... tutta... ed ho eseguito.
      Poi, per il futuro, mi verranno altre idee e, spero, miglior manualità.
      Per ora mi accontento del loro sorriso.
      Nora

      Elimina
    2. E' un grande regalo vedere nascere un sorriso. Auguri in ritardo!

      Elimina
  4. complementi sia a te per la bellisssima torta sia ai tuoi suoceri per una vita insieme, augurandogli ancora tantissima vita sempre insieme merida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanta pazienza meritava un dolce *TANTO* non credi?
      Grazie e a presto.
      Nora

      Elimina
  5. Partecipi ad un contest ma il premio più bello già lo hai vinto con le lacrime degli sposi. Affermazione scontata la mia ma quanto c'è di bello nella reazione naturale dell'emozione che in un attimo crea quel groppo in gola che non ha prezzo.
    In pochi ci riescono...e non avevo dubbi che tu appartenessi a quei pochi visto che non è la competenza che traspare quanto il cuore messo...nella torta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io competente???? hahahahaha ... nel senso del participio presente del verbo competere vero?
      Il cuore invece ce l'ho messo, il cuore, gli occhi .... e pure un po' di speranza. La stessa che mi vede pregar il cielo di poter vedere lo stesso traguardo.
      Inutile dire che la commozione mi ha gratificato ed ha spazzato l'ansia di non essere all'altezza del compito affidatomi.
      Buona serata amico competente... nel senso che possiede competenza e che competenza!!!!
      Nora

      Elimina
  6. Eccomi!!! e potevo mancare dove c'è un osgno? Grazie cara, è davvero un capolavoro, anche per quel che rappresenta che èil sogno più grande. Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Franci? In quelle rose ci ho modellato la speranza di vedere anch'io quella baia quieta che è un traguardo della vita. Mi emoziona ancora guardare le foto (poche, per la verità) ed il sapor della giornata è stato dolce anche senza la pasta di zucchero.
      Un augurio per tutte le coppie.. camminare assieme per tanto tempo!
      Buona serata
      NOra

      Elimina
  7. ma ma perchè mi ricorda qualcosa? la casalinga di Voghera ha una gran bella mano, va! e spero con tutto il cuore che abbia la stessa fortuna dei tuoi suoceri! Beso tesorina

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.