Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

lunedì 5 dicembre 2016

SEMIFREDDO AL CAFFE' PER IL CALENDARIO DEL CIBO AIFB E LA SETTIMANA NAZIONALE DEL CAFFE'.



Da oggi inizia La Settimana del caffè per IL CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO di AIFB della quale è ambasciatrice Mai Esteve del Blog Il colore della Curcuma.
Nel profumo del caffè io ci sono cresciuta, visto che il nonno Peppino (il marito della nonna Maria) era titolare di una torrefazione che dagli anni 30 che operava sul mercato di Milano fornendo i locali della "Milano da bere" più conosciuti.
Ancora adesso, quando passo davanti al portone di Via Olona 2, a Milano, mi par di sentire ancora il buon profumo che veniva dalla macchina per tostare i chicchi verdi e piccini. 
Se chiudo gli occhi mi par di vedere ancora la grande macchina torrefattrice in azione, con il nonno che ne controllava il lavoro; i sacchi di iuta impilati in ordine in magazzino; il grande ufficio con le poltrone di cuoio ed il mobile con i vari tipi di caffè in bella mostra.
Quante volte ho aiutato a riempire i sacchetti bianchi con la Z che ne determinava la firma di Nonno e con la scritta a mano (in bella calligrafia) della miscela scelta.
In supporto alla giornata mi è subito venuto in mente questo dolcissimo peccato di gola che ha un sapore un po' "agée" ma è stato sempre apprezzato come fine-pasto nelle mie cene o nei pranzi di famiglia.
Certo non si può definire "light" visto la quantità di burro che si utilizza per la sua realizzazione ma, tra le ricette di dolci (pochi) che mi ha lasciato mia madre, è sempre stato una buona soluzione.
L'ho già pubblicato in passato (qui) ma mi è parsa un'ottima occasione per supportare l'interessante articolo di AIFB redatto da Mai.
Quindi, per gli amanti di questa bevanda, consiglio vivamente di provare a realizzarlo (magari in monoporzione) e vedrete che ve ne innamorerete.
Non a caso il Martirio, uomo che solitamente non propende per il dolce, me lo chiede ogni tanto.


SEMIFREDDO AL CAFFE'






Montate il burro con lo zucchero a velo sino a che diventa bianco e spumoso.
Aggiungete, 1 alla volta, i tuorli.
Aggingete a filo 1 tazzina di caffè.



Prendete una pirofila (meglio se in vetro), foderatela con la pellicola trasparente.
Distribuite sul fondo metà del composto livellandolo bene.
In un piatto fondo o una terrina, mescolate i 2 liquori ed il caffè rimasto.
Distribuite metà dei biscotti, imbevuti della bagna, sul primo strato di crema. 
            Ricopriteli con un altro strato di crema (sempre ben livellato) e aggiungete 
            altro strato di biscotti.

Fate riposare in freezer per almeno 2 ore. Prima di servire, capovolgete la teglia su un piatto di portata, togliete la plastica con la quale vi aiuterete a sformarlo, e cospargetelo di cacao (o codette di cioccolato).
Guarnite con i chicci di caffè. 



1 commento:

  1. Torrefatori in famiglia??? Non è da tutti sai?
    Grazie per questo semifreddo, da provare sicuramente, magari adesso che si avicinano le feste può essere un'ottima idea!!!

    besos

    RispondiElimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.