Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 1 luglio 2013

UNA PASTA PER ASPETTARE IL PROSSIMO FINE SETTIMANA.



Lasciare il figliolo anche solo per una settimana, mi fa sentire triste.
E dire che so che è dove vuole essere, in un campeggio bellissimo e attrezzatissimo nel Trentino, assieme ai suoi nonni/schiavi, quelli che fanno solo ed esclusivamente quello che vuole il monello.

Si, perchè la *santa nonna* gli evita di rifarsi il letto (che in camper consta nel chiudere la cerniera del sacco a pelo... sai che sforzo!), gli corre dietro tutto il giorno per veder se suda per cambiargli la canottiera, gli chiede cosa preferisce mangiare e, pur di farlo felice, è capace di cucinare solo per lui il risotto con lo zafferano.....

Cinque giorni lontani dalle sue chiacchiere e dalle sue battute buffe, dai capricci dalle richieste di regali, di gelati, di dolci da cucinare..Tornare a casa e girare come due stupidi (il Martirio ed io) tra le sue cose dimenticate nei posti assurdi, come i suoi disegni tra le pagine di un libro, e guardarci come due marziani persi su un altro pianeta.

Cinque giorni lontani ed tutti i fine settimana in viaggio, per trovare di nuovo il mio amore grande...che corre con la bici per tutto il campeggio e che fa di tutto per non dover perdere troppo tempo sui compiti, che chiede alla nonna piatti speciali, perchè è goloso come mamma....



Dopo i dolci ama soprattutto i primi, ed uno dei più apprezzati, ultimamente, è stata una pasta con il salmone e le arance.

Un trancio fresco di salmone che mi ammiccava dal bancone del pescivendolo e le arance non trattate che mi regalò un amico, hanno fatto da condimento ad un piatto di penne rigate che è risultato fresco e che (miracolo dei miracoli!) è stato apprezzato anche dal Martirio....

Un trancio *archiviato* in freezer è stato resuscitato questa sera perchè un'arancia non trattata (comprata recentemente e ancora passabile) hanno suggerito che ci si consola anche con un piatto di pasta e.... sabato è lontano solo cinque giorni!

PENNE RIGATE AL SALMONE ED ARANCIA

Ingredienti (per tre persone)

gr. 250 di penne rigate
gr. 200 di salmone in un trancio unico
gr. 60 di porro 
1 arancia non trattata (succo e zeste)
1 mazzetto di prezzemolo fresco
Olio EVO
Sale (per l'acqua di cottura della pasta)
Sale affumicato del Mar Morto
Pepe macinato fresco q.b.

Mettere a bollire una pentola molto capiente con acqua e salare senza esagerare.

Tagliare a tocchetti il salmone, dopo aver tolto la pelle.
Tagliare a rondelle sottilissime il porro e tritare il prezzemolo.
Spremere l'arancia e grattugiare in maniera grossolana la scorza della stessa.

In una padella antiaderente, far scaldare 3 cucchiai di olio EVO, mettere il porro ad appassire e aggiungere subito il salmone a tocchetti. Far cuocere il salmone a fuoco vivo per 10 minuti, bagnare con il succo di arancia e far ritirare abbassando la fiamma e aggiungere il sale affumicato (un pizzico senza esagerare).
Quando bollirà l'acqua, buttare la pasta e far cuocere per 8 minuti circa.
Scolarla moooolto al dente e versarla nella padella con il salmone. Far saltare la pasta con il salmone per 4 minuti circa, aggiungendo un mestolo scarso di acqua di cottura. 
Aggiungere la scorza d'arancia e far saltare ancora per 1 minuto circa. 
Impiattare spolverando con il prezzemolo tritato ed una macinata di pepe. 




12 commenti:

  1. Guada che invece 5 giorni passano volando!!!
    E poi la pasta col salmone consolerebbe anche a me che ultimamemte vedo e sento parlare soltanto di "insalate"!!!

    Besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Mai, ma non averlo attorno mi manca tantissimo.
      Anch'io vedo molte insalate ultimamente (dieta impone) ma uno strappo *buono* appaga corpo e spirito e risolleva l'umore.
      Besos
      Nora

      Elimina
  2. Nemmeno te ne accorgi e sarete di nuovo insieme...e sono certa che lui si sta divertendo come un matto, con i suoi...schiavi :-D

    Dolci e primi, condividiamo qualcosa nei gusti!!! ;-)
    Buona giornata, Nora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo (e soprattutto in QUESTO) ha preso da mamma....
      Cinque giorni sono un'eternità e i suoi schiavi li troverò distrutti.
      Nora

      Elimina
  3. Cuore di mamma...Dai Nora, che passa in fretta. E tra pochissime settimane, te lo vedrai preparare lo zaino per andare in Australia!! Preparati! Ottimo l'abbinamento salmone arancia, da provare. Un abbraccione, bela tusa, e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Australia o Giappone.... ma intanto voglio godermelo per bene!!!
      Il salmone con l'arancia ci sta benissimo, credimi.
      Un bacione a te, alla figlia con lo zaino e..... speriamo di ritrovarci presto!
      Nora

      Elimina
  4. Mi ha fatto una descrizione tale di quel campeggio che si indovina lontano un miglio la sua felicità per l'opportunità che gli date!
    Ma la chiesetta... la chiesetta: è la porta del Trentino, salendo dalle valli bresciane, sulla destra. Che nostalgia. Quante volte ho fatto quella strada andando in vacanza con il mio schiavo personale (leggasi nonno trentinofilo) che mi ha fatto conoscere tutte le valli, fino a Pinzolo e Campiglio.
    La pasta, che dire: come vivere senza? E l'arancia di questi tempi è audace, ma ci sta benone. L'ultima l'ho usata per questa: http://ipasticcidelloziopiero.blogspot.it/2013/02/le-girelle-russe-dello-ziopiero.html
    ma se ne trovo un'altra filerà dritta nel salmone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le girelle russe mi san di gran bontà da preparare per le prossime merende scolastiche (ma anche no) di Arc.
      Lui è felice e beato tra i monti con gli schiavetti che pendono letteralmente dalle sue labbra.
      E oggi siamo già a -3!
      A presto
      Nora

      Elimina
  5. Cara Nora mamma meravigliosa, domenica mattina partirò per il Molise ad accompagnare la mia creaturina che non vedrò fino all'8 agosto. Fai il calcolo. In questi giorni che sono sola a casa con lei, me la stracoccolo perché poi so che avrò dei dolori lancinanti di nostalgia quest'anno più di sempre....quando vedi che cominciano a crescere senti ancora di più la mancanza.
    Ma da una parte ho bisogno di ritrovare un po' di intimità con il mio amore che ultimamente è stato volatile come l'elio e magari illudermi di trascorrere una non-vacanza romantica insieme a lui!
    Vedila così anche tu. Ti abbraccio forte carissima. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere lontani ma sempre nei sogni e nei pensieri di entrambi... i nostri cuccioli non prenderanno mai il volo dal nostro cuore!
      E' pure vero che i nostri mariti si trovano nel mezzo di questa sarabanda di sentimenti si sentono a volte un po' messi da parte... anche perchè si sono visti un po' spodestati nel nostro cuore.
      Quindi ben venga un periodo di riavvicinamento anche se, pur ritrovando un poco di complicità, ci ritroviamo a vagare per casa e a cercare il *terzo incomodo*....
      Buona non-luna di miele!
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.