Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 11 marzo 2013

C'E' SEMPRE UNA PRIMA VOLTA... ERETICA ... E SA DI CHEESECAKE!


Non ho mai fatto un cheesecake, mai. Mangiati ne ho mangiati tanti, alcuni speciali, altri insignificanti, ma fatto da me...mai.
Chissà perchè me lo vedevo un po' come con le meringhe, i profiteroles, insomma: un flop. Un po' come quando credi che fare il soufflè si limiti ad essere abbastanza lungimiranti da aprire il forno nel *momento esatto* non troppo presto ne troppo tardi... così che non si assista ad una *seduta* o al colorito così marcato da saper di bruciato.
Poi di cheesecake ce ne sono tante sul web ma di tutti i tipi: dolci, salate, con o senza topping, grandi e basse oppure piccole e alte...
Sono stata sul punto di lanciarmi più volte ma poi, vuoi perchè ancora avevo dubbi, vuoi perchè mi mancava la tortiera perfetta... ci ho sempre rinunciato.
Quindi, stop.... nessun cheesecake mai uscito da questo forno.
Poi arriva una sera, che i due XY che mi girano attorno mi fanno perdere la pazienza.


Mamma ma gli australopitechi avevano la coda?
Non lo so, Andrea, non me ne hanno mai presentato uno... cercalo in internet.
Papàà ma gli australopitechi avevano la coda?
Se non li ha conosciuti la mamma, io che sono più giovane non posso averli conosciuti, ti pare???
E poi si chiede perchè ogni tanto mi inalbero....


E ne ho ben donde di essere irritabile... quindi, visto che la felice affermazione avviene proprio davanti all'esposizione di tortiere e che *casualmente* ho proprio visto la misura perfetta della tortiera per il cheesecake... MIA!... e Martirio muto! Finisce dentro il carrello anche uno sciroppo che ho sempre voluto fare ma ... mai arrivata a cogliere il fiore al momento giusto...
Poi, rientrata a casa mi capita di leggere una bella ricetta, apparentemente molto equilibrata, su un libro di ricette che ho DOVUTO comprare in un noto negozio di Remainders di Milano.

Una persona normale avrebbe preso la ricetta, gli ingredienti, eseguito alla lettera la bella novità e, solo dopo il test sull'originale, eventualmente apportato modifiche.
Appunto.
Io non sono normale. In cucina non sono normale, per il resto potrei essere anche peggio....
Quindi, prendo carta e penna e comincio a ri-elaborare la ricetta del libro
della collana NUOVA CUCINA... DOLCI della LOGOS.
La scusa di un dolce per la solita serata di pizza con gli amici ed una domenica un po' troppo casalinga, ed ecco qui il mio primo

CHEESECAKE ERETICO con SCIROPPO DI FIORI DI SAMBUCO e CIOCCOLATO AMARO.


Ingredienti per una tortiera diametro 20 cm
200 gr biscotti Digestive
50 gr. di gerigli di noce
100 gr burro fuso
1 cucchiaino di cannella (scarso)
500 gr. di ricotta
120 gr. di zucchero
4 uova
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 1/2 cucchiaio di sciroppo di fiori di Sambuco

1 busta di budino cioccolato fondente
250 gr latte

Preparare il budino al cioccolato fondente utilizzando 250gr di latte invece di 500, ne risulterà una crema molto densa. Farla raffreddare in una terrina.

Ungere leggermente il fondo di una teglia del diametro di 20 cm.
Frullare i biscotti e le noci per 30 secondi. Trasferire in una ciotola i biscotti sbriciolati ed unire il burro fuso e la cannella.
Amalgamare con cura e distribuire il composto nella teglia e premere delicatamente. Far riposare in frigorifero per 20/30 minuti.

Preriscaldare il forno a 170°C.
Sbattere la ricotta con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo. Aggiungere lo zucchero e, sempre amalgamando con le fruste elettriche, aggiungere le uova, uno alla volta, amalgamando con cura prima di aggiungere il successivo.
Aggiungere l'estratto di vaniglia e lo sciroppo di Sambuco.

Togliere dal frigorifero la tortiera, stendere uno strato di budino (oramai solidificato) sul fondo della *crosta*.
Versare la crema preparata. Infornare a 170°C per 45minuti.

Note mie:
- Ho usato l'estratto secco di vaniglia NATURALE ma anche quello casalingo va bene oppure i semi di una bacca di vaniglia.
- Lo sciroppo di fiori di sambuco si può aumentare a 2 cucchiai ma non esagerare troppo per non *ammazzare* il sapore della crema.
- Ho usato un preparato per budino (orroreee) con mezza dose di latte consigliata ma potete procedere ad eseguire un budino secondo le vostre ricette solo tenetelo molto solido..
- Con il senno di poi, coprirei la teglia per i primi 20 minuti, con un foglio di alluminio che toglierete per lasciare colorire il dolce... le mie 2 teglie sono colorite troppo e sono corsa ai ripari un po' troppo vicino alla fine della cottura.
- Essendo il mio primo tentativo sono rimasta genuflessa davanti allo sportello del forno per tutta la durata della cottura.... direi che è impegnativo e non serve...





