Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

domenica 5 maggio 2013

Il Texas dolce come un lenzuolo di cioccolato








Una raccolta di ricette texane, un blog di cucina Emmetichallenge che le *organizza* chiedendo di proporsi per pubblicarle ed è più forte di me, mi propongo subito per pubblicarne una e…. di una torta… sa va sans dire.
Sarà poi un caso, ma pure in televisione stanno riproponendo i film di John Wayne e company e me li sto rivedendo tutti con mio figlio, ritornando un po’ bambina. 
 
Per tutta l’infanzia le mie serate davanti alla televisione sono state scandite dalla passione *compulsiva* di mio padre per John Wayne! Credo di averli visti tutti quanti per almeno una decina di volte ciascuno, con mio padre che, ogni volta, affermava di non aver ancora visto *questo* film. 

Il fatto si spiegava quando alla terza scena…. crollava addormentato e si perdeva non solo la fine del film, ma pure l’inizio!!

In tutta la mia vita poi, di texani  veraci ne ho conosciuti solo un paio.

Il primo un Ingegnere che venne a chiudere una commessa con il mio ex capo, direttamente da Dallas una trentina di anni fa quando, appena assunta da una multinazionale che trattava di impianti e valvole installate anche su impianti petroliferi, ero la segretaria del direttore.

Immaginatevi la scena: il mio capo mi aveva preannunciato la visita dell’Ingegnere in questione. Prenotai l’albergo, preparammo la documentazione per chiudere il contratto…. mancava solo lui. Ed arrivò con tanto di stivaloni borchiati, cappello da cowboy e la camicia con il colletto chiuso da una fermaglio a forma di aquila che chiudeva una stringa di cuoio.

Mi pareva di trovarmi davanti JR del telefilm Dallas e mi prese così alla sprovvista che, una volta aperta la porta… mi sfuggì un mezzo urlo. L’intervento del mio ex capo, accorso per prendere la situazione in pugno, finì miseramente con lui a bocca letteralmente spalancata, che fissava questo tipo al quale mancavano solo il cavallo e gli speroni e la sottoscritta che con un passo incerto lo precedeva in sala riunioni.

La seconda Texana… è stata Laurel Evans ed è dal suo libro che ho tratto questa ricetta. L’ho incontrata ad una serata in un locale, dove ci ha mostrato come si cuociono le *chicken wings* quelle piccanti. Ricetta che ho provato a riproporre in una versione *mild* visto che il Martirio non apprezza particolarmente il piccante.

Ma il Texas , per me, sono pure le canzoni di Dolly Parton e le avventure di Tex Willer che leggevo voracemente da piccola sottraendo al fratello minore i tanto amati giornaletti, per seguire le avventure di Tex* Aquila della Notte*, Kit Karson *Capelli d’argento* , Kit *Piccolo Falco* , e Tiger Jack l’indiano.
Quelli che combattevano contro i cattivi, sotto un sole cocente, tra serpenti a sonagli e banditi. Quelli che di donne ne vedevano pochine come la moglie di Tex che han seppellito subito al primo numero e poche altre.
Quelli che, finite le fatiche di stender i cattivi, ambiscono solo ad una bistecca altra tre dita con una montagna di patatine e un boccale di  birra gelata.

Gli stessi giornaletti che leggeva il Martirio e che un po’ si atteggia ancora a fare il TexWiller… quando siamo in campagna.

Il Texas del mio immaginario è fatto di banditi, di cavalcate, di barbeque nei ranch, con tanti amici come nel film *Il Gigante*.

Un barbeque come quello che vede spesso riuniti gli amici che mi vengono a trovare nella casa di campagna, con il profumo della carne che arrostisce sulla brace, le insalate fresche ed il pane abbrustolito.

Quale modo di chiudere poi una grigliata country con gli amici? Ma una torta, che diamine!!

E la torta eccola uscire dalle pagine del libro di Laurel Evans: La cucina Tex-Mex.

