Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

giovedì 26 settembre 2013

Ravioli per Amore :-)


Io cucino per tanti motivi.
Cucino per rabbia, per sfogare le tensioni di tutta una giornata passata in un ambiente totalmente negativo.
Cucino per curiosità, perché ho una ricetta nuova da provare, perché un’idea mi frulla in testa mentre sono al supermercato o solo perché ho letto una ricetta sulla pagina aperta del giornaletto della vicina di metropolitana.
Cucino per riflettere, per cercare nei gesti lenti e famigliari il filo di pensieri che si stan accavallando e smarrendo.
Cucino come una preghiera, perché le mani che impastano, aiutano a tenere il ritmo e la preghiera aiuta i miracoli.
Io cucino per amore. 

Per amore di chi mi sopporta tutti i giorni, da quando mi alzo dal letto e non urla terrorizzato nel vedermi con i capelli in piedi, gli occhi gonfi di sonno trascinarmi a fatica verso la giornata incalzante.
Per amore di chi mi vede sempre di corsa, quasi di sfuggita, mentre mi vesto e mi si smagliano le calze, mentre ci si dividono compiti ed incombenze e ci si scambiano impressioni e tenerezze quando gli occhi si chiudono ed il cervello va in loop.
Per amore di chi sopporta le mie *tirate* sull’ambiente di lavoro degenerato, sui prezzi che salgono sui chili che salgono mentre continuo a mangiare cioccolata o comunque le mie *lune storte*.

Per amore di chi si prende sulle spalle i mie dolori, le preoccupazioni, i fiati corti e mi sostiene fino a tornare dalle ferie appena incominciate per aiutarmi a risolvere un problema che mi angoscia.
Per Amore sono stati cucinati questi raviolini, usando il brasato fatto la domenica precedente per stare a tavola con gli amici. Perché una promessa fatta a chi ami si mantiene sempre…e per una volta non dovrà dire *Stai sempre a cucinare per quel tuo blog … ma una cosa normale mai??*
Una cosa normale, per una cena di una giornata normale.


Una ricetta che viene dalla tradizione piemontese e che Elisa del blog Sapori di Elisa ha lanciato come sfida avendo vinto la precedente competizione di MTChallenge
Una ricetta per una sfida, la trentaduesima per essere precisi, alla quale partecipo anche se so che non vincerò perchè di idee e di versioni migliori ce ne saranno sempre ma mi piace avere un confronto, mettere sul piatto la mia versione. Perchè MTChallenge è un confronto e finchè rimarrà tale, senza boria, sarà come mettersi a tavola con amici, condividere ricette di famiglia, segreti (a volte di Pulcinella perchè in cucina non si inventa nulla di nuovo!) insomma ... imparare.
Questa è la mia seconda proposta… quella dettata dall’Amore, quello con l’A maiuscola e con questa proposta partecipo anche questa volta all'MTChallenge di Settembre




RAVIOLI DEL PLIN CON BRASATO E BARBERA.

Ingredienti
Per la pasta come da ricetta di Elisa
200g farina
2 tuorli
1 uovo intero

Per il ripieno
300 g di brasato alla barbera
50 g di parmigiano reggiano grattugiato fresco
2 cucchiai circa di sugo di brasato

Per il condimento (a persona):
1 cucchiaio di sugo del brasato
2 cucchiai di barbera


Versare sulla spianatoia la farina e formare una fontana.
Rompere al centro le uova e, aiutandovi con una forchetta, cominciare ad impastare.
Lasciare riposare il panetto di pasta per almeno mezz’ora avvolta in una pellicola.

Tritare finemente il brasato assieme al parmigiano grattugiato, aggiungendo per legare, un poco di sugo (non esagerare altrimenti risulterà troppo umido e la pasta resterà troppo umida rischiando di rompersi in cottura).

Stendere la pasta (se volete aiutandovi con la macchina sfogliatrice) a strisce molto sottili.

Aiutandovi con un cucchiaino distribuire la farcia divisa in piccole nocciole a distanza di 1 cm le une dalle altre. Ripiegare la pasta. Fissarla e pizzicare lo spazio tra un ripieno e l’altro e tagliare con gesti decisi i piccoli quadratini.

Far cuocere i raviolini in abbondante acqua salata e scolarli dopo pochi minuti.


Farli *saltare* in padella con un cucchiaio di sugo del brasato e 2 di vino a persona.

28 commenti:

  1. Cara Nora, mi è sembrato di guardare in uno specchio leggendo il tuo post e mi ha fatto molto sorridere l'uscita sul cucinare "una cosa normale"!
    Anche i miei mi rivolgono spessissimo la stessa critica, per fortuna che ci sopportano!!

    Cosa dire di questi plin? Semplicemente divini e ancora più buoni perchè fatti con amore e per amore.

    Buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loredana, sono le critiche che escono dalle bocche di tutti i nostri mariti, fatto salvo che poi si scofanano tutto ciò che presentiamo sul piatto!!
      Ma questi se li meritava proprio!
      Nora

      Elimina
  2. Cara Nora, mi è sembrato di guardare in uno specchio leggendo il tuo post e mi ha fatto molto sorridere l'uscita sul cucinare "una cosa normale"!
    Anche i miei mi rivolgono spessissimo la stessa critica, per fortuna che ci sopportano!!

    Cosa dire di questi plin? Semplicemente divini e ancora più buoni perchè fatti con amore e per amore.

    Buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi aggancio a Loredana, perchè volevo dire le stesse cose. Solo che tu le hai dette meglio.
      Grazie...

      Elimina
    2. mi sa che questo *qualche cosa di normale* è diventato il jingle di molte delle nostre familie.....
      Sempre sulla breccia
      Nora

      Elimina
  3. meraviglioso post, bellissime parole cara omonima.. la cucina per amore è quella che molte volte - anzi, diciamocela tutta, quasi tutte le volte - mi fa mettere ai fornelli per preparare qualcosa di buono.. per regalare una coccola a chi mi sta vicino, e che mi sopporta con tutte le mie lune storte e tutti i miei mugugni :) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che ci accomunano tante cose, oltre al nome?!
      Bacioni omonima!
      Nora

      Elimina
  4. L'amore è SEMPRE l'ingrediente in più, quello che fa la differenza. Ed io tuoi piatti trasudano sempre amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, detto da te è un grossissimo complimento!
      A presto
      Nora

      Elimina
  5. e si legge che cucina per amore, penso che sia l'ingrediente principale per ottenere meraviglie del genere!

    baci cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccoli modi di coccolare chi ami... mi sa che è un po' quello che accomuna noi tutte.
      O no?!
      Nora

      Elimina
  6. Che tu sia una persona che cucina (e non solo quello) per amore, te lo leggo negli occhi ogni volta che ci si vede o sente e si parla di "piatti". Ti riesce benissimo, sai?... E queste sono le prove. Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela, ti ringrazio. Tra me e te ci si è riconosciute... subito!
      Quasi ci fossimo conosciute da sempre.
      Nora

      Elimina
  7. bello. bellissimo.
    non aggiungo altro che... in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità più buoni che belli.... ma al Martirio son piaciuti tantissimo.
      E sono SODDISFAZIONI!
      Nora
      PS ... in bocca al lupo anche a te.

      Elimina
  8. Anche il mio signo Darcy sopporta lacrime, arrabbiature e anatemi lanciati a casaccio; anche lui ha condiviso dolori e delusioni; anche lui ha accettato - forse più di me - i miei limiti e - nonostante tutto - è ancora al mio fianco.....basterà il mio impegno in cucina per ripagarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinta di si, Impegno e amore si traducono in azioni e la cucina è fatta da azioni,
      Da quel che ho visto sul tuo blog direi che di cuore ne metti tanto anche tu!
      Nora

      Elimina
  9. (commento recuperato dalla posta eliminata.... mi scuso con l'autrice, si sa : la tecnologia NON è il mio forte)
    Pellegrina ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Ravioli per Amore :-)":

    Che bella immagine, Nora. Quella del cuore di farina anzitutto. O quella di una donna che corre, al mattino, invece di scambiare tenerezze, mentre le si smagliano le calze? Che tragedia, così modesta e così vera.
    Sarà mica per questo che tutte le donne ormai vanno in giro in pantaloni?
    Comunque, ecco, che questi ravioli al barbera siano normali, behhhhhhhh
    Sono fortunati i destinatari di tanto lavoro, gusto e amore!
    Pardon! Cuore di semola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto mi scuso per aver INAVVERTITAMENTE rimosso il commento... poi ti ringrazio di avere colto la mia immagine.... sempre (o quasi) in pantaloni :-)
      I ravioli sono normali... era buona la carne ma il merito non è nemmeno del macellaio.
      Grazie dei complimenti, sei un'amica.
      :-)
      Nora

      Elimina
  10. Cara Nora, l’Amore di cui parli in questo post è arrivato dritto fin qui, attraverso le tue parole e soprattutto attraverso questa bellissima ricetta di raviole. Il brasato in sé è un’atto d’amore, essendo una ricetta che necessita di tempo e cura, proprio come le raviole del plin.
    Sei sempre speciale! Un bacione e buon we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento! Diciamo che l'amore che ho messo nel farle è arrivato al destinatario.... passando per lo stomaco!
      Baci
      Nora

      Elimina
  11. Che bello questo post, Nora! Ti capisco, perché anche a me capita di cucinare per amore ed è soprattutto quando preparo questo tipo di piatti più tradizionali, più casalinghi che faccio un gesto d'amore. I tuoi ravioli trasmettono esattamente questo stato d'animo, oltre ad essere perfetti e gustosissimi. Grazie anche per questa proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa. Per quanto stimi la cucina elaborata, quella che si mette in tavola tutti i giorni è quella che più arriva al cuore (ed allo stomaco) dei nostri cari.
      Essendo una semplice donna di casa non ho l'ambire di mettermi al livello di stimati professionisti ma mi accontento di vedere la tazza vuota.... e un sorriso beato di chi ha appena mangiato!
      Nora

      Elimina
    2. Ci vuole abilità e amore per cucinare tutti i giorni, per i propri cari, ciò che arriva al cuore attraverso il gusto. Bellissima risposta che condivido in toto.
      Ah, per la rimozione, f o r s e ti perdono (dato tutto quest'amore ;-P ).
      e buon appetito!

      Elimina
  12. Io tico solo che ti adoro e che ti voglio sempre piu' bene...Ecco!...me lo sono meritato un piatto di questi plin?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo se fai cambio con uno dei tuoi.....perchè ti voglio bene anch'io!
      Bacioni
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.