18 commenti:

  1. Vabbè, già solo la foto mi ha fatto venire voglia, poi se leggo cosa ti ha spinto a farla rido e spreco energie e quindi mi posso permettere di mangiarne almeno 2 fette!!!
    Buona giornata piccola Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene... fatti vedere *di pirsona pirsonalmente* e te ne faccio trovare una intera... giurin giurètta!
      Baci tesoro.
      Nora

      Elimina
  2. ah ah buona la versione con solo ricotta eh?
    Ma non ho capito, con 500 gr di ricotta ti sono venute 2 cheese?
    baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Si: mi sono venute 2 cheescake ma piccole (20cm dia e 18cm dia) una delle quali regalata ad una amica.
      Non è come quella di Artemisia ma... si fa mangiare!
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  3. per essere il primo, e per giunta eretico, ti è venuto uno splendore: perfetto!!! proprio ieri io e la mia dolce metá ci siamo dati al riordino della parte di credenza in cui tengo gelosamente tutte le mie caccavelle.. e ogni tanto ne tiravo fuori una da uno o da un altro cassetto e lui, attonito, " ma quante ne hai?" :-) questi uomini.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai rispondere a certe domande! Di solito indosso un'espressione stupita e affermo: Questa? me l'hanno regalata delle amiche.
      A volte funziona... a volte.
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  4. Mi hai fatto morire ;-)
    Seguiremo il consiglio sulla genuflessione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi, la prossima cucina la voglio con il forno ad altezza piano di lavoro... eccheccavolo! Non ho più l'età per i rosari davanti allo sportello del forno...
      Buona giornata
      Nora

      Elimina
  5. niente genuflessione allora, ma il risultato sembra eccellente!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra, è stata una sorpresa anche per me che non ci avevo mai provato.
      Direi che posso ben sbizzarrirmi per le prossime... ma senza genuflessione che gli anni passano e gli osteopata sono cari!
      Buona settimana
      Nora

      Elimina
  6. Del profumo dei fiori di sambuco ho un ricordo indelebile che si levava dai bicchieri colmi di sciroppo in una giornata di sole assoluto in val di Fiemme... mai dimenticato e mai più ritrovato (non mi si presentino i prodotti Ikea, orrorre!). Era fatto in casa e io ero una bambina, ancora, ma tutto si fonde insieme, la luce della giornata, filtrata dal verde delle fronde, il prato, la mia faccia che prima ancora della mia voce ne chiede ancora...
    L'idea di metterlo nel ck mi pare una splendida prova di autonomia di pensiero ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo di sciroppo artigianale non ne avevo. Pensa che ogni volta che fioriscono i sambuco in campagna, mi riprometto di fare lo sciroppo ma poi, mancandomene il tempo, mi limito solo a mangiarne i fiori fritti in pastella.
      Quest'anno mi dovrò decidere. E' troppo bello averlo a disposizione (lo so che quello dell'IKEA non è proprio il meglio... ma QUELLO avevo...)
      Autonomia di pensiero è una parola grossa... somiglia ad anarchia... del neurone, intendo.
      Buona settimana bella ragazza.
      Nora

      Elimina
    2. Tra le altre cose... anche la Val di Fiemme abbiamo in comune nel nostro passato... magari verrà fuori che pure ci conosciamo di persona ! :-)

      Elimina
  7. eccomi! guarda un po' chi sta commentando... voilà. questa torta è libidinosa, a parte il budino elah! scherzo, libidinosa comunque baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In primis... va a da via i ciaps... e questo non te lo toglie nessuno. Ci ho impiegato più di dieci minuti a capire chi è Greta!!!
      Poi il mio è un cheesecake normale... il tuo è quello morbido!
      Bacetti da
      Elvira

      Elimina
  8. ma come non hai mai fatto una cheesecake!è belllissimo così alto, io non riesco mai a far venire quello strto alto di biscotti!
    ps:ti metto anche un'altra ricetta di spatzle che mi piace tropp, fidati, si fanno in un attimo e a casa mia piacciono a tutti!
    http://www.ariaincucina.com/2013/01/spatzle-di-kamut-agli-spinaci-con.html

    RispondiElimina
  9. Ma lo sai che questo cheese non è niente male? Davvero, a rileggerlo. Magari senza preparato per budino ma con una crema normale.

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.