Una torta di casa, di quelle che si fanno perché *di famiglia*, quelle che si condividono e che rendono le riunioni tra amici meno formali.

Una torta piatta detta torta *lenzuolo* che non ha bisogno di troppi *fronzoli*. Scura come le notti nel Texas, dolce come l’affetto degli amici, e ricca come le noci che la abbelliscono e gli amici che ci sono preziosi.

L’ho portata alla pizzata della domenica ed è piaciuta e… sarà la torta della prossima riunione in campagna, perché è bello condividere il buono con gli amici.

 

Texas Sheet Cake – Torta piatta al cioccolato
 

Per la torta:

260 g di farina
300 g di zucchero
½ cucchiaino di sale
½ cucchiaino di cannella
½ cucchiaino di peperoncino
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
75 g di cacao in polvere
230 g di burro (il mio home-made)
230 ml di acqua bollente
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (il mio home-made)

 

Per la glassa:

100 g di noci pecan tritate
120 g di burro
30 g di cacao
100 ml di latte
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
½ cucchiaino di cannella
350 g di zucchero a velo.



Scaldare il forno a 200°C. Imburrate una teglia rettangolare 22x33cm.

In una ciotola setacciare insieme la farina, lo zucchero, il sale, il bicarbonato e le spezie; mettere da parte.

Sciogliere il burro in una pentola a fuoco basso, quindi incorporare il cacao.

Unire l’acqua bollente e lasciare bollire per 30 secondi, quindi spegnere il fuoco.

Unire il composto di acqua e cacao con la miscela di farina e mescolare bene. Incorporare le uova e il latticello.

Versare l’impasto nella teglia preparata e infornare per circa 30 minuti, o finchè uno stecchino di legno infilato al centro ne esce pulito.

Mentre la torta cuoce, preparare la glassa: sciogliere il burro in una pentola a fuoco basso, quindi incorporare il cacao e mescolare bene. Togliere dl fuoco. Incorporare il latte, vaniglia e zucchero a velo e girare bene. Aggiungere le noci pecan e mescolare.

Appena sfornata la torta, stendervi sopra la glassa. Fare raffreddare prima di tagliare il dolce a fette quadrate e servire.

 

Note mie:

1 – Il latticello l’ho ottenuto dalla lavorazione del burro in casa come spiegato qui.

2  – L’impasto risulta molto liquido… non disperare… in cottura si solidifica!

3 – La ricetta dice 30 minuti di cottura, dipende dalla grossezza della teglia, la mia è cotta in 25 minuti in quanto la teglia era un poco più grande.

4 commenti:

  1. Mia madre aveva la passione dei Western, e da piccola ho fatto indigestione di Texas...di questa torta farei indigestione più volentieri, però!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero scettica ma mi sono dovuta ricredere.... e si sono ricreduti pure i miei XY!!!
      Baci Principessa
      Nora

      Elimina
  2. Certo che leggere certe ricette quando si fa a botte con la dieta un giorno si e l'altro pure, è da masochisti professionisti.
    E' una vita che voglio fare quella della Martha, ma ogni volta che piombo su quella pagina, la giro a velocità della luce....sono rovinata Nora....vado avanti ad insalate e la notte sogno Iron man spalmato di ricotta e zeppato dentro un cannolo siciliano. Aiutttttt...
    Baci, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty ti ho risposto ora, prima avevo le dita piene di Nutella per la torta di Arc.... :-)
      Ad essere sinceri dovrei continuare a mangiare erba fino a diventare verde, veder crescere gli zoccoli e cominciare a belare.
      Ma, tutto sommato, pensandoci bene, mi pare che anche le mucche, che pur si nutrono di erba.... siano grasse.... sarà per quello che non dimagrisco? Troppa erba? Nel dubbio prova questa torta, magari dimezzando le dosi se vuoi non eccedere. Ma falla! E' di una semplicità disarmante ma buona e gratificante!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.