Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 10 febbraio 2013

8 Febbraio 2013 – END POLIO NOW


 

*Mamma per martedì ho un compito da fare per Inglese: devo trascrivere le parole di Another brick in the wall dei Pink Floyd.*

Qualunque genitore avrebbe spalancato tanto d’occhi o, perlomeno avrebbe zittito il figlio decenne e burlone.
Nelle case dei 24 alunni della 4^C della scuola Novaro Ferrucci di Milano, non si battè ciglio.
Non nuovi ai metodi d’insegnamento dalla mitica Maestra Simona, volti a coinvolgere i nostri figli con OGNI MEZZO, ci prodigammo a cercare, trascrivere e far ascoltare la canzone.
Alcuni giorni di ascolto e i 24 ragazzi erano già in grado di cantare senza testo davanti, la canzone che segnò un passo nel Rock internazionale.

*Mamma: ma lo sai che il video dei Pink Floyd è tremendo? Pensa che i ragazzi vengono tritati dal maestro! Ah! A proposito, andremo a cantarla in un teatro una sera.*

Ecco, questo inizio di avventura, per dovere di cronaca, avveniva circa un mese addietro.

Complici strani allineamenti astrali, una maestra instancabile e trascinante, una dirigente lungimirante e sempre disponibile a far confrontare i ragazzi con nuove sfide e spingerli a farsi parte di iniziative utili anche alla comunità.

Grazie alla iniziativa dei Rotary club di Milano, alla temerarietà di alcuni loro dirigenti nonché ad una grande dose di incoscienza (e di fortuna), i nostri ragazzi si sono trovati parte di uno spettacolo volto a raccogliere fondi per bimbi meno fortunati.

Ecco come trovarsi, in una fredda serata di Febbraio, tutti in fila, verso la metropolitana avvicinarsi a passo di marcia al Teatro Fontana di Milano.

Eccoli provare, in un ambiente completamente nuovo e professionale, quella canzone trascritta ed imparata con la velocità delle loro giovani menti.


Dopo le prove, un panino veloce nello spazio ristretto dei camerini, mentre altri artisti, stimati professionisti membri dei vari Rotary club, si trovavano a divider spazi angusti con questi 24 bimbi in attesa di iniziare uno spettacolo.



 
Poi le luci, la musica, la folla e LO SCOPO di questa serata.

Non un *gioco*, non una *esibizione*. Un impegno per chi ancora soffre e lotta contro una malattia infantile che tutt’ora miete centinaia di vittime.

Dietro le quinte, mentre la sala si riempie dei volti dei genitori orgogliosi e di tanti altri volti estranei, tutti trattengono il fiato.

Di là, oltre quelle luci ci siamo stati noi, a sostenere figli e scopo.
 


Guardare i nostri figli e saperli sani è per noi la quotidianità e quasi non ci ricordiamo nemmeno il nome di questa malattia: Poliomielite.
Eppure in Italia, appena nel 1958 ne furono conclamati 8.000 casi e per poter dichiarare debellata questa malattia abbiamo dovuto attendere il 1982… appena 31 anni fa!
La Poliomielite è invalidante e potenzialmente fatale principalmente per bimbi di  età inferiore ai cinque anni.

DEBELLATA … in Italia!

Nel 1988, nel mondo, ben 71 Paesi furono dichiarati liberi dalla Polio mentre ancora si contavano 125 Paesi Polioendemici.
Ora, nel trascorso 2012, i Paesi dove ancora la Polio non è debellata, sono solo 3 e ben 193 quelli senza Polio, una battaglia che l’umanità sta per vincere.
Ma la guerra si vince UNENDO LE FORZE ed i Rotary Clubs di Milano, stanno da anni portando avanti questa missione con tante iniziative.

Obiettivo ZERO Paesi Polioendemici!

Perché ne parlo? Perché i bambini, vittime principali di questa malattia, sono stati coinvolti in questa lotta diventando parte di uno spettacolo che si è tenuto lo scorso 8 Febbraio presso il Teatro Fontana di Milano.

 


Una classe intera, la mitica 4^C  è salita sul palco con un gruppo di stimati professionisti con la passione della musica e la voglia di fare qualcosa per gli altri.

 ANOTHER BRICK IN THE WALL … Pink Floyd.

Un testo mitico, nella storia del rock, gridato, cantato ma, soprattutto, SENTITO dal gruppo dei nostri bimbi.
Un mattone, il loro. Tanti mattoni a costruire il muro a difesa dei bimbi, di TUTTI I BIMBI che ancora sono sottoposti a questo terribile rischio.


END POLIO NOW!! Un motto, quello del Rotary, stampato sulle magliette indossate dai ragazzi.


“End Polio Now” hanno gridato i nostri ragazzi alla fine della serata, cantando con la Cordusio Blues Band la canzone “Black Baby Blue, composta per l’occasione dal rotariano Roberto Franzosi.

“End Polio Now!”


In questo venerdi’ 8 febbraio 2013 ha un significato molto più forte.
Poche ore prima dello spettacolo, in tutti i telegiornali, echeggiava una notizia terribile:

Nigeria: attacco a centri vaccinazione anti-polio, 12 morti.

In onore di questi morti, della loro missione, han cantato 24 bimbi assieme a tanti adulti. Han gridato al mondo che nessuno ha il diritto di decidere circa la sopravvivenza di bimbi inermi.

END POLIO….NOW!!

LO AFFERMANO

La Scuola elementare Novaro Ferrucci

e

2 commenti:

  1. mi sono commossa io a leggere il post, immagino tu!
    Anche per me vedere mio figlio sul palco è sempre stata un'emozione; anche lui ha fatto e fa ancora tanto per beneficenza, non questa ma altra, chi lo direbbe mai, vedendolo in casa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa volta non ho avuto tempo di commuovermi se non alla fine... quando hanno chiuso lo spettacolo.
      Mitici. I ragazzi sono mitici e trovano sempre modo di tirar fuori un po' di buono.... SEMPRE!!! credici!!!!!!!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.