Questo sito utilizza i cookie per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultate la nostra politica sui cookies.

venerdì 29 settembre 2017

Confettura di fichi e zenzero per ricordare i sapori semplici dell'infanzia



Quest'anno ho mangiato pochissimi fichi e un po' me ne dispiace.
Sui banchi del mercato ne trovavo ma a che prezzi!
Quindi ne ho presi proprio pochini e contati ma avevo un voglia di una confettura buona per iniziare bene la giornate nelle fredde mattine invernali.
Era la voglia di ritornare bambina quando con i miei tutti i sabati si partiva per il Lago Maggiore dove avevamo in affitto un appartamento.
Un muraglione di pietre ed un cancello di ferro battuto erano il confine di un piccolo mondo, dove un terreno con piante da frutta e filari di uva era il regno del gioco di un piccolo manipolo di bambini.
Ho imparato ad arrampicarmi sugli alberi, a prendere i conigli per le orecchie, a scansare gli alveari con le api che, se disturbate, pungevano.
Capriole nei prati, ortiche che pungevano, le albicocche piccole e dolcissime come non ne ho più mangiate, di un albero in un angolo del cortile sono i ricordi che mi restano nel cuore con lo sfondo del castello di Angera che si staglia dal lato opposto del lago.





Dalla finestra del bagno di casa nostra, sporgendosi appena, si arrivava ai rami di un fico contorto che faceva sempre tantissimi frutti e che buoni!
Erano così tanti che Nonna Maria ne faceva una confettura. Semplice e zuccherosa che si conservava per l'inverno.
Alla fine di settimana scorsa ho finalmente trovato dei piccoli fichi neri ad un prezzo decisamente conveniente, nel grossista vicino casa che nel pomeriggio apre anche al pubblico con i prezzi da ingrosso.
Sono riuscita quindi a prendere un paio di cestini e, mentre pensavo al sapore della mia confettura, mi ha fatto l'occhiolino una radice di zenzero.
Fichi.
Zenzero.
Stanno bene assieme! Tanto bene che non ho resistito ed un vasetto di confettura l'ho già aperto e ... sarebbe piaciuta anche a Nonna Maria!

CONFETTURA DI FICHI E ZENZERO



Ingredienti:




800 g di fichi maturi (puliti)
500 g di zucchero semolato
2 cucchiai di radice di zenzero fresco grattugiata



Dopo avere pelato i fichi, tagliateli a pezzettoni e metteteli in una pentola larga e non troppo alta, a macerare con lo zucchero e la radice di zenzero.



Dopo un'ora, quando il fichi avranno rilasciato un po' di succo che avrà cominciato a sciogliere lo zucchero, portate a ebollizione a fuoco medio.




Fate sobbollire continuando a mescolare ed a schiumare la composta fino a che arriverà ad una temperatura di 105°C (misurandola con il termometro). In alternativa fate correre alcune gocce di confettura calda su un piattino. La confettura sarà pronta quando, inclinando il piattino, la goccia si solidificherà subito.


Fate sterilizzare i barattoli puliti nel microonde per 2 minuti ed invasate la confettura calda chiudendo bene il tappo e mettetela a raffreddare rovesciata su un tagliere di legno.



Quando saranno freddi girateli e verificate che si sia creato il vuoto sotto il tappo.




Conservate (se ci riuscirete!) in un luogo fresco ed asciutto.


3 commenti:

  1. I fichi li ho a costo e km zero: dal balcone della mia casa paterna si colgono quelli della pianta nata e cresciuta da sola in questi anni. E anche la marmellata di fichi quest'anno è a km e costo zero: mio padre, che in conseguenza degli acciacchi dello scorso anno è diventato più casalingo e si avventura meno fuori casa, si è dedicato a trasformare quei fichi in marmellata e l'altra sera mi ha fatto trovare pronto un bel vasetto per le mie colazioni invernali. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E beata te Claudette. La pianta che hanno in campagna mia mamma e suo marito quest'anno non ha dato fichi: troppa siccità. Io non ne ho mangiato neppure uno e sono i miei frutti preferiti. Altro che succose marmellate...

      Elimina
    2. Sicuramente i fichi a km. zero saranno più gustosi di quelli che ho trovato io dall'ortolano. Per giunta hai un ingrediente speciale: l'amore di chi ha realizzato la confettura!
      Baci
      Nora

      Elimina

Tutti coloro che si palesano possono lasciare un commento... basta sia educato - Non pubblico per scelta commenti non firmati.