Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 30 settembre 2013

Un tesoro nel bosco e ....le cotolette di funghi.


Sbuffa Arc, e scivola sul mentre si inerpica nel sentierino del bosco.
Mamma è ben cocciuta! Si è fissata di fare una passeggiata nel bosco e nulla la sposta. Ad Arc il bosco non piace poi tanto perchè ha sentito parlare dei cinghiali ed a lui non piacciono affatto i cinghiali.
Teme di essere rincorso ed addirittura ucciso da questi bestioni.
Bestioni poi non saprebbe, visto che non ne ha mai visto uno da vicino vicino.
L'unico che si ricorda è quello che ha attraversato di notte la strada che corre verso l'autostrada e di come Papà e Mamma si spaventarono.
Questa volta però non può opporsi perchè a spasso con loro è venuta un'amica di Mamma, con la sua bimba di quattro anni ed Arc non vuole far spaventare la bimba...
Se solo Mamma fosse più ragionevole! La strada asfaltata è lì più sotto e sarebbe tanto comodo camminare sull'asfalto invece che in mezzo a tutte quelle foglie e quei rametti.
Ma Mamma NON è affatto ragionevole. Chissà poi che cosa penserà di trovare, nel bosco!
Non è più tempo di fragole e non ancora quello delle castagne. 
Solo qualche riccio verde cade ogni tanto dagli alberi. 
I funghi? Ma se Mamma non li vede nemmeno se la dovessero chiamare!

Non ha nemmeno finito di pensarlo e lì, in una sporgenza del sentiero, proprio sopra la strada, fanno capolino due funghi.

- Mamma, saran buoni quelli?
Arc la tira per la manica del giubbotto ed ecco che la situazione si anima: Mamma e l'Amica che si, dicono che sono commestibili e poi, d'improvviso lì attorno si materializzano altri funghi ed altri ancora... come per magia ed è tutto un correre a raccoglierli, uno scivolar tra i rovi aggrappati alla mano della mamma o dell'amica. 

La bimba guarda divertita e fa la guardia ai funghi raccolti ma non ci sono cestini dove riporli e sono TANTI!
Mamma, ormai accaldata per l'eccitazione della raccolta, si toglie il giubbetto di jeans e ne fa un fagotto dove mette il piccolo tesoro.

Ritornano verso casa per far controllare i funghi al marito di Adriana, che li conosce bene e che li prende un po' in giro perchè non sono porcini.
Mazze di tamburo, le chiama proprio così! In effetti, quando sono chiusi, somigliano alle mazze che gli orchestrali usano per suonare quel grosso tamburo nelle orchestre.
Buoni sono buoni e Mamma e l'Amica se li dividono.
Arc resta perplesso: chissà se sarà valsa la fatica di quell'arrampicarsi, infilare le mani nei rovi. Chissà che sapore avranno.
Arrivati a casa quelli chiusi vengono messi in un bicchiere con l'acqua e l'indomani mattina sono aperti come gli altri.

Solo la sera dopo, tornata dall'ufficio, Mamma si chiude in cucina e, per cena, arriva con un piatto pieno pieno di cotolette.

- Mamma, e.... i nostri funghi?

Sorride Mamma, mentre Arc si riempie la bocca con un pezzo di cotoletta e... sono funghi! I SUOI FUNGHI!!!! A cotoletta!

Non fiata che alla fine Arc: - Mamma quando andremo ancora a fare una passeggiata nel bosco?

Chissà......

CAPPELLE DI MAZZE DI TAMBURO IMPANATE E FRITTE

Ingredienti
6/7 cappelle di mazze di tamburo
2 uova
Pangrattato
Olio per friggere (EVO o d'Arachide)

Pulire bene le teste dei funghi con un pennello.
Lavarle delicatamente sotto l'acqua e lasciarli asciugare sulla carta assorbente per qualche minuto.
Sbattere le uova e tuffarvi le cappelle.
Impanarle per bene (se serve fare una doppia impanatura) e tuffarle nell'olio bollente.
Farle dorare da entrambi i lati e SERVIRLE CALDISSIME salandole solo prima di portarle in tavola. 



6 commenti:

  1. Quante avventure che vive Arc insieme alla sua mamma!! ...e se poi procurano anche qualcosa di cosi' buono....Un abbraccione Nora, buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di avventure ne viviamo sempre con un curioso come Arc! Poi quando si tratta di mangiare: è tutto la sua mamma.... non si tira indietro mai!
      Buona settimana anche a te.
      Nora

      Elimina
  2. MA che bella avventura....Arc sarà stato felicissimo che i funghi si siano trasformati in cotolette, io lo sarei stata!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che mi sta tormentando da una settimana per tornare a cercarli nel bosco!
      Diciamo che mi somiglia... e non solo nei lineamenti!
      Bacioni (soprattutto da Arc)
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.